Gran fritto misto alla Piemontese

 Il fritto misto alla piemontese è un piatto della tradizione intoccabile ed è lunghissimo sia da preparare che da cuocere, vista l'elevata elaborazione che occorre meglio se si è almeno in due persone per farlo, tipo catena di montaggio :-) è ovviamente un piatto unico (anche se conosco chi ha avuto il coraggio di mangiare antipasti e un ulteriore dolce a seguire), va fritto e servito un po' per volta tutto caldo, a piacere il salato col dolce, oppure prima tutto il salato e poi tutta la parte dolce, va a gusti come si preferisce; io gradisco gustare salato e dolce insieme (certo bisogna azzeccare gli abbinamenti).

Consiglio di preparare tutta la parte che va impanata nell'uovo e pangrattato, poi quella solamente infarinata, dopo aver fatto friggere conservare in una pirofila già calda in forno a 80°, (anche se andrebbe cotto e mangiato subito per gustarlo al meglio, ma anche chi cucina avrà il piacere di sedersi a tavola coi commensali) la parte impastellata invece va intinta, subito fritta e subito servita croccante e calda; quindi va fatta cuocere per ultima.
C'è da dire che preparare in casa il gran fritto alla piemontese è molto impegnativo (lo è anche mangiarlo:-))) se si scova un ristorante che lo cucina ad hoc (e non è assolutamente scontato trovarlo) tenetevelo stretto, ma se volete cimentarvi a preparalo voi in casa avrete bisogno di manovalanza e spazio in cucina per poter appoggiare gli ingredienti di tutte le preparazioni, si può anche optare di ridurre l'opulenza e fare un ottimo fritto misto (senza il  "gran"), in questo caso quello che però non deve assolutamente mancare per la parte salata è: cotoletta di vitello e pollo panate, salsiccia, fegato, cavolfiori e zucchine; per la parte dolce: frittelle di mele, amaretti e semolini. 
Il resto, diciamo, è optional.

Il passo-passo delle preparazioni  lo trovate nelle ricette singole presenti sul blog già fatte in precedenza (di cui inserisco il relativo link nella lista degli ingredienti) e mi riferisco a: porcini, finocchi, semolini, crema pasticcera, baci di dama, frittelle di mele. 
Cliccate sopra e andate a leggere :-) 
 
Cosa serve a persona 

per la parte salata:
2 pezzi di salsiccia di suino fresca (luganega)
1 cotoletta di vitello
1 fettina petto di pollo
1 fettina fegato di vitello
2 pezzetti cervella (*opzionale se gradito)
2-3 rane (* opzionale se gradite)
3-4 fette (tagliate per il lungo) zucchine
3-4 fette melanzane piccole 
a seconda della stagione 3-4 pezzetti di: funghi porcini, zucca, carciofi, (zucca e carciofi idem come i porcini)  finocchi e cavolfiori (cavolfiori idem come i finocchi) usare per tutto pangrattato e non farina di mais. 

per la parte dolce:
2 pezzi crema pasticcera o crema zabaione (aggiungere un bicchierino di marsala alla crema pasticcera)
2 amaretti secchi medi
2 frittelle di mele frittelle di mele
2 prugne secche denocciolate
4 pavesini
confettura albicocca q.b.

Poi serve: 
uovo q.b.
farina bianca q.b.
pangrattato q.b.
marsala + latte q.b.
olio di arachide per friggere q.b.
due o più padelle (una per la parte salata ed una per la parte dolce)
zucchero semolato q.b.
Sale q.b.
carta da cucina assorbente

Impanare la carne passandola prima nell'uovo sbattuto e poi nel pangrattato.
Infarinare la salsiccia, la cervella (precedentemente pulita dalla membrana ed impurità, lavata bene sotto acqua corrente e tenuta a bagno almeno mezz'ora in acqua e aceto bianco) e il fegato.
Panare anche le melanzane, i finocchi e i cavolfiori. Funghi e zucca se ci sono. 
Friggere prima tutta la parte passata solo nella farina, poi quella impanata uovo e pangrattato, poi proseguire con il resto della parte vegetale e le rane passarle in una pastella leggera di farina, uovo e acqua.
Panare anche la crema (o zabaione) avendo cura di farla più densa.
Fare raffreddare a temperatura ambiente almeno un paio d'ore le creme messe ancora calde dentro a contenitori rettangolari e coperte a contatto con pellicola e poi passate in frigorifero per altrettanto tempo (se preparate il giorno precedente è meglio) tagliare cubettoni, passarli nell'uovo e nel pangrattato. Passare uovo e pangrattato anche le prugne e i baci di dama. Tenere da parte.
Prendere un pavesino e spalmare un pochino di confettura di albicocca, coprirlo con un altro pavesino tipo sandwich.
In una ciotolina sbattere un pochino di marsala con un po' di latte, passare sia i pavesini che gli amaretti e poi passarli nel pangrattato. Tenere da parte.
Preparare anche le frittelle di mele. (La ricetta è linkata negli ingredienti)
Friggere anche la parte dolce, fare scolare il fritto e cospargere con poco zucchero semolato.
SERVIRE! (spero di non aver dimenticato niente...)

                          Buon appetito! (Non si dice lo so,  mi è scappato :-))

Seguiteci anche sulla nostra pagina facebook cliccando QUI

Simona

  1. Ammazza, già solo la vista degli ingredienti fondamentali fa tremare il colesterolo delle vene :-) non oso immaginare se si aggiunge anche l'optional. Anche io amo mescolare il fritto salato e dolce. Non credo che mi cimenterò mai in una cosa del genere ma devo dire che mi piacerebbe assaggiarlo almeno una volta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😇🙂🤣 mi hai fatto morire dal ridere! Eh si mica si mangia tutti i giorni, come tutti quei piatti molto abbondanti e tradizionali che si gustano una volta ogni tanto

      Elimina
  2. Molto particolare.. m davvero sfizioso!!!! baci

    RispondiElimina
  3. Deve essere buono, ho provato il gran fritto bolognese assomiglia in po verdura carne e dolci ma per farlo a casa un lavoraccio.... bravissima prendo da qui. Buona serata cara spero tutto bene, un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Buono, buono, buono.... E tanto!!!!
    Tanto sia riferito alla bontà, che alla quantità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essi! La quantità quando ci vuole - ci vuole
      😁😘

      Elimina
  5. Un plat original qui semble plein de saveurs.
    Je ne connais pas du tout.
    A bientôt

    RispondiElimina
  6. Ne ho sentito tanto parlare... stamattina ho visto le foto e non vedevo l'ora di leggere la ricetta.. Certo è molto impegnativo ma immagino la soddisfazione!!! spero di assaggiarlo prima o poi :D

    RispondiElimina
  7. E' proprio il caso di dire piatto ricco mi ci ficco! Del resto è vero che una volta ogni tanto.... Bravissima Simo, è perfetto :)

    RispondiElimina
  8. Oh mammaaaaaaa vengo subito ora adesso sto partendo!!!! Simo è uno spettacolooooooo... Si capisce che mi piace da paura!!!!!! Grandissima davvero!!!!

    Un abbraccio grande Simo
    Moni

    RispondiElimina
  9. Un super fritto alla piemontese, avessi qualche anno in meno lo mangerei tutte le settimane però mi hai fatto venire una bella idea per capodanno, grazie

    RispondiElimina
  10. Un super piatto goloso!! Brava Simona ^_^
    Buon fine settimana, un grande abbraccio

    RispondiElimina
  11. Prepararlo in casa è una grande soddisfazione... ma che lavorone!!!
    Sono fortunata, mia suocera lo cucina divinamente ed io ne approfitto.
    Lo ammetto... io così completo in tutta la sua meraviglia non l'ho mai fatto! Ora da piemontese vado ad inginocchiarmi sui ceci!
    Un bacione Simo, prima o poi verrò ad assaggiare il tuo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😅😂🤣 Lory... ma infatti fai bene, approfitta. Lo fai una volta nella vita e basta poi si va al ristorante che è meglio ...

      Elimina
  12. Questa sì che è una vera ghiottoneria, lo adoro, complimenti!!!!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!