Verza e salsiccia

Oggi niente ricetta light, anzi.. eh beh quando ci vuole - ci vuole! Anche questo è un comfort food, non è vero? Noi, in piemonte, questo piatto lo chiamiamo "salsiccia e crauti" ma so bene che i veri crauti tedeschi (sauerkraut) si preparano in maniera diversa, intanto si usa il cavolo cappuccio e non la verza, poi dopo averli tagliati sottilmente, si mettono per molti giorni a fermentare in botti di legno con spezie tipiche bavaresi e sale, e saranno pronti da mangiare solo dopo qualche settimana. Prima o poi voglio provare a farli in casa, senza botte ovvio, ma se trovo una ricetta alternativa e fattibile, proveròIntanto ecco i semplicissimi "crauti piemontesi" :-))) 


Cosa serve per DUE persone:
1/2 verza (se si cucina in inverno, dopo la prima gelata, la verza sarà più tenera e saporita, io preferisco quella scura, ma per adesso ho trovato questa)
1/2 cipolla bianca
1 spicchio aglio
1/2 bicchiere vino bianco secco
1/4 bicchiere aceto di vino bianco
brodo vegetale (o acqua) q.b.
poco sale e pepe
300 g. salsiccia fresca
olio evo

Lavare le foglie della verza ed eliminare la costola centrale che è dura, arrotolare le foglie e tagliarle a listarelle sottili. In un capiente tegame scaldare un filo d'olio con la cipolla a fettine sottili e l'aglio intero, unire la verza e lasciare insaporire, aggiungere 1/4 di bicchiere di vino e 1/4 d'aceto, quando è tutto evaporato, togliere l'aglio, salare, pepare ed unire abbondante brodo vegetale o acqua calda, mettere il coperchio e lasciare stufare a fuoco dolcissimo a lungo, fino a quando la verza risulta tenerissima, quasi fondente. Aggiungere acqua ogni tanto se necessario.
In un tegame a parte cuocere la salsiccia senza aggiunta di grassi, farla rosolare bene ed aggiungere il restante vino, mettere il coperchio quando è evaporato e portare a cottura (una decina di minuti per la nostra salsiccia); infine quando i "crauti" sono cotti unire il tutto e portare a tavola ben caldo.
Si possono servire per accompagnare salami cotti, cotechini, wurstel, stinco di prosciutto arrosto e carne lessa in genere.


Simona

  1. Una bella ricetta contadina, gustosa, quando ci vuole ci vuole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo rispetto all’originale... meglio non parlarne nemmeno. Tu sei troppo gentile 😘

      Elimina
  2. Verza piace moltissimo a marito. A Trieste i nostri vecchi inclusa la vecchia zia di marito diceva che per essere buoni devono "avere il fischio" cosa intendesse... mai capito :D e come l'altra frase famosa "sugo di ucceletti scampai" ovvero il sugo non aveva la carne ..... Si devono consumare molto e sono presenti anche le patate praticamente non si capisce che sono verze solo dal sapore. Le faccio solo per lui a me piacciono meno consumate come le fai tu. Buona giornata bacioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah interessante! In effetti chissà cosa voleva dire 😅

      Elimina
  3. Adoro i comfort food! e con questo primo freddo a Milano e con la tristezza del lockdown sarebbe davvero perfetto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa, qui non fa affatto freddo, mai visto un inizio novembre così caldo ho la sensazione che bene non faccia... questo piatto pero ci sta bene lo stesso 😁😘 un bacione

      Elimina
  4. Ah ma allora mi vuoi male! Tutte le volte che passo da te devo mettermi a sbavare, ti pare giusto? Hmmm?? Che roba buona, Simona!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!