Uva spina bianca e lamponi alla grappa

...... Ancora conserve! eh beh .... è la stagione no?
Questi sono frutti che coltivo nel mio orticello con grande soddisfazione.
La grappa utilizzata, poi, ovviamente (a chi piace) è ottima da sorseggiare così com'è oppure come bagna per i dolci e, perchè no, per correggere il caffè.

Si possono utilizzare anche i mirtilli! (io quest'anno ne avevo pochi e li ho mangiati freschi e congelati per le macedonie invernali)

Cosa serve:

grappa morbida di ottima qualità q.b.
uva spina bianca q.b.
lamponi q.b.
miele di acacia q.b.

Meglio usare vasetti molto, molto piccoli. Perchè non è poi che questi frutti sotto grappa se ne mangino a piene cucchiaiate! Se ne assapora qualcuno sopra un gelato, soli come dessert magari a fine di pasto sostanzioso, come accompagnamento con una crema inglese, ad esempio.
Io quindi ho usato vasetti piccolissimi da 125 g.

Lavare molto delicatamente i frutti e asciugarli, tamponandoli, con carta da cucina o un canovaccio.

Usare sempre vasetti perfettamente lavati e sterilizzati.

Riempire SENZA schiacciare i vasetti con i frutti scelti, aggiungere 3 cucchiaini di miele di acacia per ogni vasetto (non usare altro miele. Deve essere molto fluido e molto dolce, quindi quello di acacia è l'ideale), ricoprire con la grappa. Coprire poi con pellicola e lasciare riposare tutta la notte. La mattina rabboccare con la grappa che sarà "andata un po' giù". Chiudere bene con capsule nuove, agitare i vasetti e metterli al sole tutto il giorno agitandoli almeno una volta al giorno.

RITIRARLI LA SERA!!!! Non devono prendere umidità.
la mattina seguente rimetterli  al sole come sopra.

Continuare così per 1 settimana. Per quanto riguarda i mirtilli e i lamponi si noterà che la grappa avrà preso il loro colore: bellissimi i vasetti e buonissima la grappa!



Poi etichettarli e riporli in cantina o luogo fresco e aspettare almeno un mese prima di consumare.

Parmigiana di melanzane e zucchine

Ho ancora ricette da postare che avevo cucinato ancora nell'altra casa figuriamoci... con, ovviamente, verdure dell'altro orto. Le foto fanno decisamente pena (si sa... via-via uno migliora, da fotografa scarsissima a fotografa decente.... o almeno ci si prova!), la pietanza invece è stra--buona sempre :-)

Darò dosi approssimative perchè dipende, di base, da quante melanzane e zucchine si sono adoperate, ed io non me lo ricordo di preciso. In ogni caso per una teglia per circa 4 persone servono:


n. 2 melanzane tonde violette
n. 4 zucchine grandi
salsa di pomodoro q.b. (possibilmente fatta con pomodori freschi)
farina di riso (o di semola) per impanare q.b.
olio per friggere q.b.
sale q.b.
n. 1 mozzarella da 200 g.
scamorza bianca circa 100 g.
parmigiano e/o pecorino grattugiati q.b.
basilico fresco

Lavare le melanzane, tagliare via le estremità, tagliarle e fette e metterle in uno scolapasta spolverizzandole di sale. Coprire con un piatto e lasciare scolare via l'acqua amara per circa un'ora.

Nel frattempo tagliare a cubetti la mozzarella e metterla in un colino a scolare l'acqua in eccesso.
Tagliare a cubetti anche la scamorza e grattugiare i formaggi.
Asciugare bene con carta da cucina ed infarinarle nella farina di riso, scuotendo bene l'eccesso di farina. tenere da parte.

Lavare, asciugare e tagliare per lungo le zucchine in fette spesse come le melanzane ed infarinarle come sopra.

Friggere, separatamente, le melanzane e le zucchine, Poi mettere le verdure fritte in un piatto foderato con carta da cucina per assorbire l'unto e salare leggermente.


In una pirofila mettere nel fondo un po' di salsa di pomodoro mescolata con due cucchiai di olio, fare uno strato di melanzane, mettere qua e là cubetti di mozzarella e scamorza, qualche cucchiaiata di salsa di pomodoro e, in ultimo , spolverizzare con i formaggi grattugiati.
Fare un secondo strato identico ma utilizzando le zucchine e proseguire così fino ad esaurimento degli ingredienti, finendo con uno strato di salsa di pomodoro e formaggio grattugiato abbondante. guarnire con basilico fresco


Mettere a gratinare in forno già caldo ventilato a 180° per 30-35 minuti.
Togliere la teglia dal forno, attendere una decina di minuti e servire.
E' ottima anche (e soprattutto secondo me) se preparata il giorno precedente.


Buon ferragosto!

BUON FERRAGOSTO!



Sul barbecue di casa mia, si è scelta la pietra per arrostire: costine di maiale, salsicce di maiale, tante patate....

Sandwich di melanzane con ricotta e prosciutto

Lo scorso anno ho scoperto questa qualità di melanzana...

... e le piantine padroneggiano nell'orto! La polpa è bianca, dolce, con pochissimi semi. 

Cosa serve:

1 melanzana grossa violetta striata 
6 fette prosciutto cotto bello grassottello
200 g. circa di ricotta romana (compatta e asciutta)
sale
1 uovo
pangrattato q.b.
olio per friggere (arachidi o evo)

Io ho ricavato 12 fette di melanzana (quindi 6 sandwich).

Lavare e tagliare a fette regolari non troppo spesse ma nemmeno trasparenti la melanzana, metterle in uno scolapasta salandole abbondantemente. Coprire con un piatto per comprimerle e lasciare che spurghino l'acqua amara un paio d'ore, poi prenderle e asciugarle bene in mezzo a qualche foglio di carta da cucina.


Scegliere le fette di melanzana in base alla forma e grandezza per poi sovrapporle (a panino), mettere quindi sulla metà delle fette sei fettine dal pezzo di ricotta romana, (se non fosse asciuttissima la ricotta, occorre metterla a scolare finchè perde tutto il siero) le sei fette di prosciutto cotto.
Ricoprire con l'altra metà delle fette di melanzane, passarle nell'uovo sbattuto scolandole bene, poi nel pangrattato ed infine friggerle in olio ben caldo. Alla fine salare leggermente e servire.