Uova e tonno in salsa verde alla piemontese

Oggi alla  rubrica al Km 0 prepariamo piatti con le uova! A chi non piacciono? Io porto la cena e ho preparato  una ricetta della tradizione piemontese che può cambiare da provincia a provincia e addirittura da famiglia a famiglia. Mia nonna, ad esempio la preparava soltanto con le uova, la suocera di mia sorella solo col tonno. Io, che sono golosa, li metto entrambi :-) 
Posso, credo, però dire con certezza che si tratta di una ricetta piuttosto datata, un tempo le erbette venivano tritate finemente con la mezzaluna e poi, dopo averle brevemente cotte, venivano mescolate con uova e/o tonno;  io ho scelto di dare un po' di eleganza ad un piatto davvero buono svecchiando un pochino la preparazione preparando una salsa vellutata, da lasciare a specchio sul piatto di portata o direttamente dentro ad una bella casseruola come ho fatto io, da portare in tavola per mantenere la preparazione calda, lasciando separati gli ingredienti di accompagno che saranno da amalgamare alla salsa successivamente, al momento del consumo. 
Questo è un piatto la cui immagine non rende idea della sua bontà :-) 
Vi consiglio di non omettere ne l'aglio (ci vuole!) ne l'aceto (ci vuole anche questo)



Cosa serve:

4 uova sode
200 g. erbette miste primaverili spontanee e coltivate (un pezzo di porro tenero, bietoline, borragine, prezzemolo, tarassaco, spinacini, foglie di melissa, foglie di menta, foglie di sedano, foglie piccole e tenere di ortica, viole, cerfoglio, ecc. ecc.)
olio evo q.b.
1 spicchio aglio
sale e pepe
1/2 bicchiere aceto bianco
1 pomodoro (o 2 se sono piccoli)
200 g. filetti di tonno sott'olio sgocciolati (peso netto)


Lavare bene le erbette. In un tegame dal fondo antiaderente e spesso scaldare un filo d'olio con uno spicchio d'aglio tagliato a fettine, unire subito le erbette grondanti ancora dall'acqua del lavaggio, mantenere la fiamma dolce, mescolare, salare e pepare; unire il pomodoro privato dalla pelle e dai semi tagliato a pezzi, mettere il coperchio e fare stufare 15 minuti aggiungendo poca acqua al bisogno.
Nel frattempo fare lessare le uova come di consueto: 8 minuti dal bollore. Poi passarle in acqua fredda per fermare la cottura, sgusciarle e tagliarle a metà.
Trascorso il tempo unire l'aceto, una volta fatto evaporare lasciare ancora le erbette a prendere sapore per 5 minuti aggiungendo acqua se serve. (occorre tenere presente che frullando il tutto bisogna ottenere una salsina morbida ma densa).
Travasare il tutto nel bicchiere del frullatore ad immersione e frullare bene, regolare sale e pepe e l'acqua se risulta troppo densa la salsa.
Rimettere la salsa nel tegame ancora caldo, unire le uova sode e il tonno. Servire subito!

                                                             La scarpetta è assicurata.

Se replichi la ricetta, inserisci per cortesia il link di provenienza al mio blog. Grazie
Seguiteci anche sulla nostra pagina facebook cliccando QUI

Malloreddus con asparagi e ricotta

Non so voi ma io inizio ad avere voglia di un viaggio... e allora iniziamo a gustare prodotti dal sapore vacanziero, giusto per avere un assaggio.
Ho comprato questa pasta sarda che mi piace molto (anche se fresca e gustata sul posto e vabbè... è un'altra cosa ça va sans dire) e l'ho abbinata a prodotti del mio territorio come la ricotta e asparagi del Piemonte. Beh secondo me è un matrimonio che può funzionare :-) 



Cosa serve per DUE persone:
160 g. malloreddus secchi di ottima qualità (o una quantità maggiore, a piacere)
4 cucchiai ricotta cremosa
200 g. asparagi
Olio evo q.b.
Basilico fresco q.b.
Sale e pepe q.b.

Per prima cosa pulire gli asparagi in questo modo: afferrare con la mano sinistra l’asparago a metà gambo, con la mano destra spezzarlo. In questo modo si eliminerà tutta la parte legnosa. Con un pelapatate sbucciare il rimanente 2/3 per far sì d’avere una cottura omogenea (le punte sono le più tenere), lavarli e cuocerli a vapore. Alla fine salarli e condirli con un filino d’olio evo.


Mentre la pasta cuoce in abbondante acqua salata, mettere in una ciotola la ricotta e lavorarla qualche istante con un filo d’olio evo, sale e pepe, aggiungere i gambi degli asparagi cotti e fatti a tocchettini. Tenere da parte le punte per decorare il piatto. Unire al composto di ricotta e asparagi due cucchiai (o q.b. dipende dalla morbidezza della ricotta) di acqua di cottura della pasta in modo da ottenere una crema.
Quando i malloreddus sono cotti al dente, scolarli e versarli nella ciotola, amalgamare bene e servire subito decorando il piatto con le punte degli asparagi tenute da parte e foglioline tenere di basilico lavato ed asciugato.
Se replichi la mia ricetta inserisci per cortesia il link di riferimento al mio blog, Grazie :-)

Pane con farine Senatore Cappelli e tipo1 con lievito madre

Oggi un pane, o meglio, un connubio di farine che mi ha dato molta soddisfazione. Poi, tra l'altro, è venuto panciutissimo, mai successo! Sembra lo abbia gonfiato :-)))
Cerco sempre di migliorare tecniche, temperature e impasti. Cerco sempre di raffinare la texture dei miei impasti; le tempistiche di lievitazione/maturazione, riposo e la cottura li ho abbastanza azzeccati ormai, infatti per alcuni passaggi ormai è sufficiente il copia/incolla, ma mai fermarsi, mai pensare di avere raggiunto gli obiettivi, mai perdere la curiosità di provare e riprovare. Io dal momento che ho toccato con mano una farina, anche se l'ho adorata, passo a testarne un'altra. 
Per cui state sintonizzati...




Cosa serve:

350 g. farina di grano duro Senatore Cappelli
150 g. farina bio tipo 1 macinata a pietra
90 g. lievito madre rinfrescata e al raddoppio (se si vuole fare con lievito di birra fresco, usarne 8 g.)
15 g. sale fino marino integrale
1 cucchiaino di malto d'orzo bio in polvere
350 g. acqua leggermente a t.a.
semi di sesamo bio q.b.

N.B. Non ho provato a fare questo pane con lievito di birra per cui do indicazioni ipotetiche sulla base della mia esperienza. Se non si possiede lievito madre, credo si possa optare per utilizzare 8 g. di l.d.b. fresco
questa è la proporzione che uso quando panifico con il lievito compresso (solo per alcuni formati di pane), se si panifica in estate metterne di meno.

(orari indicativi: quelli che ho usato io)

Ore 13,30 tirare fuori dal frigo il lievito per acclimatarlo, (dopo una mezz'ora spesso faccio il bagnetto al lievito lasciandolo in ammollo in acqua leggermente tiepida con un pizzico di zucchero se ha un odore un po' acido, poi lo strizzo e proseguo) ore 14,30 rinfrescare il lievito, tenerne da parte 90 g. e l'altro (dopo aver fatto partire la lievitazione, quindi dopo 2 o 3 ore) metterlo in frigo per le panificazioni successive.
Ore 17,30-18 mettere nella ciotola della planetaria il lievito a pezzetti con l'acqua e, con l'accessorio foglia, scioglierlo facendolo schiumare (se si fa a mano mescolare energicamente con una forchetta in una ciotola) unire quindi tutta la farina, il malto e il sale. Mettere il gancio e incordare, impastare fino a quando l'impasto risulta liscio e si stacca dalle pareti.

Spegnere, ungersi le mani, riversare l'impasto sul piano da lavoro e dare due pieghe a distanza di 15 minuti l'una dall'altra, coprendo sempre l'impasto con pellicola, poi chiudere l'impasto pirlandolo e mettere la palla, con la chiusura verso il basso, in una capiente ciotola leggermente oliata; coprire con pellicola e canovaccio (io poi lo tengo fermo con un grande elastico in modo che non passi aria, l'impasto non deve assolutamente seccare) e lasciare la ciotola a t.a. per 3 ore, poi trasferirla in frigo a fare maturare l'impasto per 10-14 ore, a seconda dei propri impegni (quindi fino alla mattina successiva e se seguono gli orari che ho usato io).

La mattina ore 9,30 circa
Prendere l'impasto e delicatamente rovesciarlo sul piano da lavoro. Dare una piega a libro, coprire con pellicola e canovaccio e lasciare riposare 15-20 minuti e ripetere un'altra volta. Questo passaggio è importante, serve a dare corpo e volume al pane.
Trascorso il tempo per la puntatura, allargare l'impasto con delicatezza, usando i polpastrelli in modo da ottenere un rettangolo, portare i lembi dell'impasto verso il centro, dare poi una forma di nuovo rettangolare e arrotolare, sempre verso il centro, i due lati, prima uno, poi girare l'impasto di 90° e fare la stessa cosa con l'altro lato, in modo da ottenere un grande salamotto, tirarlo verso di se in modo leggero, senza premere, in modo da dare forza e tensione all'impasto, poi fare ruotare il filone dell'impasto sui semi di sesamo messi sul piano da lavoro o su carta forno (non occorrerà inumidire l'impasto, sarà abbastanza appiccicoso), metterlo in un cestino da lievitazione infarinato con semola di grano duro, posizionando la parte della chiusura dei lembi verso sopra e dove ci sono i semi di sesamo di sotto (in questo modo, ribaltando poi l'impasto per cuocerlo, la chiusura rimarrà di sotto, a contatto con la placca del forno).


Coprire di nuovo con pellicola (facendo attenzione che non tocchi l'impasto, bensì il cestino) e un canovaccio. Lasciare lievitare a temperatura ambiente per due-tre ore (se è estate anche meno), la pagnotta deve essere visibilmente lievitata e l'impasto (900 grammi circa usando lievito madre) deve essere arrivato a circa un dito e mezzo dalla sommità del cestino.
Preriscaldare il forno statico al massimo della potenza con la leccarda all'interno.
Quando il forno è arrivato a temperatura, estrarre la leccarda facendo molta attenzione perchè ustiona, e posarla su un piano (per protetto da due o tre canovacci da cucina), appoggiare un foglio di carta da forno bagnato e strizzato (così non brucia data l'alta temperatura con la quale si cuoce il pane) rovesciare con estrema delicatezza, il cestino e, con una lametta o un coltellino affilato, praticare solamente un'incisione che sia un po' in profondità nell'impasto lungo la lunghezza del pane (vedi foto) o fare le incisione a piacere. (serve sia a dare un'estetica piacevole ma anche a farle ultimare meglio la lievitazione in forno)


Aprire il forno e, con l'aiuto di uno spruzzino, vaporizzare abbondante acqua sul fondo e sulle pareti del forno per creare umidità  - attenzione non sul pane! - (serve a non fare formare una crosta dura al pane, altrimenti non cresce e non cuoce più bene) Infornare subito nel ripiano più basso del forno lasciare cuocere per 5 minuti poi abbassare a 250° e lasciare cuocere per 10 minuti, di seguito aprire lo sportello e, velocemente, alzare di un piano la leccarda spruzzare di nuovo acqua e richiudere subito il forno, dopo due minuti abbassare la temperatura a 190° e lasciare cuocere per altri 40 minuti circa.
Infine spegnere il forno, aprire lo sportello a fessura ma lasciare ancora il pane all'interno.
Controllare ogni forno è diverso, "bussando" il sotto del pane si deve sentire un rumore sordo, lo dico sempre che è semplice ma efficace, per capire se è cotto, deve avere un aspetto ben dorato e cotto (prendere il pane col guanto da forno, naturalmente...)
Sfornare la pagnotta e metterla a raffreddare su una gratella (se possibile inclinando il pane dato che è una pezzatura grande, il vapore interno evaporerà meglio).

Con la tecnica dell'autolisi (sia usando lievito madre che lievito compresso) il pane rimarrà morbido a lungo, digeribile e si conserverà benissimo anche in freezer. Inoltre con la tecnica della fermentazione in frigo e lievitazione a t.a. si ottiene un maggior risultato usando meno lievito (sia che sia di birra o lievito madre).
Quando è freddo, io lo taglio a fette e lo congelo in un sacchetto per alimenti apposito per freezer (non sacchetto di carta del pane quindi), poi lascio scongelare a t.a. le fette che mi occorrono.






Il nostro paniere completo ha sfornato:


                                   Seguiteci anche sulla nostra pagina su facebook cliccando qui
                                                           @ilgranaiofoodblogger

Lasagne di mare con zucchine e pesto genovese

Confesso che amo tantissimo le lasagne e la pasta al forno in generale, con quella bella crosticina irresistibile e, all'interno, la voluttuosità della besciamella.
Ho voluto provare una versione con il pesce, ho letto tante ricette ma alla fine nessuna mi convinceva e ho fatto di testa mia. Le volevo belle ricche e succulenti e così è stato.


Cosa serve per uno stampo cm. 18x18 (4-6 persone dipende da quanta se ne mangia)

sfoglie di pasta all'uovo q.b.
500 g. salmone fresco
1 kg. molluschi misti (calamari, cozze, seppioline)
200 g. gamberi
200 g. zucchine tenere
1 spicchio aglio
vino bianco secco q.b.
sale e pepe q.b.
prezzemolo q.b.
500 g. besciamella
parmigiano grattugiato q.b.
pesto genovese q.b. (oppure, in alternativa, alcuni cucchiai di salsa di pomodoro)

La pasta non l'ho pesata, l'ho dimenticato, comunque ho usato quella secca stavolta, l'ho fatta sbollentare due minuti in acqua a bollore salata (a me la pasta direttamente in teglia, questa trovata che è una scorciatoia non piace... non rimane salata e rimane con retrogusto di farina cruda), quindi scolare le sfoglie in una boule d'acqua fredda per fermare la cottura, sistemarle su un canovaccio asciutto e pulito. Se si desidera fare la sfoglia fresca la mia ricetta è qui
Ho cotto tutto separatamente.
Preparare un ragù semplice di mare: fare aprire le cozze e le vongole (farle spurgare e spazzolarle prima), in due pentole diverse. L'acqua delle cozze andrà buttata, quella delle vongole invece filtrata e tenuta da parte.
In un tegame fare scaldare un filo d'olio, unire l'aglio e i calamari e le seppioline fatte a pezzetti, sfumare con vino bianco, unire un po' dell'acqua delle vongole, lasciare cuocere solo 5 minuti, salare e pepare. Unire cozze e vongole.
A parte fare cuocere le zucchine facendole saltare in padella. Salare e pepare. In altra padellina fare cuocere il salmone tenendolo morbido.
In una ciotola riunire tutti i pesci, unire il prezzemolo tritato.
Preparare la besciamella e quando è ancora calda, assemblare la lasagna.


Sul fondo della terrina che andrà in forno mettere un velo di besciamella, la sfoglia, il ragù di pesce con le zucchine, ricoprire con besciamella, un pochino di pesto genovese sparso qua e la e parmigiano grattugiato. Formare 3 o 4 strati.



Infornare in forno già caldo a 180° per 20 minuti. Si possono fare anche il giorno precedente e poi riscaldarle prima di portarle a tavola. (anzi.. fatte il giorno prima è meglio)



Crostata al cacao con frangipane al cocco e mirtilli

Noi della rubrica al Km 0 oggi prepariamo ricette speciali: festeggiamo la mamma!
Io mi occupo di portare la merenda ed ho pensato d'omaggiare le festeggiate con un goloso guscio di frolla al cacao farcito con una deliziosa crema frangipane impreziosita dal cocco rapè e, in ultimo, da mirtilli neri che coltivano proprio a mezzo chilometro da casa mia. Infine, ho decorato il bordo della crostata con cuoricini di frolla al cacao.



Cosa serve per uno stampo da crostata da 22D

Per la pasta frolla al cacao (di Knam):
125 g. burro morbido
125 g. zucchero semolato
50 g. uova (1 uovo)
1 pizzico sale
La polpa di ½ bacca di vaniglia
5 g. lievito per dolci
200 g. farina 00
40 g. cacao amaro

Per la crema frangipane al cocco: (mia)
65 g. burro morbido
65 g. zucchero semolato
La polpa di ½ bacca di vaniglia
60 g. uovo (1 grande)
20 g. farina 0
65 g. cocco rapè (farina di cocco)

Poi serve:
280 g. mirtilli neri
Cocco rapè q.b. per decorare

Preparare la pasta frolla al cacao la sera precedente o comunque alcune ore prima.
Montare in planetaria, o con una frusta elettrica, il burro morbido con lo zucchero, quando è spumoso unire l’uovo, poi tutti li altri ingredienti tutti insieme; se si prosegue a mano, unire l’uovo e quando incorporato aggiungere tutte le polveri, lavorare tutto in brevissimo tempo. Avvolgere la pasta frolla al cacao in pellicola formando un panetto e mettere in frigo.


Trascorse le ore di riposo della pasta, preparare la crema frangipane al cocco e preriscaldare il forno a 170-175° statico.
Pesare le farine e mescolarle con un cucchiaio. Sbattere l’uovo.
In una ciotola montare, con le fruste, il burro morbido con lo zucchero e la vaniglia, unire a filo l’uovo ottenendo un composto liscio e spumoso. Togliere le fruste e con una spatola e un movimento dal basso verso l’alto incorporare le farine.
Imburrare ed infarinare uno stampo da crostata o usare uno stampo in carta da forno (come ho fatto io), stendere ¾ abbondanti di pasta frolla al cacao bordi compresi, bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta. 

Riempire il guscio con la crema frangipane al cocco. Lavare i mirtilli e inserirli con delicatezza nella crema distribuendoli bene in un unico strato e non sovrapponendoli.



Con i ritagli della pasta frolla fare dei decori (io ho fatto piccoli cuoricini) da decorare il bordo.
Infornare e cuocere per 35-40 minuti.



Toglierla dal forno, adagiarla su una griglia per farla raffreddare e, quando ancora calda, spolverizzare in modo leggero il bordo. Fare raffreddare completamente prima di servirla. Conservarla in frigo e tirarla fuori mezz’oretta prima di consumarla.

Se replichi la ricetta inserisci per cortesia il link di riferimento a questo sito. Grazie
Seguiteci anche sulla nostra pagina facebook cliccando QUI

Burger vegetali di fagioli, patate e spinaci

Oggi ho preparato burger che piaceranno a tutti! A chi di solito mangia hamburger classici (di carne quindi), a chi ama le verdure, a chi preferisce nutrirsi di proteine vegetali. 
Sono veloci e facili da fare e saziano, cosa assolutamente pregevole e, in ultimo, sono buoni!!! 
Io li ho passati in forno ma per una preparazione senza dubbio più golosa e un risultato più croccante, rosolarli in padella con un filo d'olio evo, pochi minuti per lato.



Cosa serve per 3-4 burger (dipende dallo spessore e grandezza che si desidera)

170 g. patate (1 abbastanza grande)
240 g. fagioli borlotti (peso inteso legume già cotto/sgocciolato)
150 g. spinaci (peso inteso già sbollentati, scolati e strizzati)
sale e pepe q.b.
una bella presa aromi misti tritati (o in polvere secchi)
2-3 cucchiai parmigiano grattugiato
farina di mais (quella per fare la polenta) per impanare
un filo olio evo


Grattugiare la patata cruda con una grattugia a fori larghi e mettere la polpa grattugiata in un colino a scolare almeno mezz'ora.
In un robot da cucina provvisto di cutter (o tritare finemente a coltello o con la mezzaluna) inserire i fagioli e gli spinaci.
Mettere questo composto in una ciotola. Unire gli aromi ed il parmigiano.
In un padellino antiaderente messo sul fuoco dolce e senza aggiunta di grassi, fare asciugare ulteriormente le patate grattugiate per pochi istanti, poi unirle al composto, regolare sale e pepe, amalgamare bene.


Con l'aiuto di un coppapasta/tagliabiscotti di 10D, oliato internamente, ricavare i burger su un foglio di carta da forno, compattando con il dorso di un cucchiaio il composto preparato  Tenere presente che si tratta di un composto molto morbido. Dare un colpettino al coppapasta per fare staccare il burger e proseguire con gli altri.
Cospargere i burger con farina di mais facendola aderire con il palmo di una mano poi prelevare i burger con una spatola oliata e rivoltarli sul palmo della mano (in modo che la parte già impanata rimanga a contatto della mano), spolverizzare anche l'altro lato con farina per la polenta ed infine adagiare i burger sul foglio di carta da forno adagiato sulla leccarda.


Condire ognuno con un filo d'olio e fare passare in forno già preriscaldato ventilato a 200° per circa 15 minuti. Gli ultimo 5 minuti con la funzione grill.



Se desiderate abbinare questo salutare piatto alla cura del fisico e della mente (che si sa, sono collegati), vi affido alla professionalità di Ylenia Vignolo Personal trainer. Lei vi seguirà in gruppo o singolarmente nel vostro percorso

Pane integrale e semi misti (con esuberi di lievito madre)

Ecco un pane davvero molto buono che fa anche bene alla salute; ho usato una farina integrale biologica buonissima che mi ha dato molta soddisfazione e tanti bei semini, ho fatto questo impasto qualche giorno dopo Pasqua con gli esuberi del mio lievito madre utilizzato per le Colombe al mandarino, ed ecco che alla prima uscita del Il Granaio- Baking Time, ve lo propongo, spero vi piaccia :-) 

Cosa serve:

450 g. farina integrale bio di grano tenero macinata a pietra
140 g. esuberi di lievito madre se si vuole usare lievito rinfrescato al raddoppio, consiglio di usarne 90 g. e scriverò in tal senso il procedimento che è identico (se si vuole fare con lievito di birra fresco, usarne 6-8 g.)
15 g. sale fino marino integrale
1 cucchiaino di malto d'orzo bio in polvere
300 g. acqua leggermente tiepida o a t.a.

N.B. Non ho provato a fare questo pane con lievito di birra per cui do indicazioni ipotetiche sulla base della mia esperienza. Se non si possiede lievito madre, credo si possa optare per utilizzare 8 g. di l.d.b. fresco
questa è la proporzione che uso quando panifico con il lievito compresso (solo per alcuni formati di pane), se si panifica in estate metterne di meno.

(orari indicativi: quelli che ho usato io)
Ore 13,30 tirare fuori dal frigo il lievito per acclimatarlo, (dopo una mezz'ora spesso faccio il bagnetto al lievito lasciandolo in ammollo in acqua leggermente tiepida con un pizzico di zucchero se ha un odore un po' acido, poi lo strizzo e proseguo) ore 14,30 rinfrescare il lievito, tenerne da parte 90 g. e l'altro (dopo aver fatto partire la lievitazione, quindi dopo 2 o 3 ore) metterlo in frigo per le panificazioni successive.
Mettere l'acqua nella ciotola della planetaria (o ciotola ampia se si impasta a mano) mettere il gancio, aggiungere il lievito a pezzetti e fare partire la macchina al minimo per scioglierlo, unire poi la farina poca alla volta e il malto, iniziare ad impastare lentamente poi aggiungere il sale; aumentare la velocità ed Impastare fino a quando si incorda.
Spegnere, ungersi le mani, riversare l'impasto sul piano da lavoro e dare due pieghe a distanza di 15 minuti l'una dall'altra, coprendo sempre l'impasto con pellicola, poi chiudere l'impasto pirlandolo e mettere la palla, con la chiusura verso il basso, in una capiente ciotola leggermente oliata; coprire con pellicola e canovaccio (io poi lo tengo fermo con un grande elastico in modo che non passi aria, l'impasto non deve assolutamente seccare) e lasciare la ciotola a t.a. per 3 ore, poi trasferirla in frigo a fare maturare l'impasto per 10-14 ore, a seconda dei propri impegni (quindi fino alla mattina successiva e se seguono gli orari che ho usato io).

La mattina ore 9,30 circa
Prendere l'impasto e delicatamente rovesciarlo sul piano da lavoro. Dare una piega a libro, coprire con pellicola e canovaccio e lasciare riposare 15-20 minuti e ripetere un'altra volta. Questo passaggio è importante, serve a dare corpo e volume al pane.


Trascorso il tempo per la puntatura, pesare e allargare l'impasto con delicatezza, usando i polpastrelli in modo da ottenere un rettangolo, portare i lembi dell'impasto verso il centro, dare poi una forma di nuovo rettangolare e arrotolare, sempre verso il centro, i due lati, poi girare l'impasto di 90° e fare la stessa cosa con l'altro lato, in modo da ottenere un grande salamotto, formare il filone tirandolo verso di se in modo leggero, senza premere, in modo da dare forza e tensione all'impasto.
Mescolare i semi in una ciotolina, versarli poi sul piano da lavoro, bagnare le mani sotto acqua corrente, accarezzare il pane per inumidirlo e farlo roteare sui semi in modo che aderiscano al pane dalla parte opposta della chiusura, poi prenderlo con entrambe le mani ben aperte e, con delicatezza,  metterlo in un cestino da lievitazione abbondantemente infarinato posizionando la parte dei lembi verso sopra e la parte dei semi sottostante (in questo modo, ribaltando poi l'impasto per cuocerlo, la chiusura rimarrà di sotto, a contatto con la placca del forno). Coprire di nuovo con pellicola (facendo attenzione che non tocchi l'impasto, bensì il cestino) e un canovaccio.



Lasciare lievitare a temperatura ambiente per tre ore (se è estate anche meno), la pagnotta deve essere visibilmente lievitata e l'impasto deve essere arrivato ad un centimetro - un centimetro e mezzo circa per arrivare alla sommità del cestino.


Preriscaldare il forno statico a 250°
Quando il forno è arrivato a temperatura rovesciare, con estrema delicatezza, il cestino e con una lametta o un coltellino affilato, praticare un' incisione (o più incisioni) lungo la lunghezza del pane. (serve sia a dare un'estetica piacevole ma anche a fare ultimare meglio la lievitazione in forno).


Aprire il forno e, con l'aiuto di uno spruzzino, vaporizzare abbondante acqua sul fondo e sulle pareti del forno per creare umidità  - attenzione non sul pane! - (serve a non fare formare una crosta dura al pane, altrimenti non cresce e non cuoce più bene) Infornare subito nel ripiano più basso del forno e cuocere per 10 minuti, di seguito aprire lo sportello e, velocemente, alzare di un piano la leccarda spruzzare di nuovo acqua e richiudere subito il forno, dopo due minuti abbassare la temperatura a 190° e lasciare cuocere per altri 30-35 minuti circa, di seguito aprire a fessura lo sportello e lasciare ancora il pane all'interno col forno acceso per 5 minuti.
Infine spegnere il forno ma lasciare ancora il pane all'interno. So che è leggermente articolato questo passaggio ma è utilissimo per avere pane ben cotto, croccante fuori ma morbido e asciutto all'interno, serve a fare evaporare bene l'umidità all'interno del pane.
Controllare ogni forno è diverso, "bussando" il sotto del pane si deve sentire un rumore sordo, lo dico sempre che è semplice ma efficace, per capire se è cotto, deve avere un aspetto ben dorato e cotto (prendere il pane col guanto da forno, naturalmente...)
Sfornare la pagnotta e metterla a raffreddare su una gratella (se possibile inclinando il pane dato che è una pezzatura grande, il vapore interno evaporerà meglio).
Quando è freddo, io lo taglio a fette e lo congelo in un sacchetto per alimenti apposito per freezer (non sacchetto di carta del pane quindi), poi lascio scongelare a t.a. le fette che mi occorrono e in poco tempo ho pane fresco in tavola


Il nostro paniere completo ha sfornato:


                                    Seguiteci anche sulla nostra pagina su facebook cliccando qui
                                                           @ilgranaiofoodblogger

Ravioli fatti a mano con asparagi e ricotta

Noi della rubrica al Km 0 oggi alziamo le braccia e gridiamo all'unisono: "W la libertà"! ... cosa avete capito? libertà in cucina: pietanze senza glutine, senza zuccheri, senza lieviti, senza grassi, senza lattosio ecc. ecc. io ho scelto di cucinare dei buonissimi e delicati ravioli fatti a mano senza carne e insaccati, bensì di magro con un ortaggio di stagione, ovvero gli asparagi pregiati del mio Piemonte e precisamente del Roero, (terra ricca di buon vino, buoni ortaggi, buona carne) e ricotta morbidissima che si scioglie in bocca, naturalmente sempre della mia zona.

Se vi piace la pasta fresca ripiena fatta in casa, potete cercate altre idee dando un'occhiata ai miei agnolotti di magro fatti a mano, oppure panzerotti sfogliavelo con boraggine e seirass, ma anche i tortelloni classici, i raviolini langaroli ecc. ecc. per vederle tutte clicca sulla categoria pasta fresca fatta in casa.



Cosa serve per 4-5 persone

Per la pasta:
300 g. farina 00 per fare la pasta
50 g. semola rimacinata di grano duro
3 uova pasta gialla intere grandi + 1 albume (il tuorlo si usa nella farcia)

Per la farcia:
200 g. asparagi *peso netto, già puliti dalla parte coriacea che andrà buttata – per me piemontesi del Roero
300 g. ricotta vaccina fresca (per me piemontese prodotta in un paesino del mio territorio)
Sale e pepe q.b.
Una grattata noce moscata
Una macinata pepe
30 g. parmigiano grattugiato
1 tuorlo

Poi serve:
burro q.b.
salvia q.b.
parmigiano grattugiato q.b.

Per prima cosa mettere la ricotta dentro ad un colino e poi sopra una ciotola, avvolgere il tutto con pellicola alimentare e mettere i frigorifero a sgocciolare qualche ora.
Pulire gli asparagi eliminando la parte del gambo coriaceo, spellando con il pelapatate il restante gambo, mantenendo intatte le punte.


Lavarli sotto acqua corrente e dividere le punte (50 g. circa) dal resto. Fare cuocere separatamente in acqua salata oppure al vapore. Tenere le punte un po’ al dente per decorare poi il piatto, quando i gambi sono cotti, immergerli in una ciotola di acqua gelata per fermare la cottura, asciugarli e frullarli nel robot da cucina con la ricotta.
Mettere questa farcia in una ciotola ed amalgamare con il resto degli ingredienti. Mettere questo composto in una sac-a-poche usa e getta e riporre in frigorifero fino al momento dell’utilizzo.


 Preparare la pasta mettendo gli ingredienti nella ciotola della planetaria oppure impastando a mano. Si deve ottenere una pasta piuttosto consistente ed elastica. Avvolgerla con pellicola alimentare o coprire a campana con una ciotola per 20-30 minuti.



Stendere la pasta ottenendo sfoglie sottili (sfogliatrice posizione n. 8) se piace la pasta più spesso, regolarsi di conseguenza, a me piace sottile è più delicata con questi ripieni leggeri.



Formare tanti mucchietti un po’ distanziati, con un pennello inumidito di acqua, spennellare la sfoglia dove andrà chiusa (serve a sigillare meglio la pasta), rivoltare la sfoglia sui mucchietti di farcia, con le mani, a taglio, segnare tra un raviolo e l’altro, poi dare la forma desiderata dapprima con le mani e poi usando un coppapasta/tagliabiscotti, secondo la forma preferita. Io ho voluto fare dei triangoli, infarinare i ravioli leggermente con la semola e disporli, man-mano su una gratella ad asciugare un pochino. 



Poi riporre in frigo se consumati nell’arco della giornata o il giorno successivo, altrimenti congelarli, in tal caso bisogna avere cura di surgelarli su un vassoio e che siano ben distanziati, prima di trasferirli nel sacchetto apposito, etichettando contenuto e data.
Cuocerli in abbondante acqua salata pochi istanti, scolarli delicatamente con una schiumarola trasferendoli in una larga padella dove si sarà fatto spumeggiare del burro con abbondante salvia e le punte di asparago tenute da parte. In alternativa condire semplicemente con un filo d'olio evo di ottima qualità a crudo. Servire a parte parmigiano grattugiato


Se replichi la ricetta, per cortesia, inserisci il link di provenienza al mio blog. Grazie :-)
Seguiteci anche sulla nostra pagina facebook cliccando QUI