Torta della nonna

Questa è una torta veramente squisita, in Piemonte si fa così, un guscio di delicata pasta frolla, una crema pasticcera ricca con aggiunta di panna, profumata al limone e vaniglia, preziosi pinoli qualità Pisa. Pare che la paternità di questa ricetta sia da attribuire alla toscana, ma non vi è traccia certissima data la vasta popolarità del dolce, vista la presenza dei pinoli presumo sia verosimile; a volte ho visto in rete una versione con due dischi di pasta frolla con all'interno racchiusa la crema (mi chiedo come i pinoli possano aderire una volta cotta), ma a me sembra piuttosto appesantita e comunque meno elegante, sinceramente a parer mio non bellissima da vedere, ma va a gusti, sicuramente buone entrambi le interpretazioni.

Oggi è l'onomastico di mio figlio Andrea e, siccome lui è goloso di questa torta (beh è goloso in generale :-)) gliela dedico.

Cosa serve
per la pasta frolla:
200 g. farina 00
120 g. burro
80 g. zucchero
35 g. fecola di patate
2 tuorli
1 limone bio
1 cucchiaino estratto naturale di vaniglia o i semi di mezza bacca
Un pizzico sale

Per la crema e per farcire:
300 g. latte
200 g. panna fresca
150 g. zucchero semolato
50-70 g. pinoli
4 tuorli (a temperatura ambiente)
40 g. farina 00
1 limone bio
zucchero a velo q.b.

Fare la pasta frolla: mettere farina e burro a pezzi freddo morbido (lasciato a t.a. un paio d’ore prima) nella planetaria usando la foglia oppure montarlo con le fruste elettriche. Aggiungere i tuorli, uno alla volta e gli altri ingredienti. Amalgamare con una spatola o con le mani per ottenere un composto omogeneo; prelevare la pasta, formare un panetto, avvolgerla con pellicola e metterla in frigo a riposare almeno un’oretta.

Intanto preparare la crema al limone: in un pentolino mescolare i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto amalgamato ed unire la farina, a parte scaldare il latte e la panna con la scorza del limone (anche in microonde) ed unire al composto di uova a filo, poco alla volta mescolando con una frusta a mano per evitare la formazione dei grumi, mettere sul fuoco, fare raddensare la crema mescolando continuamente per circa 5 minuti Spegnere. 
Sulla spianatoia infarinata stendere la pasta frolla precedentemente lavorata con la mani per ammorbidirla, rivestire uno stampo da 22D con la carta forno, (o usare uno stampo con fondo removibile o ancora, usare come ho fatto io in questo caso, uno stampo in carta da forno usa e getta, molto comodo), adagiare la pasta frolla stesa, rifinire bene il bordo con un coltello o una rotella liscia o dentellata, bucherellare il fondo e versare la crema, cospargere poi con i pinoli ed infornare a 180° forno statico per circa 50 minuti. 

Sfornare, lasciare raffreddare e spolverizzare con zucchero a velo. Conservare la torta in frigo se non viene consumata tutta in breve tempo.


Siccome la torta era da asporto, ne ho ricavata anche una mini per me ed ecco che ho potuto fare vedere l’interno di quest’ultima ma non una fetta tagliata della torta grande


Simona

  1. Io l'adoro questa crostata!! baciotti e buon lunedì :-*

    RispondiElimina
  2. Ciao Simo, si fa anche in Liguria questa torta, credo che sia una ricetta universale proprio perché semplice e golosa. Auguri al tuo Andrea, un abbraccio :)

    RispondiElimina
  3. Sara' buonissima la torta! Sono della provincia di Torino , ti seguirò molto volentieri.
    Buon lunedì!

    RispondiElimina
  4. Que buena con piñones y limón.
    1 saludito

    RispondiElimina
  5. Adoro la torta della nonna. Adoro il contrasto della frolla e della crema morbida. Certo che questa è una versione proprio ricca, con panna e solo tuorli nella crema. Spettacolo!

    RispondiElimina
  6. Posso solo immaginare la bontà. Brava come sempre e buona serata.

    RispondiElimina
  7. Buon onomastico a tuo figlio lo avrai fatto felice con questo dolce che anche io adoro come te senza doppio guscio. Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Adoro entrambe le versione e di solito la preparo con doppio strato di frolla. I pinoli li fai aderire alla frolla sopra, schiacciandoli appena appena. Se la frolla è priva di farina sopra, aderiscono senza problemi. Un vera golosità. Auguri al tuo Andrea, anche se ormai il giorno è passato

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia Simo, ti è venuta perfetta! è uno dei dolci che adoro..Bravissimissima!! Auguri al tuo Andrea.

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!