Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
domenica 12 febbraio 2017
Cosa serve:

175 g. lievito madre già rinfrescato
500 g. farina bio tipo 0 macinata a pietra W 280
270 g. acqua a temperatura ambiente
10 g. di sale fino marino integrale
1 cucchiaino di malto d'orzo bio in polvere
2 cucchiai olio evo grezzo
35 g. di semi di lino, girasole e zucca per l'impasto
q.b. di semi di lino, girasole e zucca per la superficie

N.B. Non ho provato a fare questo pane con lievito di birra per cui do indicazioni ipotetiche sulla base della mia esperienza. Se non si possiede lievito madre, credo si possa optare per utilizzare 6-8 g. di l.d.b. fresco, questa è la proporzione che uso quando panifico con il suddetto lievito (raramente ormai, solo per alcuni formati di pane), di seguito fare un pastello con 200 g.  farina, il lievito, metà acqua. Coprire e proseguire come descritto, ma accorciare i tempi, ovvero procedere all'impasto quando il pastello sarà visibilmente raddoppiato. Potrebbe occorrere meno acqua.
(orari indicativi: quelli che ho usato io)

Ore 10,00
Prelevare 70 g. di lievito madre, rinfrescarlo di nuovo aggiungendo 70 g. di farina e 45 g. d'acqua.
Metterlo in una tazza, coprirlo con pellicola e riporlo in frigorifero per 6 ore poi tirarlo fuori e lasciarlo a temperatura ambiente 1 ora.

Ore 17,00
Setacciare la farina per arieggiarla.
Nella ciotola della planetaria o ciotola capiente se si impasta a mano) mettere l'acqua, unire il lievito madre, mescolare con una forchetta, poi unire la farina, rimescolare, coprire con un canovaccio e lasciare riposare 20-30 minuti.

Intanto mettere i semi in un padellino antiaderente e farli scaldare qualche minuto su fiamma moderata. Non devono tostare! Hanno dimensioni e proprietà differenti per cui inevitabilmente quelli di lino brucerebbero. Devono solo scaldare per sprigionare i loro olii essenziali. Tenere da parte.
Iniziare ad impastare con il gancio (o con una forchetta e poi riversare l'impasto su spianatoia e continuare con l'olio di gomito) unire il malto in polvere, l'olio ed il sale. Per ultimo unire i semi.


Ore 18,00
Mettere l'impasto in una capiente ciotola leggermente oliata e coprirla con pellicola e con un canovaccio pulito.
Lasciare lievitare in modo naturale a temperatura ambiente (18°- 20°) fino alla mattina successiva, dunque per 14-16 ore.
--------------


Ore 8,30
Prendere l'impasto ben lievitato, riversarlo molto delicatamente sul piano da lavoro leggermente infarinato (l'impasto non sarà comunque appiccicoso, sarà soffice e vellutato) e iniziare a fare le solite pieghe di cui parlo spesso.
Quindi farle per tre volte.
Ogni volta lasciare "puntare", cioè riposare coperto da un panno, sul piano per 20 minuti.

Quindi:

1) piega > coprire e attendere 20 minuti
2) piega > coprire e attendere 20 minuti
3) piega > coprire e attendere 20 minuti




Riprendere l'impasto. Pesarlo.
Se si usa lievito madre sarà sul chilo.


Porzionare ottenendo 3 pagnotte. Quindi caduna di g. 3,30 circa.
Devono essere uguali! Se le pezzature hanno peso differente, prelevare un pochino di impasto da quella più grande ed incorporarlo in quella più piccola.
Pirlare, cioè arrotondare, le pagnotte.
Tenere la parte della chiusura di sotto, a contatto con il tavolo.


Coprire con canovaccio pulito ed asciutto. Se la temperatura è sotto i 20° coprire anche con una copertina leggera (di peso, ma calda) per 2 ore o comunque fino al raddoppio.
Qui, come sempre, entra in gioco il fattore lievito. Il mio è decisamente forte e maturo. Se si ha un lievito madre giovane, occorrerà più tempo. Se si usa quello di birra fresco (NON secco per carità...io lo detesto) invece, ci vorrà meno tempo.
Lo consiglio sempre: per panificare come si deve, in  modo naturale e digeribile, non bisogna avere fretta. Se non si ha pazienza compralo fatto piuttosto, altrimenti si sforneranno mattoni per l'intestino.

Anche lavorando si può tranquillamente fare il pane in casa, dolci e pizze. Ci si organizza nel fine settimana o nei giorni liberi.
Quindi: quando manca mezz'ora alla completa lievitazione, preriscaldare forno statico a 230° Con dentro la leccarda in modo che diventi caldissima e pentolino d'acqua bollente sul fondo.
Aspettare ancora 10 minuti da quando si spegne la lucina che indica forno a temperatura.

Intanto: con un coltellino molto affilato, praticare due o tre tagli leggeri su ogni pezzatura di pane, inumidirsi le mani con acqua, passare delicatamente le mani sulla superficie delle pagnotte.
Mettere un paio di cucchiai (non occorreranno tutti) di semi misti e metterli su un foglio di carta da cucina.
Far ruotare le pagnotte sui semi per farli aderire (senza premere!)


Trasferire velocemente, ma sempre delicatamente, le pagnotte sulla leccarda appena tirata fuori dal forno e rivestita da carta da forno, facendo ben attenzione perchè ustiona!
Infornare per 10 minuti. Ripiano non centrale bensì la misura sottostante.
Serpentina sia sotto che sopra. Poi togliere il pentolino d'acqua ed abbassare la temperatura a 200°. Continuare la cottura delle pagnotte ancora per 20-25 minuti. Dipende dal forno. Il pane deve essere, come sempre, ben cotto.

Abbassare la temperatura a 150°, spostare la manopola sulla serpentina solo sotto, aprire il forno per 5 minuti. Poi spegnere ma lasciare ancora dentro il pane per altri 5 minuti prima di sfornare e mettere le pagnotte a raffreddare su una gratella.
"bussando" il fondo deve sentirsi un rumore "sordo-vuoto" come già detto tante volte. Non è facile stabilirne la cottura, occorre esperienza e un po' di fortuna coi forni di casa..



Questa ricetta non l'ho copiata ma l'ho elaborata secondo la mia fantasia ed il mio gusto, dunque se la replicherete mi fa molto piacere ma, per cortesia, inserite il link di riferimento di proprietà al mio sito.
 Grazie

panissimo-2017-corretto

#48 febbraio 2017 partecipo alla raccolta di lievitati dolci e salati ideata da Sandra di Sono io, Sandra, e Barbara, di Bread & Companatico, questo mese ospitata da Sono io, Sandra

32 commenti:

  1. Che buono il pane con i semini!!!!! ti sono venute benissimo queste pagnottine.. baci e buona serata :-*

    RispondiElimina
  2. Hanno un aspetto delizioso, chissà che profumo e che gusto! Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. deliziose questa piccole pagnotte, sei brava come sempre !

    RispondiElimina
  4. Cara Simona sai che in questi giorni ho fatto anche io il pane con i semi ma non ho avuto il tempo per postarli, solo che ho dimenticato di metterli nel impasto e ho fatto come fosse un arrotolato. Il tuo pane è favoloso, sei bravissima !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh beh.. secondo me sarà fantastico anche il tuo pane arrotolato cara mia!!!

      Elimina
  5. Ecco, questa è una delle cose che credo non farò mai! Preparare il lievito madre, rinfrescarlo, coccolarlo e stargli dietro come un bambino non rientra nelle mia corde. Comunque apprezzo moltissimo chi riesce a farlo e tu sei bravissima! Questo pane così ricco di semini dev'essere fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea, sono contenta che tu non abbia messo nella naftalina il tuo blog e che tu sia qui, grazie per il tuo apprezzamento :-)

      Elimina
    2. No cara Simona, niente naftalina! Solo un po' di riposo per riordinare le idee e aspettare che torni il bel tempo. Il cielo grigio mi rende apatico :-(

      Elimina
    3. eh lo so, me ne sono accorta :-) dai coraggio amico mio che arriva la primavera!

      Elimina
  6. Bellissimi, chissà che profumo.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. Che spettacolo queste pagnottelle ai semi tesoro devono essere davvero profumatissime!!Pensio si possano fare anche con il lievito di birra?Un bacione,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Imma, tesoro, penso proprio di sì! a parte i grandi lievitati, credo che ogni altro impasto si possa ottenere senza alcun problema sostituendo il lievito madre con l.d.b. anzi.. è più facile da gestire, fammi sapere.. :-) bacioni

      Elimina
  8. Un gran bel lavoro, una selezione d'ingredienti niente male, tanto lavoro molto brava

    RispondiElimina
  9. Quanto mi piace il pane con i semini e le tue pagnottine sono una favola, bravissima!!!
    Baci

    RispondiElimina
  10. Sono splendidi questi panini, adoro il pane con i semi! complimenti Simo. buon inizio settimana

    RispondiElimina
  11. Buono il pane con i semini, Simo, potessi assaggiare.... bacioni ;)

    RispondiElimina
  12. Bravissima come sempre, queste pagnottine sono deliziose e ti sono venute benissimo. Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  13. Sono venuti benissimo, che brava!!
    Quasi ne sento il profumo..poi a quest'ora...
    Complimenti, un abbraccio
    Sy

    RispondiElimina
  14. Carissima Simona rimango sempre incantata da chi,come te,panifica con il lievito madre(i cui risultati sono superlativi qualsiasi ricetta scegli di realizzare)e ottiene risultati eccezionali come queste favolose pagnotte delle quali immagino tutto il profumo e la bontà:)).I semini poi conferiscono una nota ulteriore...e la loro consistenza interna è inoltre perfetta a dir poco,lievitata benissimo:)).
    Bravissima come sempre ti faccio i miei più sinceri complimenti:)).
    Un bacione e buona settimana:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosy come vorrei che noi due fossimo dirimpettaie :-) davvero eh! sai che belle chiacchiere e che buoni reciproci assaggi? Un abbraccio

      Elimina
  15. Mi sembra di sentirne il profumo attraverso lo schermo. Splendide queste pagnotte. Poi la forma a panino la preferisco sempre.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, come tutte le cose tonde, la trovo gradevole ma per me è anche comoda per congelarlo (ebbene si...) baci a te Natalia e...grazie che anche tu coi lievitati vai a nozze :-) siamo tutte in buona compagnia direi

      Elimina
  16. Una vera lezione! Bravissima Simo, tutti suggerimenti molto utili. Verissimo, la cosa essenziale per fare un buon lievitato è la pazienza! Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry! detto da te che sei la madrina dei lievitati e sei sincerissima.. mi riempie il cuore di gratificazione :-)

      Elimina
  17. sento il profumo da quiiiiiiiiiiiii a proposito di impasti... vado ad infornare le mie pizze, ti aspetto... e porta i paniniiiiiiiiii :))

    RispondiElimina
  18. bellissimi i tuoi pani..
    ne ho da postare anche io con farina di segale e semini vari
    ma nulla a che vedere con i tuoi con lievito madre
    bravissima Simo!!
    bacioni

    RispondiElimina
  19. Devono essere strepitosi!!! Bravissima 👏

    RispondiElimina
  20. Che buoni questi panini con i semi!!!! Se chiudo gli occhi, sento il profumo :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  21. Devono essere strepitosi brava io ammiro tanto chi panifica. Buona serata

    RispondiElimina
  22. Che pani buonissimi, io con il lievito madre sono una frana, lo lascio sempre morire. Comunque non mi lamento del buon vecchio lievito di birra, funziona! Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  23. Simona che bello il tuo pane con i semi!
    viene voglia di assaggiare... mannaggia che ancora non si puo' fare tramite video! ha ha ha!
    grazie per aver partecipato all'ultima raccolta di Panissimo.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te! Spero che riprenda presto la rubrica... ero appena approdata a Panissimo 😘

      Elimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...