Pane tartaruga (con lievito madre)

Ben ritrovati con la nostra rubrica di lievitati e torte di casa! Iniziamo un altro anno con le mani in pasta con grande entusiasmo di gola e condivisione :-) 

Generalmente questo tipo di pane (forme di animaletti o comunque tutti i lievitati modellati) si fa utilizzando un impasto ricco di glutine (dunque di solito con una manitoba) e grasso: con uova, latte, zucchero, burro e lievito di birra che, in effetti, è molto più facile da gestire per le pezzature piccole.
Io, notoriamente bastian contraria e stimolata nel percorrere altre strade, ho voluto dare forma a queste simpatiche tartarughine impastando una farina di tipo 1 biologica, lievito madre e zero grassi: in pratica un impasto per un pane di campagna o ciabatta. Ho faticato un pochino, lo ammetto, ma il risultato mi ha soddisfatto appieno anche perchè l'ho regalato a due bimbi e avevo il desiderio che lo potessero gustare al pasto, volevo inoltre che fosse un pane sano fatto solitamente con farina, acqua e lievito ma lo desideravo con una forma carina, (insomma volevo tante cose tutte insieme :-)) 
In ogni caso se desiderate fare tartarughe di pane semidolce potete usare una farina 0 W 280-320 usando acqua e latte in parti uguali ed aggiungendo 40 g. di zucchero. Se si vuole aggiungere anche l'uovo occorre diminuire i liquidi, come ad esempio le mie colombelle di pane al latte, oppure il pane di Hokkaido 

Che siano di buon auspicio ai bimbi (ed ai genitori.....) per iniziare al meglio l'anno scolastico.
Sarebbe una bellissima idea se prenderete spunto per impastare insieme a loro, magari nelle domeniche autunnali piovose, che ne dite?


Cosa serve per due tartarughe da circa 500 g. caduna:

160 g. lievito madre già rinfrescato o 5-8 g. di lievito di birra fresco
500 g. farina bio tipo 1 macinata a pietra
300 g. acqua a t. ambiente
1 cucchiaino colmo di sale fino marino integrale
1 cucchiaino di malto d'orzo bio in polvere

Poi serve:
4 olive denocciolate taggiasche sott'olio
uovo + latte per spennellare

Se si vuole adoperare lievito compresso (di birra fresco) usare 5- 8 g. sbriciolato direttamente nella farina. Calcolare poi le proporzioni del corpo della tartaruga che saranno leggermente diverse da quelle da me elencate perchè si avrà meno impasto rispetto a quanto ottenuto usando lievito madre.

(orari indicativi: quelli che ho usato io)

Ore 10,00
Rinfrescare il lievito madre e prelevarne l'occorrente indicato nella ricetta, metterlo in una ciotolina, coprirlo con pellicola e tenerlo a temperatura ambiente,  l'altro metterlo in frigo per la successiva panificazione (in un barattolo a chiusura ermetica)

Ore 18,00
Mettere nella ciotola della planetaria la farina e l'acqua, dare qualche giro e lasciare riposare per 30 minuti coperto. Poi unire il lievito madre a pezzi ed il malto  iniziare ad amalgamare con il gancio velocità 1. (Se si fa a mano idem in una ciotola capiente usando, naturalmente, le mani) aumentare un po’ la velocità ed unire il sale. Impastare una decina di minuti, fino a quando l'impasto risulta incordato e liscio.
Formare una palla e mettere a lievitare in una ciotola unta in luogo tiepido (forno spento con luce accesa o su un ripiano in cucina avvolgendo la ciotola con una copertina se è inverno) per 12-14 ore.



La mattina successiva: 
Riprendere l’impasto, dare una serie di pieghe per dare forza alla lievitazione in cottura, passaggio già spiegato molte altre volte (vedere altre ricette nel ricettario) 
Riprendere l'impasto, pesarlo, dividerlo a metà (cioè due tartarughe) e formare poi le pezzature, tagliare con una raschia/tarocco come segue: 

80 g. per la testa
25 g. per le 4 zampe
10 g. per la coda
300 g. per il corpo




Arrotolare prima da un lato, poi dall'altro (tenendo sempre la chiusura verso l'alto) le pezzature, poi pirlarle ottenendo delle forme rotonde. Adagiare prima la palla d'impasto più grande, che sarà il corpo della tartaruga, su una leccarda ricoperta da carta da forno, poi sistemare le quattro zampette leggermente sotto alla pancia della tartaruga, poi la coda. In ultimo allungare leggermente la pallina che andrà a formare la testa e pizzicare anche lei sotto al corpo della tartaruga.








Con la punta di un coltellino, scavare due buchini ed infilare due olive ben asciugate con carta scottex, dall'olio di conservazione, in modo da formare gli occhi.



Fare la stessa cosa con le altre pezzature per formare la seconda tartaruga. Metterle sulla placca un po' distanziate.
Coprire con pellicola in modo leggero, poi con un canovaccio da cucina pulito.  Lasciare levitare a temperatura ambiente fino al raddoppio.
Per me tre ore. Se si usa lievito compresso basteranno 60-90 minuti


Preriscaldare il forno statico con un pentolino d'acqua sul fondo a 200° 
Intanto sbattere un uovo con un goccio d'acqua e spennellare uniformemente le due tartarughe; con le forbici incidere la bocca, e fare tre tagli alle zampe, con un coltellino affilato ritagliare tutto attorno il dorso in modo abbastanza profondo, poi formare la classica griglia del carapace.


Quando il forno è a temperatura, infornare e cuocere 15 minuti, poi togliere il pentolino d'acqua, e proseguire la cottura per altri 20 minuti, poi aprire il forno a fessura e lasciare ancora le lunette per 5 minuti. Fare raffreddare il pane su una gratella.



               I bimbi saranno felici di giocare a mangiare la testa, una zampa, un pezzo di dorso... :-))

Il nostro paniere completo ha sfornato:


                                    Seguiteci anche sulla nostra pagina su facebook cliccando qui
                                                           @ilgranaiofoodblogger
Simona

  1. Cara Simona, quando vedo il pane fatto in casa!!! io sento gia il suo profumo!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ma che simpatiche queste tartarughine! Sia per grandi e piccini, baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che mi dono divertita tanto anche io infatti? 😁😘

      Elimina
  3. Ohhhhh...ma sono stupende, oltre che squisite ^_^
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Sono proprio carinissime le tue tartarughine e non posso che apprezzare il fatto che siano fatte in modo veramente sano, con farina non troppo raffinata e senza grassi, così dovrebbe essere il cibo che vorrei riuscire sempre a dare a mia figlia: buono, sano e divertente. Complimenti davvero, Simona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Zeudi, sei sempre troppo generosa con me 🥰🥰🥰

      Elimina
  5. Simo, ma sono carinissime!!!! Le adoro, le voglio!!!!
    Non posso che farti ancora una volta i miei complimenti! Sei davvero molto brava, ma tanto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che mi sono divertita di più io dei bimbi destinatari 😂😂😂

      Elimina
  6. Mi sembra che l'esperimento sia perfettamente riuscito! Sono deliziose e per la bontà, essendo uscite dal tuo forno, non c'è nemmeno da discutere. Bacioni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stato un peccato staccare zampette e testa... 🙈

      Elimina
  7. Simo sono bellissime!!!! Ai miei figli piacerebbero un sacco!!

    Un abbraccio grande
    Moni

    RispondiElimina
  8. Ma sono carinissimi a forma di tartarughine"!!!! smackkkk

    RispondiElimina
  9. ma quanto sono carine Simona! sei bravissima... per me sei la regina dei lievitati!

    RispondiElimina
  10. Sei una bomba! Io non sarei riuscita a far conservare questa forma con un impasto a base di solo lievito. Davvero complimenti.

    RispondiElimina
  11. la curiosità e la sperimentazione ripagano sempre...proposta molto molto interessante!!!

    RispondiElimina
  12. che belli Simo, sono incantata! complimenti. Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Simona sono carine da matti!!!! brava!!! anche io preferisco l'impasto base senza grassi, mi piace il sapore più "natirale" e devo dire che così la forma viene anche più carina, mantenuta bene

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!