Pane musichiere

Vi piace il pane musichiere? Quando avevo il negozio lo vendevo soprattutto per i bambini (insieme ad altri panini sofficissimi e piccolissimi che si chiamavano puffetti -  parlo al passato perchè non li ho più visti, un giorno o l'altro li faccio). 
Si tratta di un pane al latte e olio morbidissimo e sofficissimo. Adatto per fare panini, ripieni e farcie varie, va bene per fare la scarpetta, per accompagnare pietanze dal sapore delicato. Non è un pane che dura a lungo, nel senso che si secca facilmente e non è adatto per fare bruschette e crostini perchè ha una struttura delicata, si "sfoglia" e si scioglie quasi in bocca. Ho visto in rete pani denominati musichiere fatti  porzionando l'impasto in quadrati e inseriti nello stampo da plum-cake (esattamente come si da per il pull apart bread) ma io non ho mai visto dai miei panettieri dare questa forma a questo pane. Mai. Altre volte ho visto una forma arzigogolata che penso voglia simulare una chiave a violino.. ma sospetto siano ideazioni nuove ... mah non so. Nelle vostre regioni come si fa il musichiere?


Cosa serve per il lievitino:

3 g. lievito fresco di birra
50 g. farina tipo 0 bio macinata a pietra (per me piemontese)
50 g. acqua

Cosa serve per l'impasto finale:

il lievitino
200 g. farina tipo 0 bio macinata a pietra (per me piemontese)
70 g. latte
8 g. sale marino integrale fino
15 g. olio evo + q.b. per spennellare
1/2 cucchiaino malto d'orzo in polvere bio

Preparare il lievitino facendo sciogliere il ldb in acqua ed aggiungendo la farina, mescolare con la forchetta, coprire la ciotolina con pellicola e lasciare lievitare un'ora e mezza.


Nella ciotola della planetaria o altra ciotola se si impasta a mano, mescolare la farina dell'impasto finale con il latte e l'acqua. Coprire e lasciare riposare anche questo composto (si chiama autolisi, serve a dare maggiore sapore e durata al pane).
Trascorso il tempo indicato inserire nella planetaria (o ciotola se si impasta a mano) la farina, il lievitino, il malto e l'olio, iniziare ad impastare, aggiungere il latte in modo graduale ed infine il sale. Fare ben incordare ed impastare fino a quando si ottiene un impasto omogeneo e liscio. Chiudere l'impasto a palla e metterlo a lievitare (con la chiusura verso il basso) in una ciotola oliata. Coprire con pellicola e lasciare lievitare a temperatura ambiente due ore, poi trasferire la ciotola in frigo per tutta una notte (volendo questo passaggio si può saltare ma serve a migliorare il pane. Se si vuole saltare, lasciare la ciotola a temperatura ambiente a lievitare fino al raddoppio e poi proseguire).

La mattina tirare fuori la ciotola dal frigo, riversare l'impasto sulla spianatoia leggermente infarinata e dare due pieghe a libro a distanza di 15 minuti l'una dall'altra, coprendo l'impasto con pellicola e canovaccio.
Stendere l'impasto con il mattarello formando un rettangolo, irrorarlo con un filo d'olio e spennellarlo con un pennello da cucina. Dividerlo in due e sovrapporre le due "sfoglie", piegare di nuovo a libro, coprire con pellicola e canovaccio e lasciare riposare di nuovo 15 minuti.



Con un tarocco dividere il panetto di pane sfogliato in 5 o 6 porzioni, arrotolare leggermente i panetti e disporli uno vicino all'altro direttamente sulla leccarda rivestita con carta da forno. Coprire con pellicola e canovaccio.


Disporre dei pesi attorno al musichiere (pacchi di zucchero o farina o pasta, in modo da creare dei pesi che fermino la lievitazione laterale, deve crescere soltanto in altezza, guarda il post delle biove) e lasciare lievitare ancora un paio d'ore o comunque fino a quando risulta pronto da infornare (d'estate può occorrere minor tempo).
Preriscaldare il forno statico a 220°, quando arriva a temperatura, con l'aiuto di uno spruzzino vaporizzare acqua fredda sul fondo e sulle pareti del forno per creare umidità, togliere pesi, pellicola e canovacci vari attorno al pane, spennellarlo con poco olio evo ed infornare la leccarda (dal basso) nel penultimo ripiano per 10 minuti, poi aprire velocemente, spruzzare di nuovo (non sul pane!), abbassare la temperatura a 190° e terminare la cottura per altri 20 minuti circa. Controllare a vista la cottura del pane, è delicato :-) 



Il nostro paniere completo ha sfornato:

Simona: Pane musichiere

                                    Seguiteci anche sulla nostra pagina su facebook cliccando qui
                                                           @ilgranaiofoodblogger
Simona

  1. Nooo quanti ricordi...era il pane preferito da mio nonno!
    Da noi non si chiama musichiere ma banane o qualcosa del genere inoltre nell'impasto non ha latte ma solo acqua. Mi sono riproposta tante volte di farlo ma non ho mai provato...prenderò spunto dal tuo!!! Grazieeee!!!

    Un abbraccio grande
    moni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheh e no-no aspetta :-) il musichiere non ha lo stesso impasto, anche da noi c'è il pane banana che ricorda appunto la banana, la pasta è quella del bocconcino, identica ed è un pane all'olio e,come dici tu, non ha latte (ci sono bocconcini al latte e quelli all'olio. Sennò come facciamo a complicarci la vita?:-))

      Elimina
    2. Ecco svelato l'arcano!! Ahahahah! Ma veramente quanto siamo complicati!!! Ahahahha!!!
      Ed anche oggi ne ho imparata una nuova!!! Grazie amica!!!

      Un bacione
      moni

      Elimina
    3. 🙌 grazie a te per le fette, anch’io ho imparato una cosa nuova 😘

      Elimina
    4. Siamo un'ottima associazione!!! <3

      Elimina
  2. Che buono deve essere morbidissimo. Ciao Simona buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti! fallo per i tuoi nipotini :-))) baci Dani

      Elimina
  3. Buonissimo, sembra sofficissimo, non conoscevo questo pane musichere, bravissima!
    Buona giornata, baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto soffice! Ti consiglio di farlo in una giornata non ventosa, altrimenti si secca subito. Baci Vanna

      Elimina
  4. Cara Simona, un nome strano a questo pane, ma vedendolo direi che è il pane non noi anziani!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. ciao Simona, da noi si chiamano Bine, le trovi ancora in "latteria" (da noi i forni si chiamno così ;O)) ma NON lo compriamo spesso perchè ce lo contendiamo e ce li sbafiamo in un niente.
    un saluto goloso, il cat

    RispondiElimina
  6. Non l'ho mai visto dalle mie parti, nè ne ho mai sentito parlare, il musichere ... bello anche il nome. Mi piace un sacco Simo, mi sa che me lo faccio sabato.

    RispondiElimina
  7. Assolutamente il musichiere l'ho sempre conosciuto così anch'io e confermo che da bambina ne andavo matta, ma mai avrei pensato si potesse fare in casa, e così bello, poi!

    RispondiElimina
  8. Soffice e anche con un nome simpatico ^_^
    Un pane bellissimo!

    RispondiElimina
  9. Non lo conoscevo questo pane, ma come sempre sei stata bravissima, bello nella forma e presumo anche buono nel gusto. Buon weekend cara e a presto.

    RispondiElimina
  10. Lo ammetto, non conoscevo questo pane. Particolare e divertente il suo nome e molto bello anche.

    RispondiElimina
  11. Crescendo al paese, il pane che era sempre presente in casa era (ed è) il pane di Lariano... Mi piacerebbe provarlo, un bel paninotto imbottito....

    RispondiElimina
  12. Non conoscevo questo pane,comunque ti è venuto molto bene e ha l'impressione di essere molto soffice.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Ecco svelato l'arcano del pane musichiere! Qui non lo vedo più da nessuna parte, peccato, perché anche a me piaceva tantissimo. Baci Simo, vado a sistemare la pagina...

    RispondiElimina
  14. Ciaoooooo :)
    Eccomi finalmente a leggere e con il tuo permesso :) prelevare la ricetta di questo pane che mi riporta indietro nel tempo!! Tanti tanti complimenti perché è bellissimo ed invitante!!
    Spero in questi giorni di riuscire a replicare la tua ricetta, poi ti farò sapere e vedere!!
    Un bacione enorme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Permesso? Ma scherzi Lory.. ne sono onorata:-))) bacioni a te

      Elimina
  15. Da noi lo chiamano pane banana, lo prendevo ai bimbi quando erano piccoli li piaceva la forma e la morbidezza

    RispondiElimina
  16. E' un pò che manco dal tuo blog come anche da tante di voi. E' un periodo....ma si va avanti. Quanto mi sono deliziato i miei occhi tra le tue ricette. Bello il tuo pane, lo avevo visto di sfuggita sui social, dove posso entrare ogni tanto con più facilità dal telefono, del resto mi trovo meglio dal PC. Sei speciale !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia che succede? ... 😘🤗spero niente di grave un abbraccio

      Elimina
  17. Mamma mia che spettacolo è questo pane! Mi ripeto sempre nei commenti riguardanti il pane che realizzi ma sei bravissima ed ogni tipo ti riesce bene :D

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!