Vin brulè

Il vin brulè è un rituale inebriante e piacevolissimo; si tratta di una bevanda deliziosa e corroborante, composta da vino che dev'essere di ottima qualità rosso e corposo, zucchero, spezie e agrumi; si consuma preferibilmente di pomeriggio e la sera, l'ideale per stemperare il clima rigido che abbiamo dalle mie parti, infatti è diffuso in prevalenza nelle regioni del nord Italia e nei Paesi germanici; è ottimo da gustare durante le feste, e per tutto il periodo invernale, magari dopo aver passeggiato in montagna, nei boschi, in giro per i mercatini di Natale, dove è usuale trovare banchetti in cui viene distribuito, dopo aver pattinato sul ghiaccio e in tutte quelle occasioni in cui occorra riscaldare stomaco e cuore :) 
Tuttavia, senza dubbio, si può gustare anche spaparanzati in casa a poltrire...
Noi lo abbiamo preparato a casa di mio figlio e la sua compagna, grandi estimatori :-)
 


Cosa serve:
1 litro vino rosso corposo (per me dogliani piemontese)
150 g. zucchero semolato
4-5 chiodi di garofano
una grattata di noce moscata
una presa di zenzero in polvere
2 anici stellati
alcuni tocchi di cannella in stecca
la scorza di agrumi naturali (buccia edibile) che si preferiscono: arancia, clementina, mandarino, limone, kumquat



Mettere in un tegame il vino con le scorze intere degli agrumi (eliminando la parte bianca che è amara), lo zucchero e le spezie e portarlo a bollore, poi con un accendigas lungo, fiammeggiare il vino (bruciare= brûlé, appunto) e, mescolando spesso, farlo sobbollire piano-piano per 10 minuti, spegnere, attendere qualche minuto e passarlo poi al colino, versarlo in bicchieri o tazze di vetro spesso e servirlo bello fumante



                                                                              SQUISITO! 
Simona

  1. Lo adoro!!! ricordo quando lo bevemmo per riscaldarci anni fa in un nostro viaggio nel periodo natalizio in Slovenia.. E' buonissimo.. lo prepariamo anche noi qui a Roma simile a te!!! Un bacione e buon lunedì :-*

    RispondiElimina
  2. Verissimo, cara Simona: nulla vieta di consumare il vin brulè spaparanzati sul divano di casa :-D.
    Consumato in giro per mercatini in effetti è davvero di gran ristoro ed il suo profumo così inebriante riesce a destare tutti i sensi in un batter di ciglia!
    Tanti auguri di buon compleanno a te ed ai tuoi cari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché buon compleanno???? Ma sarò stordita?!?! Non posso nemmeno dare la colpa al suggeritore dello smartphone perché ero al pc! -_-
      Tanti auguri di buon ANNO!!

      Elimina
    2. 😅😂🤣 ma non preoccuparti l’avevo capito 😁 e poi guarda .. tra qualche giorno è il compleanno di mia mamma, di seguito quello di mio figlio, quindi 🥰 Va benissimo grazie mille! Buon anno a te cara

      Elimina
  3. Mi piace l'idea di farlo in casa!!!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  4. Ciao Simona, dalle mie parti non abbiamo l'abitudine di berlo sarà questione di clima, a Salerno non fa mai veramente freddo. Ricordo però di averlo bevuto con piacere in montagna una vera sferzata di energia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, verissimo è una bella e buona combustione 😁😘 un abbraccio

      Elimina
  5. Che buono!!! davvero una coccola corroborante e golosa...è tantissimo che non lo bevo...devo provare la tua ricetta (tanto so che è, come al solito, perfetta) un abbraccio amica mia!

    RispondiElimina
  6. adoro il vin brulè, soprattutto durante i mercatini di Natale! Immancabile. quest'anno purtroppo devo ancora prenderlo, proverò a farlo da casa!! grazie per le dritte!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!