Risotto ai carciofi e zafferano piemontese

Un risotto buonissimo mantecato con olio evo, senza cipolla e senza vino bianco, due elementi che danno acidità e servono a "sgrassare" la dove ci siano elementi di condimento che lo richiedano, in questo caso sono perfettamente inutili, anzi.. aggrediscono il sapore del carciofo e dello zafferano che sono delicati e di certo non grassi, inoltre avendo già messo a bagno i carciofi in acqua e limone conferiscono al risotto una punta di acidità che per il parmigiano poi usato alla fine, basta e avanza, ma se a voi piace aggiungeteli. Ho usato stimmi di zafferano a Km 0 di produzione di Adriana, una mia cara amica che me ne ha fatto omaggio :-)


Cosa serve per DUE persone:
2 carciofi sodi (io prediligo quelli con le spine liguri, siciliani o sardi)
160 g. riso carnaroli vercellese
brodo vegetale q.b.
olio evo q.b.
due pizzichi stimmi di zafferano (circa una ventina)
parmigiano grattugiato q.b.
sale e pepe q.b.
succo di limone q.b.


Per prima cosa preparare un brodo vegetale, sciogliere dentro ad un bicchiere di brodo caldo lo zafferano, intanto pulire i carciofi togliendo abbondantemente le foglie esterne, la punta e l'interno (la barbetta) utilizzando un coltellino affilato, togliere la parte esterna anche del gambo con tutti i filamenti e conservarne il cuore che è saporito e darà un buon gusto al risotto. Tuffare gambi puliti e cuore di carciofi in una ciotola di vetro contenente acqua fredda e succo di limone (mezzo) poi scolarli, asciugarli con carta da cucina e tagliarli finemente su un tagliere con l'aiuto di un coltello largo ed affilato (opzionale: tenerne da parte qualche rondella per decorare il piatto alla fine)
In un tegame antiaderente mettere un filo d'olio, unire il riso e farlo tostare per bene scuotendo e rimestando i chicchi; unire un paio di mestoli di brodo bollente e i carciofi, abbassare la fiamma e lasciare fremere il liquido mescolando molto spesso aggiungendone man mano che si consuma. Dopo 10 minuti aggiungere anche il brodo con lo zafferano e terminare la cottura (sempre aggiungendo il brodo che serve), regolare il sale (se il brodo è stato fatto bene non servità molto probabilmente), a fine cottura spegnere il fuoco, mantecare con un filino d'olio evo e una manciata di parmigiano grattugiato, scuotere il tegame, lasciare riposare due minuti e servire con i carciofi tenuti da parte ed una grattatina di pepe fresco macinato al momento.
Simona

  1. Adoro i risotti e spesso li faccio unendo zafferano! mai fatto però con il carciofo.. molto buono.. baci e buona settimana :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo zafferano è prodotto da una mia amica, ed è speciale, con i carciofi si sposa benissimo 😉 buona settimana Claudia 😘

      Elimina
  2. Cara Simona, il risotto è un piatto che lo fanno in tanti modi, questo è nuovo per me,
    lo mangerei molto volentieri e ne sono sicure che lo, gusterei tanto.
    Ciao e buona serata con un forte forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Caro! Come stai? È sempre un piacere leggerti, buona settimana Tomaso 🤗vin abbraccio

      Elimina
  3. Sono risottara buono per me .... sola l'uomo nemmeno se lo pago mangia riso pasta si... Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un buon risotto mette di buonumore e si inizia bene la settimana 😉

      Elimina
  4. Che buono questo risotto. Mi hai fatto venire la voglia ;)
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  5. Un risotto ottimo e poi adoro l'aggiunta dello zafferano!
    baci
    Alice

    RispondiElimina

La moderazione è attiva. Commenti anonimi e privi d'identità, con pubblicità e link commerciali non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!