Lettori fissi

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine
Powered by Calendar Labs

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Al Km 0! la pagina fb

Al Km 0! la pagina fb
La nostra rubrica di ricette del territorio. Clicca sull'immagine

Il Granaio! La pagina fb

Il Granaio! La pagina fb
La nostra rubrica di lievitati clicca sull'immagine

Condividi

Commenti Recenti

Post Casuali

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Privacy policy cookie GDPR 679/2016

Privacy policy cookie GDPR 679/2016
clicca sul barattolo

Welcome!

Welcome!
lunedì 19 novembre 2018
Quando sono stata in Trentino (che letteralmente adoro e ci voglio tornare presto) ho potuto gustare lo strudel anzi... dovrei dire gli strudel, perchè paese che vai, strudel che trovi, anzi... addirittura quello assaporato in hotel, fatto sapientemente dalle mani della padrona di casa, era diversissimo da quello trovato al panificio; spostandomi di alcuni chilometri o alle bancarelle delle varie sagre, lo si poteva trovare diverso ancora :-) incuriosita ho fatto (tante) domande e ho scoperto che non c'è una ricetta univoca, ma è di quelle preparazioni ataviche che variano da famiglia a famiglia.

Cosa serve per uno strudel - per la pasta classica:

125 g. farina forte (non va bene la 00, deve avere un alto tasso proteico per essere elastica)
io ne ho usata una W340 tipo 1
la punta di un cucchiaino sale fino
65/70 g. acqua
7 g. olio evo

per la farcia:

500/600 g. mele dolci (golden/jonagold) peso netto
40 g. circa pangrattato
40 g, burro fuso + q.b. per spennellare
2 cucchiai scarsi confettura albicocca
1 cucchiaio zucchero di canna
1 cucchiaio miele di montagna liquido
70 g. uvetta sultanina
40 g. noci sgusciate
40 g. mandorle sgusciate
40 g. pinoli
rum q.b.
scorza grattugiata mezza arancia naturale
scorza grattugiata mezzo limone naturale
q.b. cannella o spezie miste (io 1/2 bustina equivalente di 2 g. e 1/2) cannella, noce moscata, zenzero, chiodi di garofano)


Per prima cosa preparare la pasta. Farla è semplicissimo, è stenderla senza bucarla ma facendola sottilissima come dev'essere che occorre un pochino di pazienza e attenzione.
Mettere in una ciotolina i tre ingredienti, mescolare con una forchetta e rivoltare su un piano da lavoro, impastare per ottenere un panetto morbido ed amalgamato, avvolgerlo con pellicola alimentare e fare riposare la asta almeno un'ora (in modo che il glutine si rilassi e diventi elastica non saltare questo passaggio).
Sciacquare abbondantemente l'uvetta per eliminare impurità e la cera in superficie che mettono per conservarla; poi ammollarla in acqua tiepida per 30 minuti, di seguito strizzarla e spruzzarla di rum. Tenere da parte.
Preriscaldare il forno statico a 180°
Sbucciare e tagliare a tocchetti non troppo grandi e non troppo spessi, le mele, distribuirle sulla leccarda ricoperta di carta da forno bagnata e strizzata, infornare per 8 minuti per ammorbidirle, (non devono cuocere ma appassire leggermente e perdere un po' della loro acqua, questo passaggio serve per far sì che la sfoglia sottilissima non si buchi a contatto con le mele crude e dure e perchè non si bagni, ora che ho imparato questo trucchetto, non lo mollo più :-)) poi toglierle subito dal forno e riversarle in una capiente ciotola dove si mescoleranno tutti gli ingredienti, farle raffreddare ed unire: l'uvetta, la frutta secca tritata precedentemente a coltello, tutti gli altri ingredienti. Irrorare con burro fuso, regolare il pangrattato, il composto deve essere morbido ma sodo, non acquoso. Tenere da parte.




Alzare il forno a 220°
Riprendere la pasta e, con un mattarello, allargare delicatamente la pasta. Allargare un canovaccio pulito da cucina e adagiare la sfoglia, poi con le nocche delle dita, molto lentamente e con estrema delicatezza, allargare la pasta il più possibile (come se fosse un panetto di pasta da pizza, un po' come fanno i pizzaioli per intenderci), quindi ricavare un rettangolo ed adagiarlo di nuovo sul canovaccio. Deve essere davvero sottilissima da vedere i disegni sottostanti del canovaccio, ne parlavo anche qui, nella ricetta base postata altre volte versione con uovo con la quale ho fatto un golosissimo ed estivo Strudel con ricotta, cacao e amaretti  e poi uno Strudel finissimo con pere, cioccolato e crema 



Fare sciogliere sul fuoco o al microonde una noce generosa di burro e spennellare la pasta, riversare la farcia, allargarla bene; arrotolare la pasta dello strudel aiutandosi col canovaccio (guardare le foto) fino alle fine, sigillare le estremità del rotolo, semplicemente schiacciando la pasta e, sempre con l'aiuto del canovaccio, fare scivolare lo strudel sulla placca del forno ricoperta da un nuovo foglio di carta forno bagnata e ben strizzata. La parte della chiusura va tenuta di sotto a contatto con la leccarda

Spennellare bene con burro e mettere in forno. Dopo 10 minuti di cottura, aprire il forno spennellare di nuovo di burro e chiudere lo sportello del forno mettendo il manico di una posata (d'acciaio, non di plastica o legno...) in modo da mantenerlo a fessura. Servirà a fare uscire il vapore e rendere la pasta dello strudel cotta ma croccante. Dopo altri 10 minuti spennellare di nuovo col burro fuso e proseguire ancora la cottura abbassando il forno a 200° per altri 15-20 minuti, dipende dal forno.
Per capire se è cotto occorre notare che la sfoglia (se tirata sottilissima come va tirata) si sfoglia pur non essendo la pasta sfoglia classica (per lo strudel va proprio questa pasta) e alzando lo strudel, la base deve risultare ben cotta e fragrante.
Quando ancora tiepido spolverizzare con zucchero a velo (io di canna, ma si può usare quello classico o vanigliato) e gustare! ottimo tiepido con salsa alla vaniglia o con una pallina di gelato neutro (alla vaniglia o crema), oppure con panna semimontata oppure freddo con una tazza di the. Buono in tutte le occasioni e in tutti i modi. Un dolce di facile esecuzione ma occorre comunque qualche piccola accortezza perchè il risultato sia perfetto nella cottura e nella sostanza.

Le foto sono bruttine, ho preparato questo strudel l'altra sera ed era già buio, ma pazienza è talmente buono che ho voluto postarlo lo stesso, credo che mi perdonerete :-) inoltre l'ho spostato nel piatto di portata ancora caldo e l'ho piegato un po' e pazienza anche qui :-))



P.s. Sconsiglio vivamente di usare pasta sfoglia pronta....a meno che stazioni in frigo da tempo e  dobbiate "farla fuori" (è capitato a tutte, a che a me, però sappiate che è tutta un'altra musica...io oggi opterei per una preparazione salata, una sfogliata, non per uno strudel di mele)

22 commenti:

  1. Una vera bontà!! Credo sia anche molto simile alla mia ricetta. Leggendo gli ingredienti e il passo passo penso di farlo allo stesso tuo modo. A casa mia dura davvero molto poco. Sia mio marito che mia figlia ne vanno matti, oltre la sottoscritta naturalmente. Le foto? Ma che te frega? Sono bellissime così ❤️😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si beh non è mia la ricetta eh? Me la sono fatta dare in Trentino 😉 pensa che invece io ne ho ancora un pezzo per Marco che non è passato ieri a prenderselo. Quasi quasi me lo magno e si attacca al tram 🤣🙈

      Elimina
  2. Lo strudel è un dolce che si mangia volentieri a ogni ora, non sono particolarmente amante delle mele per questo dolce sono ideali. Ne assaggerei una fettina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai veramente non le ami? Allora io fossi in te le sostituirei con le pere 😋 baci ciao Serena

      Elimina
  3. Che delizia Simo! Io lo preparo solo con uvetta e pinoli ma questa tua versione è decisamente più ricca. Da provare assolutamente.
    Un bacio e buon inizio di settimana.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mari io l ho solo riprodotta, non è una mia versione eh? Te la consiglio è davvero speciale. Baci a te e al cuochino

      Elimina
  4. Io ieri avevo proprio voglia dello strudel e l'ho preparato con la pasta sflglia che ho steso ancora di più. Era buono ma non era quello! Adesso salvo la tua ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la fai spero ti piaccia cara Rina, buona settimana 🤗

      Elimina
  5. In casa mia non dura molto ;) Troppo buono!
    Sì è vero, la pasta dello strudel è decisamente meglio della sfoglia, ma, a volte, anch'io ho usato la pasta sfoglia!!!!
    Le foto vanno benissimo ^_^
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  6. Mi hai stesa! Ricetta fantastica e fatta a regola d'arte! Peccato abitare lontane..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero! peccato :-( anche perchè in cambio vorrei spupazzarmi un po' il piccolo

      Elimina
  7. Mi è venuta una voglia incredibile di strudel di mele. Il tu ha un aspetto magnifico.
    Baci e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie sei troppo buona! (l'aspetto non è un granchè ma il sapore..gnam!)

      Elimina
  8. Ma se c'era bisogno di un aiuto per farlo fuori, visto che era "bruttino", potevo venire a dare una mano.... mi sarei sacrificata volentieri ;) bacione a presto

    RispondiElimina
  9. ma qui si sconfina ;O)) i miei amici dicono che sono noioso perchè ad ogni Buschenschank (osteria contadina) io ordino sempre e solo lo strudel per dessert o per merenda! sono un cultore/estimatore, è il mio dolce preferito. Trucchetto per migliorare elasticità della pasta: fai bollire l'acqua in un pentolino dal fondo spesso, butti l'acqua e copri la pasta con la pentola calda, funzia! Lo strudel con la Ziehteig (la pasta viennese) è raro da trovarsi dalle mie parti, lo Strudel sudtirolese è sempre fatto con la pasta frolla per strudel (addizionata con albume). Quello con la pasta sottile è una prelibatezza casalinga. Un saluto goloso, il cat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaaaaaaaa dove vai! torna qui Albertoooo voglio le ricette :-) che consiglio prezioso mi hai dato, quasi-quasi cancello il commento e me lo tengo gelosamente per me :-) no scherzo! comunque le ricette le voglio assolutamente, sconfinare mi piace un sacco. adesso vengo a beccarti

      Elimina
  10. Adoro lo strudel e con questo freschetto lo apprezzo ancor di più, grazie delle precise e chiare spiegazioni per un'ottimo risultato!!!
    Baci

    RispondiElimina
  11. Adoro lo strudel di mele, di solito uso la pasta sfoglia, proverò questa tua versione, buonissimo! Baci!

    RispondiElimina
  12. Avevo lasciato un commento sulla richezza e bontà dello strudel ma non lo trovo più. Mi sa che il pc comincia a rifare le bizze. Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi hai scritto su fb cara... forse ti stai confondendo (a me capita molto spesso:-)ma sono felice tu abbia riscritto, grazie! bacioni

      Elimina
  13. Ti capisco cara Simona, anche io sono rimasta affascinata dal Trentino, siamo stati in vacanza estiva due volte ed abbiamo assaggiato lo Strudel praticamente ovunque e come dici tu, ogni volta è sempre realizzato diversamente pertanto poi per riprodurlo a casa, non si ha una sola ricetta e non si sa quale scegliere. La tua a vedere dalle fotografie, è fantastica e ti faccio i miei complimenti!

    RispondiElimina
  14. amo il trentino ed infatti lo scelgo da sempre come meta per le vacanze invernali, ed amo questo magnifico strudel golosissimo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio, semifreddi, gelati

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...