Lettori fissi

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine
Powered by Calendar Labs

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Condividi

Commenti Recenti

Post Casuali

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Privacy policy cookie GDPR 679/2016

Privacy policy cookie GDPR 679/2016
clicca sul barattolo

Welcome!

Welcome!
giovedì 7 giugno 2018
Oggi noi del team della rubrica Al Km abbiamo voglia d'estate!  
Chi mi conosce di persona sa quanto ami non solo l'orto ma anche il giardino e le piante fiorite e anche quelle da frutto, tant'è che nel mio frutteto (che ora non ho più) avevamo piantato un po' di tutto, per coprire la voglia di avere frutta biologica al 100% a portata di mano nell'arco di tutte le stagioni e quindi kiwi, ciliegie, pesche, cachi, fichi, mele, nespole, uva da tavola, piccoli frutti rossi, albicocche, susine, prugne e anche duroni, che in dialetto piemontese si chiamano graffioni, li avevo sia rossi che bianchi ed è proprio questi ultimi che ho utilizzato per sfornare questa golosissima focaccia dolce. Ecco che si capisce bene quanto ami la natura e i suoi frutti, nutro un gran rispetto per le stagioni e la stagionalità dei prodotti che è diversa lungo il nostro stivale, il clima è molto diverso, va da sè che il ciclo di maturazione vari da un luogo all'altro.



Cosa serve

per il lievitino:
2 g. lievito di birra fresco (una briciola)
30 g. farina manitoba bio
20 g. farina di farro bianca bio
50 g. latte intero appena tiepido
10 g. burro

per l'impasto:

tutto il lievitino
100 g. farina manitoba bio
50 g. farina di farro bianca bio
20 g. zucchero di canna
5 g. latte in polvere
65 g. latte intero appena tiepido
i semi di mezza bacca di vaniglia bourbon
1 pizzico cannella in polvere
1 cucchiaino malto d'orzo liquido bio
5 g. sale fino marino integrale

Poi serve:

100 g. duroni bianchi (graffioni bianchi del mio albero) denocciolati (quindi peso netto), ma si possono usare ciliegie sode e polpose, poco acquose.
latte q.b. per spennellare
zucchero di canna q.b. per spolverizzare la superficie

Preparare il lievitino facendo sciogliere a microonde a potenza minima il burro, unire il lievito e di seguito le farine, mescolare con una forchettina ottenendo una pastella, coprire con pellicola e fare riposare 45 minuti.


Nella ciotolina del lievitino unire il malto e mescolare. In una ciotola mettere tutti gli altri ingredienti tranne il sale ed il latte intero, dare una mescolata e poi unire il lievitino + malto e un po' per volta il latte intero. Per ultimo il sale.
Impastare dapprima nella ciotola poi su un piano da lavoro fino a quando l'impasto diveta liscio e setoso.

Dare due volte le pieghe a libro e poi ripiegare ancora una volta (guardare le foto) per dare forza all'impasto, coprendolo e lasciandolo riposare 20 minuti ogni volta.




In ultimo oliare leggermente le mani, tirare i lembi della pasta e portarli verso il centro, poi girare la palla dell'impasto coi lembi a contatto del piano da lavoro e arrotondare (pirlare) l'impasto, poi metterlo in una ciotola anch'essa unta leggermente, coprirla con pellicola bene in modo che non passi aria e lasciare l'impasto lievitare a temperatura ambiente per 12-14 ore.







Trascorso il tempo indicato, riprendere l'impasto e, con delicatezza, riversarlo dentro ad una teglia tonda da 28D precedentemente unta con olio di mais o riso (o comunque leggero), allargando bene la pasta con i polpastrelli, inserire schiacciando leggermente, i duroni o le ciliegie nell'impasto e coprire bene lo stampo con alcuni giri di pellicola alimentare e lasciare lievitare ancora 1 ora e 1/2.



Preriscaldare il forno a 220° statico. Intanto togliere la pellicola che ricopre la focaccia e tamponarla con pochissimo latte aiutandosi con un pennellino da cucina. Spolverizzare quindi con zucchero di canna.
Quando il forno ha raggiunto la temperatura infornare. Dopo 10 minuti abbassare a 200° e lasciare cuocere la focaccia dolce ancora per altri 10 minuti (20 minuti di cottura in tutto quindi) fare la prova stecchino infilzando nella focaccia uno spiedino che deve rislutare perfettamente asciutto.
Quindi spegnere il forno, aprire del tutto lo sportello ma lasciare ancora la focaccia all'interno per altri 5-6 minuti, infine sfornarla.

                                       Ottima sia tiepida che completamente raffreddata

Se replichi la mia ricetta, per cortesia, inserisci il link di provenienza al mio sito, grazie!!!


Seguiteci anche sulla nostra pagina facebook cliccando QUI

22 commenti:

  1. Cara Simona, con i frutti di stagione, ai creato una vera bontà!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso 🤗 grazie buona giornata a te

      Elimina
  2. Wow Simo che delizia!!!
    Una spiegazione dettagliata ed accurata, tanto da farmi venir voglia di metter le mani in pasta ( e sai quanta poca pazienza invece io abbia per i lievitati ^_^)
    Mi piace questa focaccia, e mi piacerebbe proprio provarla!!
    Un abbraccio grande <3

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia Simo, quest'anno non ho ancora mangiato ciliegie, hanno un aspetto anemico e costano un botto. Pazienza... bacioni a presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si costano una pacca, è vero, anche quelle Pugliesi che sono meravigliose di solito, costano molto e non hanno molto sapore. Questi comunque sono duroni bianchi, sono proprio così per la qualità, non sono acerbi eh! 😁😉😘

      Elimina
  4. belissimo l'effeto spiazzante dell'aspetto "pizza soffice con pomodorini". Non che a colazoine non mi sia già capitato di pucciare la pizza salata nel caffelatte (lo so, dà i brividi, ma provatelo ;O))))ma stavolta sarei pure autorizzato, hahaha. Bellissima spiega e che buone le ciliegie bianche, cotte mi fanno impazzire. Un saluto goloso, il cat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo divertente l’immagine che ci hai regalato, carissimo! 😅😂
      Saluti golosi anche a te

      Elimina
  5. Secondo me devi aprire qualcosa che tu fai da mangiare , stai diventando sempre più brava, un abbraccio (stt.. che invidia quelle ciliegie)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che gentile smack! 🙂🙃 mi piacerebbe tanto Günther ma non ci sono altri presupposti per renderlo reale e poi qui da me le attività sono un terno al lotto ...

      Elimina
  6. Fortunata te con a disposizione queste meravigliose ciliege, che con gran e paziente abilità hai fatto finire in questa golosa focaccia!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso non le avrò più ma me le fono goduta tanto 😉

      Elimina
  7. Non ho mai avuto il piacere di assaggiare questa varietà di ciliegie e non sai come mi intrigano! Questa focaccia deve essere squisita! Perfetta x la colazione, la merenda e coccola a tutto tondo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio è davvero buonissima! Sono certa ti piacerebbe 🤗

      Elimina
  8. Mamma mia che spettacolo, deve essere una bomba. Non sapevo esistessero dei duroni bianchi, a vederle avrei detto che fossero amarene. Ma sono dolci o un po' asprine?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No non sono amarene e sono Dolcissime Ele! 😋 da bambina avevano due alberi e facevamo certe scorpacciate! Le preferivo a quelle rosse

      Elimina
  9. La focaccia dolce con le ciliegie mi manca. Adesso mi stai tentando e dovrò farla :)
    Fine settimana faccio scorta di ciliegie e poi sperimento ;)
    Un bacio

    RispondiElimina
  10. Brava, che bella idea, proverò a farla anche io!

    RispondiElimina
  11. Ha un aspetto davvero invitante, che acquolina, anche se è abbastanza tardi !

    RispondiElimina
  12. riesci sempre ad ingolosirmi, questa focaccia profuma fin quiiiiiii !Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Questa varietà -graffioli- da noi si trovano a fine giugno. Salvo la ricetta, l'aspetto mi tenta. Buona domenica.

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio, semifreddi, gelati

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...