Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
lunedì 15 maggio 2017
Cosa serve:

130 g. lievito madre già rinfrescato
500 g. farina bio di semola rimacinata siciliana
300 g. acqua a temperatura ambiente
1 cucchiaino e 1/2 raso di sale fino marino integrale
2 cucchiaini di malto d'orzo bio in polvere
2 cucchiai olio evo grezzo

Poi serve:

semi di sesamo bio q.b.

N.B. Non ho provato a fare questo pane con lievito di birra per cui do indicazioni ipotetiche sulla base della mia esperienza. Se non si possiede lievito madre, credo si possa optare per utilizzare 6-8 g. di l.d.b. fresco
questa è la proporzione che uso quando panifico con il suddetto lievito (raramente ormai, solo per alcuni formati di pane), di seguito fare un pastello con 200 g.  farina, il lievito, metà acqua. Coprire e proseguire come descritto, ma accorciare i tempi, ovvero procedere all'impasto quando il pastello sarà visibilmente raddoppiato.

(orari indicativi: quelli che ho usato io)

Ore 10,00

Rinfrescare il lievito madre, riporlo in frigo per 6 ore poi tirarlo fuori, pesarne la quantità indicata nella ricetta, mettere quel che resta in frigo per la prossima panificazione, quel che serve questa volta lasciarlo a temperatura ambiente 1 ora.

Ore 17,00

Setacciare la farina per arieggiarla.
Nella ciotola della planetaria o ciotola capiente se si impasta a mano) mettere l'acqua, dare una mescolata con il gancio per impastare o la forchetta e lasciare riposare una ventina di minuti, poi unire il lievito madre, il malto d'orzo e l'olio. Accendere la planetaria e lasciare incordare (o mescolare prima con una forchetta, poi con una mano all'interno della ciotola e poi proseguire sul piano da lavoro), unire quindi, come sempre, in ultimo il sale.



Lasciare impastare una decina di minuti (io non lascio mai troppo, ho visto che non serve, quando l'impasto si presenta liscio, spegnere)

Mettere l'impasto in una capiente ciotola leggermente oliata e coprirla con pellicola e con un canovaccio pulito.


Lasciare lievitare in modo naturale a temperatura ambiente (18°- 20°) fino alla mattina successiva, dunque per 14-16 ore. (se si panifica d'estate, dopo 4-5 ore di lievitazione a t.a. meglio proseguire la lievitazione mettendo in frigo l'impasto)
--------------

Messo a lievitare


Ore 8,30

Prendere l'impasto ben lievitato, riversarlo molto delicatamente sul piano da lavoro leggermente infarinato (l'impasto non sarà comunque appiccioso, sarà soffice e vellutato) e iniziare a fare le solite pieghe di cui parlo spesso.
Quindi farle per tre volte.

Ogni volta lasciare "puntare", cioè riposare coperto da un panno, sul piano per 20 minuti.

Quindi:

1) piega > coprire e attendere 20 minuti
2) piega > coprire e attendere 20 minuti
3) piega > coprire e attendere 20 minuti

Riprendere l'impasto. Pesarlo.
Se si usa lievito madre sarà sul chilo.

A questo punto si può lasciare una pezzatura unica e quindi procedere nel dare la forma desiderata, oppure ricavare pagnotte o filoni più piccoli. Per questa panificazione ho deciso di dividerlo in due e formare dei filoni.


Quindi: con un tarocco dividere l'impasto a metà, pesarlo non fare ad occhio altrimenti la cottura dei due pani sarà diversa. Arrotolare leggermente ogni pezzatura per dare la forma voluta, bagnarsi le mani e passarle delicatamente sulla superficie dei filoni.
Mettere una manciata di semi di sesamo bio su un foglio di carta da forno e fare ruotare la superficie per farli aderire. Con delicatezza spostarli su un tagliere ricoperto da un altro foglio di carta da forno.



Mettere i due pani un po' distanziati calcolando poi l'ingombro che occuperanno una volta lievitati ancora sulla leccarda del forno.
Coprirli con 2-3 strati di pellicola alimentare sovrapposta, coprire poi ancora con un canovaccio da cucina. Disporre tra i due filoni e alle estremità dei pesi (pacchi di farina o pasta o libri....) questo farà sì che il pane crescerà maggiormente in altezza e non in larghezza durante quest'ultima lievitazione.

Farli quindi lievitare ancora 2 ore e mezza (per me che ho lievito maturo. Se si dispone di lievito più giovane o se l'ambiente non è abbastanza caldo, proseguire ancora o, se al contrario, si ha utilizzato lievito di birra fresco, i tempi andranno accorciati ad un'ora e mezza all'incirca)



Quindi: quando manca mezz'ora alla completa lievitazione, preriscaldare forno statico a 230° Con dentro la leccarda in modo che diventi caldissima e pentolino d'acqua bollente sul fondo.
Aspettare ancora 10 minuti da quando si spegne la lucina che indica forno a temperatura.
Trasferire velocemente, ma sempre delicatamente, le pagnotte sulla leccarda appena tirata fuori dal forno e rivestita da carta da forno, facendo ben attenzione perchè ustiona!
Infornare per 15 minuti. Ripiano non centrale bensì la misura sottostante.

Serpentina sia sotto che sopra. Poi togliere il pentolino d'acqua ed abbassare la temperatura a 190°. Continuare la cottura delle pagnotte ancora per 15 minuti. Dipende dal forno. Il pane deve essere, come sempre, ben cotto.
Spostare la manopola sulla serpentina solo sotto, e dopo 10 minuti aprire il forno per 5 minuti. Poi spegnere ma lasciare ancora dentro il pane per altri 5 minuti prima di sfornare e mettere i filoni a raffreddare su una gratella.
"Bussando" il fondo deve sentirsi un rumore "sordo-vuoto" come già detto tante volte. Non è facile stabilirne la cottura, occorre esperienza e un po' di fortuna coi forni di casa..

Con questa tabella di marcia si inizia la mattina e il giorno successivo verso le ore 13,30 il pane è sfornato!!!!
Per me i tempi ideali sono questi. Vanno benissimo, ad esempio, per chi lavora e può dedicare tempo alla panificazione nel week end.

Quando i filoni sono freddi si possono congelare se lo si desidera: quindi  tagliare fette regolari (con questo formato vengono benissimo) ricomporre il filone ed inserirlo nel sacchetto per congelare alimenti (quello medio sembra fatto su misura). In questo modo si potrò scongelare (a temperatura ambiente) la porzione di pane desiderata, sarà perfetto.



Se replichi la ricetta, per piacere, inserisci il link di provenienza ed attribuzione al mio sito.
Grazie

29 commenti:

  1. Ciao Simona! Questi filoncinibsono davvero fantastici, complimenti

    RispondiElimina
  2. Simona i tuoi filoni hanno un aspetto e un' alveolatura perfetti. Mi garba l' idea di far lievitare il filone tra due ostacoli per veicolare lo sviluppo in altezza...complimenti...un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una tecnica davvero semplice ma efficace. Bacioni Caterina!

      Elimina
  3. Superbrava, complimenti...non tutti sanno fare un pane così, chissà che delizia...una volta o l'altra mi cimento, magari con una ricetta più semplice. Buonissima settimana, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri! Fidati non è affatto difficile 😘

      Elimina
  4. Che bel pane, pare di sentirne il profumo! Buona serata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cara, buona serata Anche a te 🤗

      Elimina
  5. Ma che figata la tecnica dei pesi! Da sperimentare assolutamente :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la uso spesso quando faccio pane più piccolo 😍

      Elimina
  6. Sono bellissimi questi filoni.. poi con tutta semola e i semini in suporficie!|!!!! Un bacione e buona settimana :-*

    RispondiElimina
  7. ma pensa te...i pesi! Una genialata :)
    Se porto due fette di coppa piacentina, tu ci metti il pane? Ma questo!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due per modo di dire.. non letteralmente vero? 😂 Ma cerrrrrto che si! Adoro la coppa e la pancetta piacentine 😋

      Elimina
  8. Ammiro tantissimo chi,come te,panifica ottenendo risultati eccezionali che mi lasciano sempre a bocca aperta!;).
    Questi filoni sono speciali e favolosi in quanto il profumo e il sapore che il lievito madre conferisce al pane e' ineguagliabile..i semi di sesamo donano una nota ulteriore gradevolissima che adoro..inoltre la consistenza interna è lievitata alla perfezione e la spiegazione sul come realizzarli è estremamente precisa e dettagliata!;).
    Bravissima come sempre Simona ti faccio i miei più sinceri complimenti!:).
    Un bacione:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... però vorrei venire lì a mangiare l'originale 😘

      Elimina
  9. Un pane meraviglioso. Farà tesoro del consiglio dei pesi tra i filoni. Ottima idea per avere un pane più sviluppato in altezza.
    Baci cara e buona giornata.

    RispondiElimina
  10. Tanto lavoro ma un ottimo risultato. Questa settimana viene a trovarmi un'amica e poi nel we ho il pellegrinaggio a Roma, ci sentiamo appena torno, bacioni :)

    RispondiElimina
  11. Ciao Simo non so perché ma dal pc non riesco ad entrare nel blog ma solo dal cell :(. Questo pane e ' fantastico io adoro i semi di sesamo...qualche volta compro quello siciliano proprio per i semini sopra. Buona serata Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? che barba ..ignoro il motivo Luisa uffa...

      Elimina
  12. Risposte
    1. gli ultimi poi fa caldo e manco per sogno che accendo il forno :-)

      Elimina
  13. Ti vengono proprio bene le panificazioni!!!
    Che dire sei bravissima!!!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore per l'apprezzamento Gwendy! baci

      Elimina
  14. Anche tu non scherzi con il pane, è bellissimo e tanto buono con quei semini sopra !

    RispondiElimina
  15. avere a tavola un buon pane cosi, è un ottima cosa grazie per tutti i passaggi

    RispondiElimina
  16. Ma sei bravissima Simo, guarda che belli.....e non ho dubbi sulla loro bontà....
    Complimenti Simo, manine d'oro anche te ^_*
    Un bacione

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...