Agnellino di pane

Per questo agnellino di pane (*che assomiglia di più ad un montone obeso...) ho deciso di non fare un lievitato tipo panbrioche, anche se per questo genere di forme si ha un effetto estetico più facile da ottenere (*) ma ho voluto fare proprio pane-pane, in questo caso arricchito solamente da poco latte e una noce di burro per rendere le pagnottelle più soffici, ho voluto inoltre usare il mio lievito madre, ma si può assolutamente usare il lievito di birra, anzi... lo dico sempre che per i formati piccoli, pagnottine, sfilatini, quadrotte, ciabattine ecc. la resa è migliore, ma io voglio anche divertirmi... ed è un lievitato che sicuramente diverte i bambini, fatelo con loro e per loro!


Cosa serve:
400 g. farina tipo 0 W280
200 g. semola rimacinata integrale
100 g. lievito madre rinfrescato e al raddoppio (oppure 2 g. lievito di birra fresco)
14 g. sale fino marino integrale
280 g. acqua a t.a.
100 g. latte
1 cucchiaino malto d'orzo bio in polvere
30 g. burro fuso e freddo
semi di sesamo q.b.
semi di papavero q.b.
2 mandorle sgusciate
1 oliva nera 

(orari indicativi: quelli che ho usato io)

Ore 14,30/15 rinfrescare il lievito, tenerne da parte 100 g. e l'altro (dopo aver fatto partire la lievitazione, quindi dopo un'oretta) metterlo in frigo per le panificazioni successive.
Nel frattempo preparare l'autolisi mettendo nella ciotola le farine e irrorare con tutta l'acqua. Dare una mescolata sommaria e veloce, coprire con pellicola/canovaccio e lasciare riposare il tempo che il lievito sarà pronto.

Ore 18/18,30 nella ciotola aggiungere il malto e il lievito a pezzi, iniziare ad impastare ed unire il latte poco alla volta e il burro, continuare ad incordare e impastare almeno una decina di minuti e in ultimo aggiungere anche il sale. 
Spegnere, ungere le mani prelevare l'impasto e metterlo in una capiente ciotola leggermente oliata; coprire con pellicola e canovaccio (io poi lo tengo fermo con un grande elastico in modo che non passi aria, l'impasto non deve assolutamente seccare) e lasciare la ciotola a t.a. per 3 ore, poi trasferirla in frigo a fare maturare l'impasto per 10-14 ore, a seconda dei propri impegni (quindi fino alla mattina successiva e se seguono gli orari che ho usato io).
La mattina ore 9,30 circa
Prendere l'impasto e delicatamente rovesciarlo sul piano da lavoro. Dare una piega a libro, coprire con pellicola e canovaccio e lasciare riposare 15-20 minuti e ripetere un'altra volta.


Ricavare 20 palline (per la testa, la coda e le zampe devono essere più grandi), pesare le pezzature per fare in modo che siano precise, allungare ogni pezzo di impasto con il mattarello e arrotolare su se stesso, sistemarle via-via sulla leccarda rivestita con carta da forno, poi formare la testa, zampe e coda cospargerli con semi di papavero, le altre palline che simulano il corpo invece con i semi di sesamo, cercare di dare una forma che possa ricordare un'agnello (la mia non lo ricorda molto :-))), mettere un'oliva nera al posto dell'occhio e le mandorle sulle zampe, coprire con pellicola e con un canovaccio e lasciarlo lievitare circa 3 ore.


Preriscaldare il forno statico a 220° con la leccarda all'interno.
Spruzzare le pareti e il fondo del forno con acqua (usando uno spruzzino o le mani semplicemente), infornare. Dopo 10 minuti aprire il forno e vaporizzare di nuovo acqua per creare umidità, abbassare la temperatura a 190° e lasciare cuocere per altri 30-35 minuti.


Il nostro paniere completo ha sfornato:

Sabrina: Babà al rum
                                    Seguiteci anche sulla nostra pagina su facebook cliccando qui
                                                           @ilgranaiofoodblogger
Simona

  1. Qualunque animale sia, è troppo carino! Anche per i grandi, soprattutto se bisognosi di coccole come la sottoscritta ;) Bacioni

    RispondiElimina
  2. Trovo sia un'idea fantastica da preparare insieme allo gnomolo! È molto grazioso, mi piace tanto!!

    RispondiElimina
  3. Come ti ho già detto su FB questo agnellino farebbe la felicità dei miei figli che si divertirebbero a comporlo. E' troppo carino.,,,,,, sto ridendo per il montone obeso... non è così, è un tenero agnellino!!!! :-) :-)

    RispondiElimina
  4. Bravissima Simona! Non è sicuramente facile dare una forma simile, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica! Infatti non è stato affatto semplice 😌 grazie mille cara 😘 per i complimenti

      Elimina
  5. Ma povero agnellino, perché gli dai del montone obeso addirittura, poverino?? È così carino, lui! A me fa tenerezza, immagini quanto possa divertire i bimbi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😅😅😅 hai ragione sono cattiva!! Fa tenerezza anche a me 🥰 secondo me la chiacchierina di divertirebbe a farlo e mangiarlo

      Elimina
  6. Ahahhaa!!! Montone obeso...mi fai morire!!! Aahhahahah!!!
    Sei sempre troppo severa!!!!
    È un tenero carinissimo agnellino!!!!

    Un abbraccio grande
    Moni

    RispondiElimina
  7. Eccolo qui il carinissimo agnellino di pane.. un pò cicciottello!! Bravissima davvero.. Baci e buon fine settimana :-*

    RispondiElimina
  8. Love this recipe, looks delicious !!

    RispondiElimina
  9. Idea molto simpatica e carina da portare a tavola questa Pasqua

    RispondiElimina
  10. Complimenti è delizioso! E Buona Pasqua ^_^ Annalisa

    RispondiElimina

La moderazione è attiva. Commenti anonimi e privi d'identità, con pubblicità e link commerciali non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!