Gnocchi di patate e bietole alla sorrentina

Gli gnocchi di patate fatti a mano sono sempre una grandissima goduria, passati al forno ancora di più, ho voluto fare una piccola variante, ovvero aggiungere bietoline per dare colore e un sapore più delicato a questa preparazione molto golosa.



Per 900 g. di gnocchi serve: (4 persone)
750 g. patate farinose (per me di montagna)
170 g. farina 00
30 g. semolino + q.b. per spolverare piano da lavoro e gnocchi
90 g. bietoline (o spinaci) già lessate e strizzate (circa 250 g. crude)
1 tuorlo
sale q.b.
1 pizzico saporita
1 pizzico di lievito per torte salate o bicarbonato

Poi serve:
200 g. mozzarella fior di latte (peso sgocciolato)
una lattina di pelati di ottima qualità (io ho usato Alce Nero)
un ciuffo basilico
sale e pepe
olio evo q.b.
2 spicchi aglio
parmigiano grattugiato q.b.


Lavare le patate e farle lessare in acqua salata con la buccia, lessare a parte sempre in acqua salata le bietoline, poi scolarle, farle raffreddare, strizzarle bene e tritarle finemente in un tritatutto elettrico o con un coltello affilato (o la mezzaluna).
Spolverizzare il piano da lavoro con il semolino, quando le patate sono cotte e ancora calde (ma non bollenti, devono essere tiepide) schiacciarle nello schiacciapatate o passaverdura (NON frullarle altrimenti diventano colla), formare una fontana ed unire al centro le costine, il tuorlo, la saporita e il bicarbonato, iniziare ad amalgamare ed unire la farina precedentemente mescolata al semolino, continuare ad amalgamare ed assaggiare, se è il caso regolare il sale.


Formare velocemente un impasto, non occorre impastare a lungo, anzi... bisogna semplicemente amalgamare è il segreto per aggiungere poca farina e fare rimanere gli gnocchi soffici e scioglievoli.
Coprire il salamotto con un canovaccio e fare riposare 5 minuti poi fare tanti salamini e tagliare gli gnocchi con un coltello a lama liscia o un tarocco, passarli in una spolverata di semolino e se si desidera nel riga gnocchi o dentro i rebbi di una forchetta o l'interno di una grattugia o semplicemente lasciarli al naturale (ma rigandoli, il condimento s'incorporerà meglio).




Metterli distanziati in un vassoio abbondantemente infarinato con semolino coprirli con un canovaccio e metterli in frigo fino al momento di cucinarli oppure congelarli ben separati e poi, una volta surgelati, metterli in un sacchetto, etichettarli e quando è il momento di cuocerli metterli senza scongelarli ma direttamente in acqua al bollore dal freezer.
Preparare il sugo: mettere in una casseruola antiaderente un filo d'olio evo e gli spicchi d'aglio, fare insaporire facendo attenzione che non prendano colore, aggiungere i pelati e schiacciarli con una forchetta (NON frullare!), aggiungere sale, pepe e basilico poi mettere il coperchio e lasciare che si rapprenda e cuocia una ventina di minuti mescolando spesso.
Tagliare a cubetti al mozzarella e grattugiare abbondante parmigiano. Preriscaldare il forno ventilato alla massima temperatura.



Cuocere gli gnocchi come di consuetudine in acqua salata, come vengono a galla scolarli con una schiumarola, metterli in una pirofila da forno, condire col sugo di pomodoro dopo aver tolto gli spicchi d'aglio, cospargere con mozzarella e parmigiano.


Infornare subito e lasciare gratinare 5 minuti non di più, eventualmente accendere il grill l'ultimo minuto se necessario. Servire.
Simona

  1. Le tue ricette sono sempre originali e ben spiegate e questi gnocchi sono gustosissimi. Felice settimana cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabi è un complimento stupendo, grazie di cuore 💖 felice settimana a te

      Elimina
  2. Ma che meraviglia questo piatto, l'aggiunta delle bietoline mi piace moltissimo. Brava Simona.
    Un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice ti sia piaciuta l’idea 💋bacioni, buona settimana a te

      Elimina
  3. Adoro gli gnocchi mai provati così, i tuoi sembrano squisiti! Complimenti!
    Antonella

    RispondiElimina
  4. Hai ragione, passati al forno sono una vera delizia. Bella l'idea delle bietole, immagino che potrei usare anche gli spinaci

    RispondiElimina
  5. Un di colore verde ci vuole, verde bianco e rosso colori che orgoglisaamente mi piacciono molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Carmine! Non ci avevo pensato ☺️🤗

      Elimina
  6. mmmm...sento il profumo fin qua ^_^
    Che bella idea quella di aggiungere le bietoline.
    Ottima proposta!

    RispondiElimina
  7. Non so da dove cominciare.. intanto è perfetta sta ricetta.. anche gli gnocchi con patate e bietoline! Il condimento.. una roba pazzesca e succulenta.. Sei davvero bravissima!! :-* un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetta non so 🙈 ma mi fa molto soddisfatto, baci!

      Elimina
  8. Mi piace molto l'idea delle bietoline nell'impasto! Non ho assaggiato gli gnocchi alla sorrentina, avessi dovuto assaggiare tutte le prelibatezze della cucina napoletana, dovevo stare là almeno un mese... bacione ;)

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia questo piatto, devono essere squisiti questi gnocchi😋😋😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica! Si, a parte l’idea malsana di accendere il forno 😜😁 erano davvero buoni

      Elimina
  10. mi piace per l'aggiunta delle bietoline che alleggeriscono la preparazione rendendola più interessante e meno scontata

    RispondiElimina
  11. Mi piace l'aggiunta della bietolina per questi gnocchi resi fantastici dalla passata in forno!!!
    Baci

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!