Cioccolatini tipo baci perugina

Questi cioccolatini sono veloci e facili da fare, perfetti da regalare per la festa della donna e della mamma, ma anche gli uomini ne sono golosi e quindi potrebbe essere un'idea anche per la festa del papà; insomma... ogni occasione è buona per gustarli.
La ricetta originale dei baci perugina è naturalmente coperta da copyright, per cui si può solamente andare per tentativi e cercare di ricrearla; io ne ho lette tante in rete, alcune un po' fantasiose e inverosimili e tantissime uguali identiche, ho cercato quella che più m'ispirasse e poi alla fine, come al solito, ci devo mettere il mio zampino (anche perchè originale, appunto, non è) 
Io ho voluto fare i bacetti, in Piemonte siamo soliti fare pasticceria mignon e piccoli bon-bon, piccoli cioccolatini, il tutto da gustare in un sol bocconcino.
Devo dire che non sono perfetti esteticamente (ma pazienza...) ma mi hanno detto molto buoni; credo tuttavia si discostino rispetto agli originali, altrimenti cosa esiste a fare il copyright?  Io dubito che la signora Spagnoli usasse la crema spalmabile alla nocciola... (non so nemmeno se esistesse all'epoca, inoltre una crema non di sua invenzione) ma probabilmente chi ha cercato di emulare questa ricetta ha pensato di utilizzarla per facilitare il risultato, e aveva ragione. Io comunque ho usato quella al gianduia nero, mi è sembrata più appropriata, ho aggiunto cacao amaro e cioccolato bianco alla glassa.
Per quanto riguarda le nocciole (ingrediente principale dei baci), nel web si legge di usare la granella già pronta, nessuno menziona d'usare le nocciole tostate e invece la frutta secca va tostata! Io preferisco tritare personalmente le nocciole 1) perchè scelgo la materia prima che più che mai come in questo caso, dev'essere di prima qualità, 2) la granella già pronta è dura e secca, va bene per decorare i bordi delle torte o altre preparazioni, ma per farcire l'interno di un cioccolatino per me non va bene, inoltre meglio avere una granella non omogenea in bocca, ma sono gusti...


               Photo by Graffi Narrazioni Fotografiche      Graffi foto e video

Cosa serve per 10-14 baci o bacetti
50 g. cioccolato al latte
50 g. crema spalmabile al gianduia fondente
100 g. cioccolato fondente 70%
20 g. cioccolato bianco (o burro di cacao)
5 g. cacao amaro in polvere
50 g. nocciole tostate piemontesi IGP
10-12 nocciole intere (quanti sono i cioccolatini)


Spezzettare il cioccolato al latte e fonderlo in microonde a 360W per pochi istanti oppure a bagnomaria facendo attenzione che all'interno della ciotola dove c'è il cioccolato non entri acqua o vapore che pregiudicherebbe il risultato. Unire al cioccolato fuso la crema spalmabile al gianduia fondente, il cacao amaro in polvere e le nocciole tritate, mescolare con una spatolina in silicone e mettere la farcia in frigorifero per una quindicina di minuti. Il composto deve rassodare un pochino ma non diventare duro.


Intanto preparare un vassoio rivestito da un foglio di carta da forno e le nocciole intere. Preparare anche il rivestimento dei baci spezzettando il cioccolato fondente e quello bianco, che serve a rendere la glassa più lucida e sottile, mettendolo dentro ad un pentolino alto e stretto oppure, se si scioglie al microonde, dentro ad un contenitore di pirex/vetro che sia sempre alto e stretto.
Trascorsi i 15 minuti (consiglio d'indossare guanti usa e getta per alimenti) riprendere il composto, (pesa 150 g. io ho pesato e suddiviso la farcia, ma si può fare ad occhio) formare palline possibilmente tutte uguali, con il polpastrello fare un piccolo incavo e sistemare una nocciola intera; adagiare i baci sul vassoio rivestito con carta da forno e mettere in freezer per 5 minuti.
Intanto sciogliere il cioccolato di copertura sempre al microonde 360W o bagno maria. Lasciare che intiepidisca qualche istante, riprendere i cioccolatini dal freezer e, con l'aiuto di una forchettina, immergerli, uno ad uno, nel cioccolato fuso.



Sgrondare l'eccesso di cioccolato e adagiare i baci su una gratella (avendo cura di mettere un altro foglio di carta da forno sottostante per non sporcare il piano da lavoro), lasciare completamente asciugare e poi collocare i cioccolatini nei pirottini di carta e rivestirli con carta di alluminio (per simulare l'estetica dei baci perugina). Si può anche omettere il pirottino, io l'ho messo perchè così ho preferito.

Io poi li ho confezionati in una graziosa scatolina per regalarli ad un'amica


                                          
                                                                
Simona

  1. Grande Simona hai fatto una gran bel lavoro che merita prodotti di prima qualità, immagino una bontà. Come stai in questo tempo d'influenze e altro?....Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara amica mia! No influenza no, raffreddore ma è allergia, oggi piove (finalmente), per cui va meglio, voi? Spero tutti bene. Un abbraccio grande 🤗

      Elimina
    2. Bene anche noi piove un pò anche qui ma ci vuole il diluvio per abbassare l'inquinamento.
      Buon pomeriggio.

      Elimina
  2. Sono d'accordo, molto meglio la nocciola intera tostata e poi tritata. bellini da matti così piccini. Non ho mai provato a farli e ora mi hai molto incuriosito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Piccini sono più raffinati ☺️
      La nocciola tostata e tritata rispetto alla granella pronta non c’è paragone! Grazie per averlo apprezzato, falli dai!!! Vedrai che uno tira l’altro cara Ele 🥰

      Elimina
  3. Beata la tua amica! Non so se saranno uguali agli originali ma io li assaggerei molto volentieri ;) Poi, ti dirò, che a me sembrano molto carini. Sei stata bravissima, non ti sminuire sempre che sei bravissima. Un bacio amica mia

    RispondiElimina
  4. caspita Simo che tentazione irresistibile !!!!! Il ripieno è ricco e strepitoso e poi con ingredienti di ottima qualità come questi non possono che essere decisamente più buoni degli originali !!!!! Complimentissimi davvero e un super abbraccio

    RispondiElimina
  5. Bellissimi sia alla vista che sicuramente al gusto. approvo la lavorazione della nocciola e l'uso di prodotti di alta qualità.
    Complimenti per il tuo blog, ti seguirò attentamente.
    Ciao Marco

    RispondiElimina
  6. Perchè dici che non sono perfetti? a me sembrano bellissimi sei stata proprio brava,complimenti. scommetto che la signora Spagnoli avrebbe fatto altrettanto.un saluto

    RispondiElimina
  7. Wow che regalo superlativo bravissima,invidio tanto la tua amica che deve essere super contenta del dono un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Ah però Simo, così mi conquisti definitivamente!!! Sono davvero graziosi e golosi, ed io farei di tutto per poterne gustare uno!! Fantastici!!

    RispondiElimina
  9. Belli, anzi bellissimi! E che buoni!!!!!
    Un bacio a te :)

    RispondiElimina
  10. wow che meraviglia..dei Baci fatti in casa, regalo più dolce non si può!

    RispondiElimina
  11. Mi auguro che l'amica abbia apprezzato tutto questo gran bel lavoro, bravissima nemmeno paragonabili a quelli industriali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si l'ha apprezzato :-) li farei molto volentieri anche per te caro il mio Guntherino

      Elimina
  12. Eccomi in ritardo a coccolarmi con un tuo dolcetto delizioso, belli per gli occhi e delizia per il palato. Sicuramente tua amica ne è rimasta felicissima del tuo regalo, chi al suo posto non lo era.

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!