Insalata di verza alla piemontese

Noi della rubrica al Km 0 oggi prepariamo pietanze dedicate al comfort food e, per quanto possa sembrare strano ai più, non essendo un dolce o una calda zuppa, o golose polpettine... la mia insalata lo è, mi capiranno i miei conterranei piemontesi :-)
Intanto inizio col dire che questa insalata di verza va preparata qualche ora prima di servirla, contrariamente a quasi tutte le insalate che vanno condite e portate in tavola; continuo dicendo che apparentemente sembra semplice, non lo è, la bontà e riuscita del piatto sta nel scegliere adeguatamente le materie prime e nel bilanciare correttamente il condimento e la temperatura dello stesso, ad esempio la verza in assoluto migliore da mangiare cruda è quella raccolta dopo la prima gelata nei campi: sarà molto più buona e tenera, e dev'essere verza! Non cavolo cappuccio, non cavolo cinese, nessun altra qualità che non sia verza.
Va usato aglio italiano giustamente secco ma non vecchio e ottima acciuga sotto sale (in alternativa pasta d'acciughe ma che sia ligure o siciliana e che lo sia al 100%).
Ho scelto questa preparazione tradizionale dei nostri contadini e dei nostri nonni, per me un vero comfort food, perchè va detto che questo è ormai un contorno un po' in disuso, non so se le nuove leve lo conoscano, si tratta di un contorno molto povero o per via dell'aglio (che è OBBLIGATORIO, un po' come per la nostra bagna caöda o il cugino pesto genovese, è imprescindibile) ed è un peccato perchè è buonissimo! Io la preparo spesso quando questo ortaggio è in piena stagione, mi piace moltissimo e voglio che i miei figli sappiano da dove vengono, anche a tavola.


Cosa serve:

1 piccola e tenera verza (o se grande, togliere le prime foglie)
2-3 spicchi aglio
olio evo q.b. (circa una tazzina)
aceto di vino bianco o rosso (NO balsamico) q.b. (circa mezza tazzina)
2 acciughe sotto sale o pasta d'acciughe q.b.
poco sale se serve

Per prima cosa pulire le acciughe e l'aglio (se ha l'anima occorre eliminarla), mettere un piccolo padellino sul fuoco dolcissimo con olio abbastanza abbondante, ovvero... l'insalata non dovrà affogare ma bisogna calcolarne un quantitativo maggiore rispetto al condimento standard di un'insalata verde), aggiungere l'aglio e i filetti di acciuga sminuzzati, puliti e senza lische.
Fare andare pianissimo sul fuoco fin quando l'acciuga si sarà sciolta e l'olio avrà preso sapore dall'aglio (che non deve colorire), poi unire l'aceto (stesso discorso dell'olio, va usato davvero, non poche gocce), lasciare evaporare un minutino, spegnere e lasciare riposare.


Lavare ed asciugare le foglie della verza, su un tagliere, aiutandosi con un coltellino affilato, eliminare la costa interna (e buttarla), raggruppare dunque le foglie, arrotolarle, e tagliarle a julienne finemente. Riporre le striscioline di verza in una boule e versare sopra il condimento ancora ben caldo (non lo fosse, bisogna riscaldarlo un attimo), versarlo sopra, mescolare e coprire con pellicola.
Lasciare "macerare" un paio d'ore a temperatura ambiente.
Al momento di servire eliminare gli spicchi d'aglio e regolare il sale se occorre (di solito non serve, se avrete usato le acciughe, se avrete usato la pasta d'acciughe, potrebbe servire).
Buonissima, fidatevi!

Seguiteci anche sulla nostra pagina facebook cliccando QUI

Simona

  1. Sono assolutamente d'accordo con te, ahimè la tendenza è sempre quella di esaltare tutto ciò che è lontano da noi e così facendo ci si dimentica delle nostre tradizioni. Ottima quest'insalata...davvero ottima...amo mangiare la verza in insalata e proverò il tuo condimento!!!

    Un abbraccio grande Simo
    Moni

    RispondiElimina
  2. Mmmmmm sì sì, anche un'insalata può essere un comfort food, soprattutto questa, deliziosissima!

    RispondiElimina
  3. Cara Simona, che insalata ci fai vedere, lo sai che mi è venuta subito la fame!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Come hai ragione Simo sulle tradizioni. A volte mia cugina e io cerchiamo di addomesticare i suoi figli agli usi genovesi ma sono così difficili nei gusti che spesso gettiamo la spugna e ci prepariamo cose diverse dalle loro! La tua insalata con aglio e acciughe è proprio nelle mie corde. Bacione :)

    RispondiElimina
  5. Mia mamma prepara spesso un' insalata di verza cruda con aglio ma senza alici e mi piace moltissimo... La tua dev'esser ancor più ricca e gustosa con questi sapori in più. Che bello poter condividere e tramandare le ricette di una volta, quelle che sanno di buono, di casa, di storia.

    RispondiElimina
  6. Ottima insalatina di stagione, adoro la verza!!!!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!