Lettori fissi

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine
Powered by Calendar Labs

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Al Km 0! la pagina fb

Al Km 0! la pagina fb
La nostra rubrica di ricette del territorio. Clicca sull'immagine

Il Granaio! La pagina fb

Il Granaio! La pagina fb
La nostra rubrica di lievitati clicca sull'immagine

Condividi

Commenti Recenti

Post Casuali

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Privacy policy cookie GDPR 679/2016

Privacy policy cookie GDPR 679/2016
clicca sul barattolo

Welcome!

Welcome!
lunedì 14 gennaio 2019
Oggi una ricetta veramente elementare alla portata di tutti, soprattutto di chi è alle prime armi in cucina o magari di chi vuole gustare una cotoletta gustosa, classica e ha poco tempo per stare ai fornelli, ma soprattutto perchè piacerà tanto sia ai grandi che ai bambini :-)


Cosa serve a porzione:

1 fetta sottile di noce di vitellone o manzo (se non è al centro, calcolarne due e sovrapporle a sandwich)
1 fetta prosciutto cotto
Fontina d’Aosta q.b. tagliata sottile
Pangrattato q.b.
Sale q.b. (poco)
1 uovo (per alleggerire un po’ io ho usato solo l’albume sbattuto)
Olio evo q.b.
Una noce di burro
Salvia

La carne va tagliata a macchina, dev'essere sottile. 
Allargare la cotoletta, adagiare la fetta di prosciutto cotto e la fontina tagliata sottile, ripiegare a libro e chiudere aiutandosi con 3 stuzzicadenti.


Impanare la cotoletta passandola nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato, battere bene l’eccesso di pane senza fare troppa pressione per non rovinare la carne e fare rosolare pochi minuti per parte in olio evo, burro e salvia utilizzando una padella antiaderente. Salare da entrambe le parti. La noce di vitellone è morbidissima, va cotta molto poco, il tempo che la fontina si sciolga. Se si usa un altro taglio, meno pregiato e se il taglio è più spesso, andrà cotta più a lungo e i formaggio fuoriuscirà, bruciandosi e creando un pasticcio nel grasso della rosolatura e con l’impanatura, per cui lo sconsiglio.
Passare la cotoletta velocemente in due fogli di carta assorbente da cucina, tamponare e servirla subito caldissima.



11 commenti:

  1. Quanto mi piacciono, mi hai fatto venire una tale voglia che compro tutto l'occorrente per stasera. Buon lunedì Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ormai qui si va a vapore per la maggior parte delle preparazioni ma quando ci vuole una golosità.. ci vuole :-) un bacione cara Lisa e grazie!

      Elimina
  2. Cara Simona, non ricordo di avere mai assaggiato di queste cotolette, ma vedendo il bel colore credo che sia molto buona.
    Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente rimediare allora! Sono certa ti piacerà molto, un abbraccio

      Elimina
  3. Veramente ottima. Sai che a Trieste sull'altopiano un must di origine slovena minoranza ancora presente sull'altopiano ma lo fanno tutti i triestini si chiama la ..lubjanska...
    Due fette di carne oppure una specie di tasca riempita con formaggio e prosciutto e panata come la tua Di solito le fettive sono molto sottili ma grandi. Se vai a vedere per curiosità le immagini vedrai la somiglianza. Grazie della Valdostana e buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Non le conosco, grazie mille Edvige amo tantissimo imparare nozioni nuove, andrò a vedere sicuramente. Un abbraccio

      Elimina
  4. Buonissima e .... ricca di bei ricordi, come la faceva mia nonna mai nessuno!!!
    Baci e felice anno nuovo

    RispondiElimina
  5. quanto tempo che non le mangio, le faceva sempre mia nonna, erano troppo buone, quanto mi manca!!!Grazie per l'idea, ultimamente sono un po' a corto, le faro' prestissimo!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  6. O come mi piace...o come mi piace...o come mi piace :))
    Che fame che mi è venuta!

    RispondiElimina
  7. gustosissima,ogni tanto la faccio anche io e va a ruba !Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. un piatto semplice ma super goloso !!!!!!!!!!!!!!
    baci
    Alice

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio, semifreddi, gelati

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...