Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
mercoledì 25 ottobre 2017
Non sapevo come si chiamasse questo formato di pane (dato che non è piemontese, bensì siciliano/del sud) e mio cugino Davide mi ha detto "lunette" spero sia giusto, altrimenti vi do l'indirizzo andate a sculacciare lui :-)

Cosa serve:

160 g. lievito madre già rinfrescato
500 g. farina di semola rimacinata (io di Altamura)
330 g. acqua a t. ambiente
1 cucchiaino colmo di sale fino marino integrale
1 cucchiaino di malto d'orzo bio in polvere

Poi serve:
semi di sesamo bio q.b.

(orari indicativi: quelli che ho usato io)

Ore 10,00
Rinfrescare il lievito madre e prelevarne l'occorrente indicato nella ricetta, metterlo in una ciotolina, coprirlo con pellicola e tenerlo a temperatura ambiente,  l'altro metterlo in frigo per la successiva panificazione (in un barattolo a chiusura ermetica)


Ore 18,30
Mettere nella ciotola della planetaria la farina e l'acqua, dare qualche giro e lasciare riposare per 30 minuti coperto. Poi unire il lievito madre a pezzi ed il malto  iniziare ad amalgamare con il gancio velocità 1. (Se si fa a mano idem in una ciotola capiente usando, natualmente, le mani) aumentare un po’ la velocità ed unire il sale. Impastare una decina di minuti, fino a quando l'impasto risulta incordato e liscio.
Formare una palla e mettere a lievitare in una ciotola unta in luogo tiepido (forno spento con luce accesa o su un ripiano in cucina avvolgendo la ciotola con una copertina se è inverno) per 12-14 ore.


La mattina successiva:
Riprendere l’impasto, dare una serie di pieghe per dare forza alla lievitazione in cottura, passaggio già spiegato molte altre volte (vedere altre ricette nel ricettario)
Riprendere l'impasto e formare poi le pezzature, tagliare con una raschia/tarocco 4 pezzi. Conviene pesarli per ottenere una cottura uguale ed omogenea.



Formare quindi quattro cordoni, allineare una striscia di semi di sesamo e fare rotolare sopra il cordone d'impasto in modo che aderiscano, quindi arrotolare come se si stesse formando una girella, un capo del cordone in un senso e l'altro capo, nell'altro, formando quindi una ESSE. Fare così con tutte e quattro le pezzature.



Disporle poi, distanziate, sulla leccarda ricoperta da carta da forno e mettere a lievitare (coperte da un canovaccio pulito ed eventualmente da una copertina di pile) fino a quando siano lievitate. Per me tre ore


Preriscaldare il forno statico con un pentolino d'acqua sul fondo a 230° e, quando il forno è a temperatura, infornare e cuocere 10 minuti, poi togliere il pentolino d'acqua, e proseguire la cottura per altri 20 minuti, poi aprire il forno a fessura e lasciare ancora le lunette per 5 minuti.
Fare raffreddare il pane su una gratella.



22 commenti:

  1. Era questo il pane che sorvegliavi ieri? L'esito è notevole e seanche non si chiamassero lunette, sono pronta all'assaggio! bacioni a presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehe sto aspettando che qualche siciliano mi dica se è vero che si chiamano così :-) ma tanto spesso i nomi cambiano all'interno della stessa regione, da paese a paese quindi... massì mangiamo e chi se ne importa, smaaaack! P.s. Per l'assaggio quando vuoi!

      Elimina
  2. Buonissimo! Io le faccio a forma di Mafalda ed è il pane preferito di mia figlia. In pratica lo faccio almeno una volta a settimana. Ciao bella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io faccio le mafalde sono bellissime da vedere :-) bacioni

      Elimina
  3. Ti sono venuti benissimo, te ne ruberei una fettina. Pensa che ho preparato stamattina un panetto di pasta madre , quasi quasi lo uso così. Un abbraccio cara Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bello Lisa! non vedo l'ora di vedere i tuoi esperimenti che, sono certa, saranno meravigliosi :-)

      Elimina
  4. Che spettacolo queste pagnotte! Bravissima.

    RispondiElimina
  5. Lunette o no sono sicura che mi piacerebbero molto!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? In effetti chi se ne importa del nome 😅😁

      Elimina
  6. Cara Simona, pane o dolce pane! Quanto mi piaci! ti voglio, bene!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al pane non si resiste vero! Un abbraccione grande Tomaso

      Elimina
  7. Ma che bel pane paffuto ^_^ in effetti la scelta degli ingredienti mi ricorda tantissimo il pane del sud e credo anche di averne intravisto di simili in una panetteria a Sciacca :-) Bravissima Simo!

    RispondiElimina
  8. Io non so se si chiamano lunette, ma ti assicuro che se ne avessi uno davanti non si avanzerebbero neppure le briciole :)
    Bravissima.

    RispondiElimina
  9. Guardo e imparo non si sa mai che mi decida a fare del pane

    RispondiElimina
  10. MA che meraviglia di pane Simo!!!!
    Non ho idea di come si chiami, ma me lo gusterei volentieri fetta dopo fetta :P
    Meraviglioso davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie tesoro! Grazie anche per i commenti bellissimi che hai scritto per le precedenti ricette 😘

      Elimina
  11. Ho letto Lunette e di certo non potevo non commentare il post, poi ho visto i semi di sesamo e la forma carinissima di questo pane e come non poterti fare un applauso mega galattico! Adoro tutto ciò :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 🤣😂🙌 giusto. Devi farlo però ora

      Elimina
  12. Bellissimo il tuo pane e tanto buono fatto in casa !

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...