Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
domenica 23 marzo 2014
In Piemonte abbiamo una vasta cultura per la pasta fresca, tajarin, tagliatelle, pappardelle, maltagliati, lasagne ecc. e  soprattutto quella ripiena (anche se molti non lo sanno) abbiamo: i cappelletti, i plin, i ravioli e gli agnolotti di carne, di magro, alla piemontese, di riso e cavoli, di trota, di tuma, di borragine, ai funghi, con animelle, con fonduta, con le rigaglie e con molti altri ripieni e poi.... naturalmente gnocchi e poi... i raviolini langaroli, che sono piccolissimi e si servono in brodo. 

Chiamati così per via della provenienza, appunto, la Langa. 

Regione meravigliosa del Piemonte, vale davvero la pena di visitarla e di fermarsi in varie tappe per degustare i vini, i salumi e formaggi, i prodotti locali e i primi piatti!
Non c'è una sola versione dei langaroli, questo ripieno è di carne.

Per la pasta:

200 g. farina 00
2 uova
1 goccio di olio evo

Per il ripieno:

100 g. polpa di vitellone
100 g. polpa di maiale
50 g. pasta di salsiccia 
50 g. salame cotto
1 uovo
20 g. di grana padano grattugiato
sale q.b.
noce moscata q.b.

Poi serve:

1 carotina
1 cipollina bianca
1/2 costa di sedano bianco
sale e pepe q.b.
olio evo q.b.
burro una noce

Per il brodo di carne:

200 g. cappone (o in alternativa gallina)
300 g. biancostato di vitellone
300 g. scaramella di vitellone
300 g. di muscolo di vitellone
2 coste di sedano
2 carote
1 cipolla
1 foglia di alloro
una piccola presa di sale grosso

Poi serve:

farina di semola rimacinata q.b.

Per prima cosa preparare il brodo. Mettere tutti gli ingredienti (le verdure lavate e fate a grossi pezzi) in acqua fredda. Chiudere la pentola a pressione e far cuocere per un'ora e un quarto. In alternativa nella pentola normale due ore e mezza schiumando ogni tanto.




Intanto che il brodo cuoce, preparare il ripieno: in una casseruola far stufare la carota, sedano e cipolla tritati in una noce di burro e un filo d'olio.

Unire la carne (che non deve essere troppo magra), farla rosolare, salare e pepare, aggiungere un goccio d'acqua ogni tanto, se serve,  mettere il coperchio e portare a cottura. (circa un'oretta ma dipende da che taglio di carne si usa - chiedere al macellaio).

Quando la carne è quasi cotta, unire la polpa di salsiccia. Quando il tutto è cotto ed intiepidito,  mescolare al salame cotto fatto a pezzettini e passare il tutto nel tritacarne. Non va bene il robot da cucina col cutter, non va bene il passaverdura, ci vuole proprio il tritacarne, se non si possiede, chiedere al macellaio di fiducia di tritare la vostra carne cotta (che intanto avrete comprato da lui e quindi il piacere di solito lo si fa! :-)).

Mettere la farcia ottenuta in una ciotola, unire l'uovo, il grana grattugiato, la noce moscata. Regolare il sale. (assaggiare prima), coprire con pellicola alimentare e mettere a riposare alcune ore in frigo.

Preparare la pasta:

mettere su una spianatoia la farina a fontana con all'interno le uova ed il goccio di olio ed impastare, o mettere la farina e le uova e il goccio d'olio in una ciotola ed iniziare a mescolare con una forchetta, poi rovesciare il tutto sulla spianatoia e procedere impastando fino ad ottenere una consistenza elastica. Poi avvolgere la pasta in pellicola alimentare o un canovaccio da cucina o ancora sotto una ciotola rovesciata a campana sulla palla di pasta, e lasciare riposare almeno mezz'ora.

Con il mattarello o più semplicemente con la macchina tirapasta-sfogliatrice-nonna papera che dir si voglia, stendere, un po' per volta, la pasta (quella che non si stende, bisogna coprirla col canovaccio così non si secca) ricavando dei rettangoli abbastanza sottili di pasta.

Si può usare indifferentemente lo stampo o meno. Non è un passaggio difficile, per comodità e rapidità senz'altro lo stampo aiuta.
Prendere il ripieno, dare una mescolata, e formare dei mucchietti piccoli.
(le mie foto di questo passaggio sono buie perchè  li ho preparati la sera prima di consumarli)




Ricoprire con un'altra sfoglia, sigillare con le dita, bene tra un raviolino langarolo e l'altro, poi con la rotella dentellata, separare i langaroli, cospargerli di farina di semola rimacinata e tenerli da parte in un vassoio. Continuare fino ad esaurimento degli ingredienti.



Passare il brodo al setaccio fine per eliminare le impurità, portarlo a bollore, eventualmente regolare di sale e far cuocere pochi minuti i langaroli.
Servire con altro grana padano a parte (a piacere)







16 commenti:

  1. caspita io non li so fare, hai fatto uno spettacolo!!

    RispondiElimina
  2. Li adoro!! *_*
    Un bacione cara!

    RispondiElimina
  3. Che brava che sei stata, complòimenti davvero!!!!

    RispondiElimina
  4. Bravissima, che dici se invece di farli io, vengo da te a mangiarli? Sicuramente sei più brava e quindi più buoni, e poi che bei posti, ciao a presto.

    RispondiElimina
  5. ma quanto sei brava!! i tuoi ravioli sono perfetti e senz'altro strabuoni! Ok aspettami che arrivooooo!! :D

    RispondiElimina
  6. Mamma mia, senza parole per questa magnifica ricetta! E' perfetta per il mio contest! La tradizione qui la fa da padrone! Bella e interessante anche la parte introduttiva! Complimenti e in bocca al lupo!!!!

    RispondiElimina
  7. Uh, che buoni... quanto mi piacciono queste preparazioni...
    In bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  8. Dei raviolini perfetti! Io amo il Piemonte, ma non sono ancora riuscita a visitare la Langa, anche se mi piacerebbe molto!
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  9. grazie a tutte :-)
    @per Beatrice: oh sì guarda se riesci falla una gitarella,magari aspetta che sia primavera inoltrata e vedrai che ne sarà valsa la pena :-)

    RispondiElimina
  10. adoro fare la pasta fresca ripiena e questa, non la conoscevo, così golosa e profumata!!! bravissima!!!!

    RispondiElimina
  11. che brava che sei
    per la cultura certe cose bisogna spiegarle
    è una vita che non vedevo fare un brodo cosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se passi dalle mie parti sei il benvenuto, me lo dici il giorno prima e ti preparo un confortevole brodo come questo :-)

      Elimina
  12. fantastici, evviva il piemonte!!! Io sono piemontese, credo che non viviamo molto distante, pero' a questo contest gareggio per la puglia perche' mio marito e' pugliese. Se ti va, passa a farmi una visita. Nel frattempo mi aggiungo ai vostri lettori fissi. Ciao Sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie sabrina, vengo a trovarti molto volentieri :-) certo anche la cucina pugliese non scherza affatto a bontà!

      Elimina
  13. Da buona mezza piemontese non posso che applaudire con ola il tuo post bellissimo!!! grazie per aver ricordato quante cose buone si cucinano nella nostra terra meravigliosa!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a a trovarmi!
E grazie per i tuoi commenti che mi aiuteranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog, o profilo pubblico non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Visite

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Lettori fissi

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...