Gnocchetti di polenta gratinati al formaggio

Oggi noi della rubrica al Km 0  prepariamo un menù "a tutta polenta" ... quanto sono felice!  Amo la polenta, la farina di mais in piemonte, come in tutto il nord, è un alimento che ha sfamato tanti popoli e la fa da padrona ancora oggi: piatti salati e dolci (ma anche pane e grissini), sa di casa, di famiglia, di focolare è un comfort food per eccellenza. Io preparo il pranzo e ho deciso di cucinare gnocchetti quadrati fatti con polenta fioretto del mio territorio, arricchiti con gorgonzola dolce di Novara e stracchino (o crescenza che dir si voglia) sempre della mia regione.



Cosa serve per gli gnocchi di polenta:

1 litro e 3/4 d'acqua
una presa di sale grosso
500 g. farina gialla di mais fioretto
poco burro

Serve anche:

sugo di pomodoro q.b. (io ho preparato un sugo semplice con un soffritto di carota, sedano e cipolla e pelati)
150 g. stracchino/crescenza
100 g. gorgonzola dolce di Novara
grana padano grattugiato q.b.
burro a fiocchetti q.b.

Preparare la polenta:
Mettere l'acqua salata sul fuoco in una capiente pentola antiaderente e, quando inizia a bollire, aggiungere a pioggia la farina per la polenta (si può usare anche la bramata o altro tipo, ma per avere gnocchi vellutati consiglio la farina fioretto), mescolare molto bene e molto spesso per circa 40-45 minuti, fino a quando la polenta si stacca dalle pareti, poi unire una noce di burro, mescolare bene per farlo sciogliere e riversarla su un tagliere e farla raffreddare e solidificare.



(se si desidera fare gnocchetti dalla classica forma dello gnocco di patate, fare i salamotti e poi tagliarli quando la polenta inizia a solidificare ma è ancora calda, io ho voluto fare gnocchetti quadrati e ho aspettato fosse ben fredda per poterla tagliare nella forma che ho scelto). Si può anche preparare il giorno precedente, avendo cura sia che si faccia in anticipo o meno, di coprirla con un canovaccio da cucina pulito una volta intiepidita.

Preriscaldare il forno a 200° ventilato
Con un coltellino eliminare la pellicina secca formata sulla forma della polenta ormai fredda (operazione non indispensabile) e tagliare i cubetti di polenta. Imburrare una terrina che vada in forno, disporre a strati: metà gnocchetti di polenta già conditi col sugo di pomodoro, preparato precedentemente e metà del formaggio fatto a pezzetti, poi disporre l'altra metà degli gnocchetti di polenta e il resto della crescenza e gorgonzola, cospargere con pochi fiocchetti di burro e il grana, mettere a gratinare in forno per circa 15 minuti (si deve formare una crosticina). Servire subito.

                                               
Seguiteci anche sulla nostra pagina facebook cliccando QUI

Simona

  1. Cara Simona, ecco ciò che piace a me, cose semplici e genuine che fanno bene.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero certa che da buon alpino Veneto avresti apprezzato. Un abbraccio grande caro Tomaso

      Elimina
  2. E va beh ... prima dalla Carla, ora da te ... mi avete fatto aumentare la salivazione a mille!! Naturalmente anche a me piace tanto la farina di mais (ma già lo sai) fatta così è golosissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lo so. Modestamente 😁💖 bacioni Terry e grazie!

      Elimina
  3. Ci somigliamo ma ci distinguiamo, modestamente siamo uniche!!!! ciao amica mia, metti nella lista delle cose da provare che facciamo uno scambio, una volta che si fa la polenta ce la facciamo rendere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima!!! Mi piace molto questa massima e concordo 👏😘

      Elimina
  4. Ottima ricetta per chi ama la o polemta come me. Ciao Simona

    RispondiElimina
  5. Anche a me piace molto la polenta e questi gnocchetti vanno provati ^_^
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. bellissimo modo di presentare la polenta, così diventa molto glamour ! Un bacione

    RispondiElimina
  7. Per me di questi piatti ci vuole doppia porzioncina, troppo buoni !

    RispondiElimina
  8. Buono veramente. Buon weekend un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Ecco forse è l'unico modo in cui non ho ancora assaggiato la polenta e bisogna assolutamente rimediare . Complimenti Simo, ti confesso che non mi pare vero essere finalmente qui <3

    RispondiElimina
  10. premesso che amo la polenta, con un padre lombardo non potrebbe essere altrimenti, ma questo piatto è fantastico lo devo fare prestissimo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  11. Buoniii, e io non sono una grande amante della polenta!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!