Lettori fissi

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine
Powered by Calendar Labs

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Al Km 0! la pagina fb

Al Km 0! la pagina fb
La nostra rubrica di ricette del territorio. Clicca sull'immagine

Il Granaio! La pagina fb

Il Granaio! La pagina fb
La nostra rubrica di lievitati clicca sull'immagine

Condividi

Commenti Recenti

Post Casuali

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Privacy policy cookie GDPR 679/2016

Privacy policy cookie GDPR 679/2016
clicca sul barattolo

Welcome!

Welcome!
giovedì 8 marzo 2018

Oggi, 8 marzo Auguri a tutte le donne!!!


... ma siccome alla prossima uscita della rubrica 
Al Km0 S. Giuseppe sarà già passato, festeggiamo in questa giornata la festa del papà.
Io porto la colazione, cosa di meglio dunque per fare conoscere un biscotto tipico della nostra tradizione? Parlo del finocchino di Refrancore (un paesino in provincia di Asti), un biscotto leggerissimo in quanto manca totalmente il grasso, che sia burro oppure olio, un bis-cotto nel vero senso del termine poichè si cuoce due volte tostandolo nella seconda cottura. I finocchini si trovano in ogni panificio e pasticceria in Piemonte, si gustano a colazione e merenda pucciandoli nel latte o the; è consuetudine portarli in dono alle persone convalescenti in quanto leggerissimi e digeribili ma nutrienti, e si portano anche ai nonnini, ma anche ai bimbi, un po' per la stessa ragione e un po' perchè, pur trattandosi di biscotto secco, una volta inzuppato diventa morbidissimo come un pan di spagna, quindi adatto anche a chi ha la masticazione difficoltosa, quindi sono biscotti versatili e per tutta la famiglia. Insostituibili ed immancabili gli aromi di finocchio e un'idea di anice. 

Cosa serve:

260 g. uova intere (peso sgusciate) corrispondenti a 4 uova grandi.
260 g. farina 00 W170
220 g. zucchero semolato (la ricetta originale prevede stesso peso di uova e farina ma io dolcifico sempre di meno)
1 pizzico sale
1 cucchiaio scarso raso miele aromatico (arancio o millefiori)
1/2 bustina lievito per dolci
1 cucchiaio semi di finocchio (indispensabile)
1 cucchiaino semi di anice (indispensabile)
1 cucchiaio liquore di anice (o se non c'è a disposizione sostituirlo con vin santo o grappa dolce)

Per prima cosa occorre pesare gli ingredienti principali che sono uova, farina e zucchero. Originariamente la ricetta tipica vuole stesso peso. Io, come detto elencando gli ingredienti, lo diminuisco.
Usare uova a temperatura ambiente.


Preriscaldare il forno statico a 180°
Bagnare, strizzare ed asciugare un foglio di carta da forno e foderare una teglia da forno rettangolare di misura cm. 35x20, ritagliare bene negli angoli in modo che la carta sia aderente alla teglia e non si accartocci troppo.
Setacciare la farina con il lievito. In un tritatutto elettrico piccolo passare per qualche istante i semi di finocchio e quelli di anice (questo passaggio si può anche saltare volendo lasciare i semi interi) ed unirli alla farina + lievito.


Nella planetaria o in una ciotola mettere uova, pizzico di sale e zucchero. Montare a lungo con le fruste elettriche, fino a quando si ottiene un composto chiaro e spumoso. Unire il miele ed il liquore e continuare a montare qualche istante.
Spegnere le fruste elettriche. Unire alla uova montate la farina con gli aromi poco per volta, usando una spatola o un cucchiaio di legno, con un movimento dal basso verso l'alto per non smontare il composto.
Versarlo a nastro nella teglia rivestita da carta forno. Livellare con delicatezza ed infornare.
Cuocere per 25 minuti e togliere dal forno.


Quando il composto cotto è appena tiepido riaccendere il forno statico a 200°.
Rovesciare su un tagliere la teglia e togliere la carta da forno.
Tagliare fette spesse 2 cm. considerando la larghezza del dolce. Poi tagliare la fetta a metà.



Rivestire con altra carta da forno una leccarda ed adagiare i finocchini (occorreranno due infornate), passarli nel forno per farli tostare 8 minuti.


Fare raffreddare e gustare! Conservare i biscotti in una scatola di latta o sistemarli in un vassoio e avvolgerlo con un sacchetto di polipropilene che si usa per i panettoni-pandori-colomba... MAI nei sacchetti di nylon mi raccomando) 


Tanti cari auguri a tutti i papà!!!

Colazione Simona Finocchini di Refrancore

Seguiteci anche sulla nostra pagina facebook cliccando QUI

31 commenti:

  1. Ciao Simo, ero curiosissima di vedere la tua proposta...NOn conosco per niente questi biscotti, ed il nome mi incuriosiva molto infatti....e devo anche rimediare presto!! Sembrano così deliziosi!!
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabri, credimi, per chi non li conosce non riesce, secondo me, a farsi un'idea di quanto siano buoni, sembrano normali fette biscottate vero? e invece no. Considera che a me l'anice non piace (infatti io uso grappa morbida), ma i semi ci stanno da Dio! provare per credere :-)

      Elimina
  2. Ciao Simo, ma sai che questi finocchini mi ricordano i finocchini di Sarzana che ho pubblicato? Tanto per sottolineare che Liguria e Piemonte si danno la mano da sempre. Sì somiglio al mio papà, chi lo ha conosciuto e mi vede resta quasi "sconvolto" per quanto gli somiglio. E credo che anche caratterialmente ho preso molto da lui. Sono curiosa di vedere la tua foto, sono contenta che la mia ti sia piaciuta, è per amiche come te che l'ho pubblicata! TVB sempre, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non per niente siamo vicine di casa :-))) e non per niente amo la liguria! ma cavoli non li ho mai mangiati quelli di Sarzana, ecco un'altra ricetta da aggiungere alle altre.
      Anche io assomiglio molto al mio, dicono, è capitata anche a me una cosa del genere che mi ha commossa non poco...TVB tanto anche io

      Elimina
  3. vado matto per questi bis-cotti d'antan,tradizionali e italianissimi con i semini di anice e, a volte, il finocchio.
    Anche la mia nonna sarda ne faceva un tipo simile...regno di Piemonte e sardegna hahaha e detto da uno che gli hanno appioppato 'sto po' po' di nome! saluti golosi, il cat

    RispondiElimina
  4. Che buoni questi biscotti! Sanno di leggerezza e profumo di cose buone. Una colazione con i fiocchi. Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Buonissimi! E anche profumati con finocchio e anice :)
    Li trovo strepitosi.
    Un bacione

    RispondiElimina
  6. Buoniiiii mi piace tutto però dovrei farli solo per me e allora chiedo...me ne mandi un pochi via web?? scherzo magari alla maniera di Star Trek. Buona serata.

    RispondiElimina
  7. Io questi me li ricordo! Mi avevi mandato un'anticipazione x foto e adesso che ho la ricetta non mi resta che replicare :-) Grazie della ricetta Simo e felice serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio loro!!! 😅 sono certa ti piaceranno! Felice serata a te

      Elimina
  8. Ma dai, che buoni!! Non li conoscevo ma considerando gli ingredienti, sono certa mi piacerebbero. Grazie per avermi fatto scoprire questi biscotti, mi sa che li provo. Buona serata amica mia, un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vanno benissimo anche per Gabriele (visto che mangia tutto quell’angioletto magari apprezza anche finocchio e anice 😘) il liquore poi ometterlo ma tanto l’alcool evapora come ben sai. Bacioni grandi

      Elimina
  9. Li farò, promesso, appena torno dal mare. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. Mi sembra di averli provati e se sono quelli mi ricordo che erano buonissimi. Devo segnarmi la ricetta. Grazie per la condivisone.

    RispondiElimina
  11. Eccomi qua, dal FB, non ci sono riuscita, ma sono venuta a cercarli, l'aspetto è così invitante che vien voglia di sgranocchiare qualcuno. Un abbraccio e a presto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ancora per avermi detto che su fb avevo inserito male il link, sei un tesoro 😘

      Elimina
  12. Caspita che meraviglia questi biscotti! A colazione ma anche in qualsiasi ora della giornata potrei farne incetta ;) Auguri tutto l'anno a tutte noi donne!!!

    RispondiElimina
  13. Mmmm, sembra delizioso!! Da provare :)

    RispondiElimina
  14. Non conoscevo questa ricetta Simona, veramente interessante! Chissà che profumo.. :)

    RispondiElimina
  15. Ho mamma che è del basso piemonte (Ovada) e questi finocchini mi ricordano tanto i biscotti al lagaccio che mangiavo da piccina da nonna e mi piacevano da morire. Mi segno la ricetta, la farò prestissimo! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, in realtà no, sono diversi proprio come consistenza. Nel legaccio poi c’è il burro e lievito madre o di birra. Bacioni

      Elimina
    2. ma te non sai quanti ricordi mi ha tirato fuori mamma quando le ho parlato di questi tuoi biscotti! Grazie! :*

      Elimina
    3. Complimenti per averli replicati in modo perfetto e grazie a te per la fiducia 😘 (felice di aver rievocato bei ricordi 🤗)

      Elimina
  16. Che perla di ricetta, confesso la mia ignoranza non li avevo mai nemmeno sentiti parlare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi? Altri motivo per venire in gita qui 😁😉

      Elimina
  17. Non conoscevo questo delcetto, ma deve essere moooolto buono!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mila, in realtà è un biscotto povero della tradizione 😉

      Elimina
  18. Davvero interessante :) Grazie

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio, semifreddi, gelati

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...