Grissini di mais

Da noi, in Piemonte, i grissini sono una cosa seria :-) usare pasta da pane pronta o, peggio, della pizza già stesa o pasta sfoglia  e compagnia bella, ci fa venire i capelli dritti, come si suol dire. Questi sono grissini stirati a mano con una percentuale di farina di mais per polenta che dona un fantastico crunch e un sapore delizioso, oltre che un bel colore. Per i grissini non occorre usare una farina di forza, anzi... è un errore grossolano perchè il risultato voluto è quello di un prodotto friabile e non elastico, per cui occorre impastare con una percentuale di farina debole.

Io preferisco sempre usare pochissimo lievito, fare maturare l'impasto a temperatura controllata (frigo) e lasciare lievitare a lungo per ottenere un prodotto digeribilissimo, ma se non si ha tempo si può ragionevolmente aumentare la quantità di lievito (fino a 5 g.) mettere la lievitare in luogo tiepido e, nel giro di  poche ore, infornare.


Cosa serve:
200 g. farina tipo 1
50 g. farina di mais fioretto
1 g. lievito di birra fresco
170 g. acqua leggermente tiepida
6 g. sale fino marino integrale
1/2 cucchiaino di malto d'orzo bio in polvere
15 g. olio evo + q.b. per spennellare
farina di mais fioretto q.b. per spolverizzare i grissini

Mettere nella ciotola della planetaria le farine precedentemente mescolate con il lievito di birra sbriciolato e il malto, iniziare ad impastare con il gancio velocità 1 se si fa a mano usare una ciotola capiente mescolando dapprima una forchetta, poi ribaltare sul piano da lavoro e continuare impastando con le mani, unire metà dell'acqua e l'olio, quando l'impasto risulta incordato aggiungere la restante acqua poca alla volta (aumentando un po’ la velocità) e in ultimo unire il sale.
Formare una palla e mettere a lievitare in una ciotola unta, coprire con pellicola e canovaccio tenuto fermo da un elastico, a temperatura ambiente per 1 ora, poi trasferire la ciotola in frigorifero fino alla mattina successiva o comunque per 16-18 ore.


Il giorno dopo: 
Tirare fuori la ciotola dal frigorifero e farla acclimatare per 30 minuti. Ribaltare l'impasto sul piano da lavoro col mattarello formare poi un rettangolo spesso circa 1 cm. e mezzo, coprire con un canovaccio e lasciare riposare 15/20 minuti poi, con l'aiuto di una rotella tagliapizza, tagliare tante strisce, afferrare le estremità e allungare tirandole verso l'esterno in modo delicato per formare il grissino stirato a mano, adagiarli sulla leccarda rivestita con un foglio di carta da forno, coprire con pellicola e canovaccio far lievitare un'ora se la temperatura ambiente è fresca o 30 minuti se calda.


Preriscaldare il forno statico a 190°
Spennellare i grissini con olio evo e spolverizzarli in modo leggero con farina di mais fioretto, infornare e cuocere 12-15 minuti, poi aprire il forno a fessura e lasciare cuocere ancora 4-5 minuti, infine togliere dal forno e fare raffreddare.
Ottimi da sgranocchiare soli soletti ma anche con formaggi, salumi, intingoli vari, pinzimonio di verdure.

                       

Il nostro paniere completo ha sfornato:


                                       Seguiteci anche su facebook @ilgranaiofoodblogger


Simona

  1. Penso anch'io che la tradizione dei grissini vada rispettata e tu lo hai fatto egregiamente, amo anch'io la farina tipo 1 e la fioretto la uso spessissimo 😍👏🏻 da provare assolutamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La farina di mais o si ama o si odia, ma forse tante persone non sanno gestirla. Come può non piacere? ☺️😉. Grazie mille Fede

      Elimina
  2. E' un piacere passare a trovarti per le uscite del granaio! Adoro i grissini, grazie per questa ricetta. Magari provo a replicare, bacioni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A tal proposito Mi manchi 😔
      Lo sai che sei sempre la benvenuta 😘

      Elimina
  3. Che buoni e che belli i tuoi grissini, Simona. L'idea della farina di mais che "scrucca" mi fa venire l'acquolina. Devo dire che a me difficilmente riescono bene i grissini, due volte su tre mi vengono che spaccano i denti, boh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può capitare, dipende tanto dalla forza della farina (dev’essere mediamente debole x i grissini), non bisogna impastare troppo a lungo e impasto non troppo idratato, per ultimo dipende dalla cottura che è delicata, si bruciano facilmente.

      Elimina
  4. Sono spettacolari Simo!
    La tradizione è una cosa seria, e da te la trovi sempre, rispettata con amore, senza scorciatoie.

    RispondiElimina
  5. Grissini hai ragione bisogna essere seri per farli e qui a Trieste è difficile trovare di veramente buoni. Sono molli o sono bruciati o duri che ti rompi i denti....lascio perdere non li acquisto e farli sola sai io non so panificare e a casa pane pochissimo. Prendi i tuoi ed immagino la croccantezza e sapore. Buona giornata un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Simona, che mani fatate hai! tutto quello che crei è spettacolare, bellezza e gusto in ogni ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Annalisa m’imbarazzi …
      Grazie di cuore ❤️

      Elimina
  7. Che sfiziosi, li voglio provare!
    baci
    Alice

    RispondiElimina

La moderazione è attiva. Commenti anonimi e privi d'identità, con pubblicità e link commerciali non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!