Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
venerdì 7 luglio 2017
Pane di Hokkaido o anche conosciuto come pane dolce asiatico, è un metodo di panificazione giapponese (di cui non mi dilungo perchè piuttosto famoso per cui in rete si trovano tutte le info molto facilmente), particolare e di facile esecuzione che renderà questo lievitato soffice come una nuvola. Io ho usato solo lievito madre, se si adopera lievito di birra fresco, consiglio di adoperarne una briciola (3 g.) nei libri che ho consultato si sono adoperati o lievito di birra (ma una quantità troppo elevata per i miei gusti) o lievito madre con l'aggiunta di una piccola quantità di l.d.b. appunto. Io ho fatto di testa mia, in tal senso, e non me ne sono pentita affatto :-) 

Cosa serve:

235 g. farina tipo 0 biologica 230- 260W
85 g. latte
40 g. uova (romperne una, sbattere con una forchettina e pesare la giusta grammatura)
85 g. lievito madre già rinfrescato e al raddoppio
40 g. zucchero semolato
4 g. sale fino marino integrale
20 g. burro morbido a t.a.

Per il tang zhong (water roux) serve:

15 g. farina tipo 0 biologica 230- 260W
65 g. acqua

Rinfrescare il lievito madre il giorno precedente e poi la mattina tirarlo fuori dal frigo e rinfrescarlo nuovamente, tenerne da parte 85 g. in una ciotola, coprirlo con pellicola e mantenerlo a temperatura ambiente (il resto metterlo il frigo per le future panificazioni).
Ore 17
tirare fuori dal frigo il burro e l'uovo. (quest'ultimo sgusciarlo, sbatterlo, pesarlo: quel che avanza conservarlo in frigo in una tazzina, coperto da pellicola, si userà a pane lievitato per lucidarlo)

Ore 18
Preparare il roux mettendo a scaldare l'acqua e portarla a 60-65° (se non si dispone di termometro, fino a quando l'acqua inizia a fare le bollicine - a fremere), poi allontanare il pentolino dal fuoco ed aggiungere, tutta in una volta, la farina, mescolare velocemente con una frusta, riportare sul fuoco e, sempre mescolando, fare cuocere per 2-3 minuti. Poi spegnere e fare raffreddare.

Nella ciotola della planetaria (o in una ciotola normale capiente se si impasta a mano) mettere tutti gli ingredienti tranne il sale ed il burro. Iniziare ad impastare e fare incordare a velocità minima. Quando l'impasto è omogeneo, unire il sale ed il burro morbido un pezzettino per volta.
Mettere l'impasto in una ciotola, coprirla con pellicola alimentare, poi con un canovaccio e mettere a lievitare (se non fa caldo, coprire anche con una copertina di pile) fino al mattino seguente. (io non ho usato in aggiunta lievito compresso, o solamente lievito compresso, ma unicamente lievito madre, per cui i tempi di lievitazione sono naturali e lunghi)

Ore 9
Riprendere l'impasto, versarlo dolcemente su un piano da lavoro e sgonfiarlo con delicatezza. Pesarlo e porzionare in 6 pezzature dello stesso peso.



Prendere una teglia ed imburrarla oppure, come ho fatto io, usare una teglietta usa e getta in carta da forno, molto comoda, non occorre ungerla.
Stendere ogni pezzatura con il mattarello ed ottenere così un rettangolo, arrotolare su se stessa la pasta e dare una forma arrotondata, posizionare poi i sei paninetti in modo omogeneo e distanziato nella teglia.



Coprire con pellicola alimentare, poi con un canovaccio e mettere a lievitare fino al raddoppio (il libro che ho consultato dice 30 minuti a 26°-27° gradi.. ma io non li ho in casa - chi li ha?-  e non ho cella di lievitazione, quindi l'ho messo nel forno spento con la lucina accesa per 2 ore. Come faccio sempre insomma.
Togliere poi la teglia dal forno, accenderlo a 170° statico e portarlo a temperatura.
Intanto tirare fuori l'uovo avanzato il giorno precedente, mescolarlo con un goccino di latte e spennellare la superficie del pane.
Infornarlo e cuocere per circa 30 minuti.



Lasciare raffreddare e degustare. Sofficissimo! Ottimo sia per le colazioni che le merende, sia col dolce che con il salato, ma anche da servire a tavola per il pranzo e la cena. Versatilissimo e rimane soffice a lungo!




27 commenti:

  1. Cara Simona, ecco un tipo di pane che non ho mai provato, sicuro buono.
    Ciao e buona giornata, è tornato il caldo! un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh lì in Svizzera ci sono sono straordinari secondo me! Più buoni ancora che in Italia. Certo questo è di origine giapponese .. oh che confusione 😂

      Elimina
  2. Ti è venuto proprio bene e non stento a credere che il sapore sia divino!
    Buon we Simo <3

    RispondiElimina
  3. Ciao carissima e' stupendissimissimoo..hai fatto un bel pane che non conosciamo 😊 mille grazie 😘 buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto contenta ti piaccia 😃💪😘

      Elimina
  4. Che meraviglia, Simona, è proprio bello da vedere esteticamente e si vede che è soffice. Devo decidermi a sperimentarla questa tecnica, di cui ho letto commenti favorevoli ovunque

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma infatti! Io a furia di vedremo negli anni ho deciso di farlo. Ora proverò altre varianti perché è proprio una nuvola, fidati

      Elimina
  5. (Vederlo)... scusa la tastiera del cellulare ...

    RispondiElimina
  6. Sei bravissima con i lievitati e questo pane è veramente bello. Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu sei troppo carina che mi fai sempre i complimenti sui miei pani. Comunque la ricetta l ho copiata (ovviamente! Essendo giapponese 😁) per cui non so quanto merito io abbia

      Elimina
  7. Meraviglioso!!! Una nuvola e posso solo immaginare la bontà :)
    Complimenti.

    RispondiElimina
  8. e uhmmm... non voglio vedere bilance in questi giorni!!! ...ma mi rubo i tuou deliziosissimi panini!!! :))
    Buon fine settimana cara :))
    That's Amore Blog 🌸🌸🌸

    RispondiElimina
  9. Meraviglioso il tuo pane Simona, in effetti il metodo water roux è eccezionale l'ho usato diverse volte con ottimi successi. proverò anche il tuo pane appena fa un pò meno caldo... potrei provare a cuocerlo sul davanzale della finestra tu che dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti voglio provarlo per altri esperimenti cara Dani (psssss ho un amico col forno sotto una Pergola .... mettiti in coda 😬)

      Elimina
  10. Lo avevo visto subito da cellulare ma sono tornata a commentare da pc, bellissimo. E' una vita che non lo faccio, mi hai fatto tornare voglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Appena fatto (e mangiato) avrei bissato Cara Terry!

      Elimina
  11. Molto interessante questo pane e bravissima. Buona fine settimana.😚

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona settimana a te Edvige! (Stai meglio?)

      Elimina
  12. Mi ispira un sacco..brava te che l'hai fatto così bello!!piacere di conoscerti

    RispondiElimina
  13. non ho mai assaggiato questo pane, tu riesci con maestria a creare piccoli capolavori irresistibili !Buona settimana, un abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara! Mi dici sempre cose carinissime 😘

      Elimina
  14. Bravissima Simo, hai preparato un pane spettacolare, ne prenderei un pezzettino molto volentieri !

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...