Partecipate al nostro contest!

Partecipate al nostro contest!
Scade il 28-01-2018

Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
lunedì 8 agosto 2016


Cosa serve: (naturalmente le dosi sono facoltative, la cosa importante è mantenere la proporzione 1:1)

60 g. lievito madre maturo e attivo rinfrescato la sera precedente (e poi mantenuto in frigo)
60 g. farina tipo 0 W 200-280
1 barattolino piccolo in vetro
1 sacchetto per congelare alimenti piccolo
2 etichette

Mettere nel robot da cucina, usando un cutter, il lievito madre (tirato fuori dal frigo 30-40 minuti prima) e la farina. Usando il tasto ad impulsi (per non fare surriscaldare il composto) tritare per ottenere uno sfarinato piuttosto fine ma NON in polvere, NON esagerare.




Mettere lo sfarinato ottenuto su un vassoio rivestito da carta da forno. Scuotere spesso il lievito madre secco e lasciarlo asciugare per una mezza giornata scarsa in luogo ben arieggiato.



Trasferire il lievito madre secco in una ciotola, impacchettare la ciotola con carta da forno (o carta del pane) in modo che non prenda umidità ma in modo che "respiri" ecco perchè non va usata la pellicola o nylon vari.. e riporre in frigo per una notte.


La mattina successiva dividere il levito madre secco e confezionare:


  1. un vasetto
  2. un sacchetto per congelare alimenti

Naturalmente io non mi sono fatta mancare niente e ho adottato entrambi i sistemi, va da sè che ognuno poi possa decidere per l'uno o l'altro in base alle proprie esigenze.

Etichettare entrambi scrivendo il contenuto e la data di confezionamento, poi conservare il barattolino in frigorifero e il sacchetto nel freezer.

In questo modo si potrà andare tranquillamente in vacanza e/o si potrà non panificare prendendosi una pausa dall'impastare ed infornare ed anche dall'obbligo di dover rinfrescare il nostro lievito madre.

Si conserverà molto bene per lunghi periodi in frigorifero (1-2 mesi) e in freezer (4-5 mesi).

Per riattivare il nostro lievito madre sarà sufficiente aggiungere acqua in quantità adeguata per ottenere il  consueto composto, dopo 3-4 rinfreschi tornerà pimpante.


N.B. Anche se alcuni conosciutissimi blogger dicono che non si fa, che non va bene... io mi fido di più dell'esperienza di un panettiere che fa questo mestiere da 40 anni. Che conosceva bene mio marito ed era stato gentilissimo da spiegarmi alcuni meccanismi in panificazione (poi si impara strada facendo..come in tutte le cose, io non peso più il lievito madre e farina e acqua quando rinfresco, faccio ad occhio e va benissimo! non stiamo li a diventare matti mica è alta pasticceria! Voi direte: "ma se nel post c'è la foto con la bilancia" rispondo: "Si, proprio perchè ho deciso di scrivere un post dedicato e, chi mi conosce, sa che io metto sempre le foto coi passaggi, ad esclusione di quando cucino a casa di altri o sono di corsa) Sicuramente questo fornaio non sa nemmeno come funziona internet, ogni tanto sbaglia i congiuntivi, non sa indicarti le dosi esatte perchè fa anche un po'  di casino con i grammi e gli etti e via dicendo e perchè lui ormai non va solo ad occhio.. ma va ad occhi chiusi.. eppure fa un pane che è una meraviglia senza essere un purista e senza avere la puzza sotto il naso di credersi chissà chi.. anzi. 

Ebbene lui panifica col lievito madre solo una volta solo la settimana perchè i suoi clienti a Torino, così richiedono. Dunque lui il lievito madre lo congela! quando rinfresca per panificare, ne toglie un pezzo e lo congela avvolto da carta da forno! Poi toglie il lievito dal congelatore il martedì, lo lascia a temperatura ambiente, quando scongelato lo rinfresca due volte e il giovedì mattina trovi caldo, profumatissimo e fragrante il suo pane sia bianco che di semola in grandisssssime pezzature (2-4 kg.) nel suo forno.

Dunque la domanda nasce spontanea.. io ho già provato a congelare il mio lievito madre? Si. Posso dire la mia esperienza? No. Si è scassato il congelatore lo scorso anno. Ora l'ho ricongelato. Sia nudo e crudo in forma solida, che secco, in polvere come sopra. Poi vi dirò.. se non sarò sommersa dal lievito madre che si sarà impossessato della mia casa e di me (o se non si scassa di nuovo il frigo..) testerò e aggiornerò il post.

22 commenti:

  1. Grazie mille...per me il lievito madre è uno sconosciuto......ora non ho più scuse, con la tua perfetta spiegazione non ho più scuse....baci Simo...vieni????Ti ho versato il nocino!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miiiii (tipica espressione sabauda...) Cri.. non mi stuzzicare che guarda che monto in macchina eh? :-))

      Elimina
  2. Sento parlare tanto di questo lievito madre per fare il pane, ma a me sembra molto difficile realizzarlo. Ora con la tua ricetta spiegato in modo perfetto come si fa, chissà che prima o poi mi decida a provare senza paura. Grazie della condivisione e bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh.. ma tesoro. devi avere un lievito madre già ben maturo e un po' "anzianotto" per ridurlo in forma secca e farlo rinvenire poi.. ma non c'è niente di difficile per farlo da zero, guarda a lato sx del mio blog c'è una sezione dedicata :-) se poi te lo vuoi fare regalare parti già in 4° ma la soddisfazione è minore secondo me, agli inizi è normale sbagliare e perdere la pazienza e avere la voglia di alzare bandiera bianca ma se si tiene duro... :-)

      Elimina
  3. Cara Simona, non sapevo che in questo sistema si possa conservare più ha lungo, il lievito madre, molto interessante, saperlo.
    Ciao e buona settimana cara amica, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso hai visto? a volte le cose più semplici sono quelle che funzionano meglio (anzi di solito è proprio così) bacioni :-)

      Elimina
  4. ho provato qualche volta a fare il lievito madre, ma tutte le volte non l'ho curato adeguatamente e è morto!!!! ora ho deposto le armi ma ammiro sempre chi ci riesce!
    bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara credimi.. è solo testardaggine.. poi quando è bello vivo e vispo è più facile tenerlo in vita. è una barba a volte, un lavoro non lo nego.. ma 5 - minuti - 5 ogni 5-7 giorni si può fare :-)

      Elimina
    2. cara credimi.. è solo testardaggine.. poi quando è bello vivo e vispo è più facile tenerlo in vita. è una barba a volte, un lavoro non lo nego.. ma 5 - minuti - 5 ogni 5-7 giorni si può fare :-)

      Elimina
  5. Quello che avevo è passato a miglior vita, ma prendo nota se mi rilanciassi in quella bellissima avventura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mila leggi sotto.. l'invito è esteso anche a te cara :-)))

      Elimina
  6. Carissima, ho letto con interesse tutte le tue esaurienti e complete indicazioni riguardo la conservazione del lievito madre. E'da tanto che ci penso al lievito madre.....ma non mi decido mai, la mancanza di tempo è il blocco più forte, non vorrei mai far morire la "creatura" ancora in fasce.....Intanto mi documento e quindi terrò conto del tuo post e chissà che con l'autunno il "mi piacerebbe" diventi realtà!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannaggia la pupazza.. fossimo più vicine te ne darei volentieri un po 'del mio Laura.. vieni a trovarmi :-)

      Elimina
  7. Ciao Simona prima o poi mi devo cimentare nella realizzazione del lievito madre ma rimando sempre...devo rimediare al più presto seguendo la tua ottima ricetta base e quindi questa,come sempre estremamente dettagliata e utilissima:)).Grazie mille per la condivisione:)).
    Un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro come stai? bentornata! felice di sentirti un bacione super a te :-)

      Elimina
  8. Sono tutti ottimi consigli e opzioni che non conoscevo per nulla, mi sono fatto una vera e propria cultura, un fenomeno molto interessante quello della panificazioni in casa e dell'utilizzo del lievito madre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Carmine, sono felice che tu lo ritenga utile, è proprio questo il mio intento :-)

      Elimina
  9. Prima o poi.riuscirò a dar vita al lm?
    Chissà!intanto tengo da parte questo tuo post!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo Enzina, tu sei brava a fare tutto! smack

      Elimina
  10. Ciao Simo, io ho provato qualche anno fa a preparare il lievito madre ma ha fatto una brutta fine perché non sono riuscita a gestirlo, mi piacerebbe riprovare ma sono un po' frenata dalla mia precedente esperienza e dal timore di non riuscire a panificare costantemente, quella che proponi tu però mi sembra una buona soluzione anche per chi come me vorrebbe usarlo saltuariamente, magari ci faccio un pensierino!
    Baci e buona serata.

    RispondiElimina
  11. Bella idea x conservare il lievito.
    Ti confesso che io da tempo volevo cimentarmi con il lievito madre, ma ancora non mi sono decisa.
    Che pigra che sono!
    Grazie del consiglio.
    Passa a farmi un saluto, il mio ultimo post, potrà piacerti

    RispondiElimina
  12. Mai dire mai, non si può dire, ma ancora non mi cimento nella lievitazione al massimo pane e pizza, comunque me lo conservo perchè potrebbe tornare sempre utile, e brava la nostra Simona

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...