Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

Calendario

Powered by Calendar Labs

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
giovedì 7 luglio 2016
Cosa serve:

350 g. farina manitoba
8 g. lievito di birra fresco
1 cucchiaio di germe di grano bio
1 cucchiaino di malto d'orzo in polvere
2 cucchiai di limoncello
1 cucchiaio di miele d'arancio
30 g. di burro morbido
1 pizzico di sale
1 uovo medio intero
2 cucchiai di zucchero semolato
7-8 gocce di essenza di vaniglia (o la polpa di mezza bacca)
la scorza di 1 arancia a foglia naturale
140 g. di latte

Poi serve:

1 uovo intero + un goccio di latte per spennellare


Nella ciotola della planetaria usando l'accessorio a gancio (oppure in una ciotola capiente se se impasta a mano) mettere la farina, il lievito sbriciolato, il germe di grano, il malto, il miele, il burro a pezzettini, la vaniglia e la scorza dell'arancia.

Iniziare ad amalgamare.

Aggiungere tutti gli altri ingredienti tranne il latte ed il pizzico di sale.

Continuare ad amalgamare (se si fa a mano, mescolare con una forchetta)


Unire il pizzico di sale e, poco alla volta, il latte. Se si impasta con la planetaria continuare fino a quando si vedrà il composto ben incordato. E' possibile occorra un pochino di latte in più, dipende dalla farina usata, anche se si usa la manitoba, una marca è diversa dall'altra.
Se si impasta a mano, quando l'impasto è amalgamato ma impossibile da continuare a mescolare con la forchetta, trasferirlo su un piano di lavoro ed impastare fino a quando si ottiene un composto omogeneo.

Formare una palla e metterla in una capiente ciotola ben unta (poco ma dappertutto) e fare roteare la palla di pasta per ungerla (in questo modo non si screpolerà) poi coprire la ciotola con pellicola alimentare e mettere l'impasto a maturare in frigorifero per circa 6/7 ore.



Orario indicativo: mettere in frigo ore 15 - 15,30

Prima di andare a dormire, tirare fuori la ciotola dal frigorifero e lasciarla a temperatura ambiente tutta la notte o comunque per circa 12 ore.

Orario indicativo: tirare fuori dal frigo ore 21,30 e lasciare a lievitare a temperatura ambiente fino alle ore 9,30 della mattina successiva.

Riprendere l'impasto, versarlo delicatamente su un piano da lavoro (legno o foglio di silicone) e lavorare appena-appena l'impasto. Pesarlo: sarà 660 g. circa

Dividerlo in tre parti, dovrebbero pesare circa 220 g. cadauna. (cercare di essere precisi nel formare i tre pezzi, se si ha tagliato di più o di meno, non è un problema, si aggiunge o si toglie e si impasta brevemente il pezzo per uniformarlo)


Ricavare tre salsicciotti ed intrecciarli secondo il proprio gusto e fantasia. Riporre la treccia in uno stampo da plum-cake (il mio di dimensioni cm. 27x10) imburrato ed infarinato leggermente. Coprire con un canovaccio da cucina pulito ed asciutto e mettere a lievitare in luogo tiepido (d'estate non c'è problema ma d'inverno va bene il forno spento con la luce accesa ad esempio, oppure vicino ad un termosifone) per circa 1 ora e mezza o comunque fino a quando sarà raddoppiato di volume.



Preriscaldare il forno ventilato a 190° (io ho la funzione cottura pane che è un ventilato più potente nella parte inferiore, vedete voi conoscendo il vostro forno se utilizzare la funzione ventilato o statico, in questo caso aumentare di 10° la temperatura del forno) se non l'avete consiglio di posizionare la griglia del forno non in centro ma il piano appena sottostante.

Riprendere la treccia. Sbattere un uovo intero con un goccio di latte e spennellare con molta delicatezza, senza premere, in modo uniforme e senza creare colature, la superficie della treccia.

Infornare quando il forno è a temperatura per 15 minuti, poi abbassare il forno a 170°, coprire la superficie del panbrioche con carta di alluminio (fare questa operazione più rapidamente possibile facendo attenzione a non scottarsi) e lasciare cuocere ancora altri 20 minuti circa. Controllare infilzando uno stuzzicanti esattamente come si fa per le torte.

A cottura avvenuta, spegnere ed aprire il forno, eliminare la carta di alluminio ma lasciare ancora all'interno la treccia di panbrioche per cinque minuti, in modo che inizi ad evaporare l'umidità all'interno del dolce.

Poi toglierla dal forno. Quando lo stampo è tiepido da poterlo tenere in mano senza problemi, sformare la treccia semplicemente capovolgendola sul palmo della mano, metterla su una gratella a raffreddare.

Ottima così al naturale o con confettura, nei giorni successivi decisamente buonissima facendo tostare leggermente le fette nel tostapane.


Io l'ho servita per colazione con la mia confettura di pere, vaniglia e cannella, la ricetta la trovi cliccando qui 




N.b. non ho copiato questa ricetta da nessuna parte, ma è frutto della mia fantasia, quindi replicala pure, anzi mi fa molto piacere e se è stata gradita aspetto commenti, critiche e consigli, ma per piacere inserisci il link di attribuzione e provenienza al mio blog. 
Grazie! :-)




39 commenti:

  1. qUESTO PANBRIOCHE è una vera favola..sei bravissima a preparare tutto questo per la tua famiglia ..un abbraccio

    RispondiElimina
  2. E NO, NON CI STO, LA PROSSIMA VOLTA DIMMELO PERO', CHE PRENDO LA MACCHINA E ARRIVO IN UN BATTIBALENO, ORA COME FACCIO A RESISTERE???BACI SABRY

    RispondiElimina
  3. Senz'altro buono ma non è nelle mie corde e nemmeno nelle mie possibilità di gustare purtroppo i dolci NO già in estate qualche gelato di troppo ma non rinuncio... :D
    Bacione e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece per me (a parte il cibo per canarini e roba strana). è tutto nelle mie corde se cucinato bene ma purtroppo spesso, quasi sempre io assaggio appena, gli altri mangiano cara Edvige..

      Elimina
  4. Veramente molto bello questo panbrioche. Poi abbinato alla tua confettura di pere sta d'incanto. Una colazione sana e nutriente. Un bacione e buona serata Fabiola

    RispondiElimina
  5. Sono incantata dalla bellezza di questo panbrioche, sarebbe un sogno trovarlo a colazione, se vuoi puoi partecipare al nostro contest con una seconda ricetta e questa mi sembra proprio perfetta. Baci e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima.. generalmente anche se previsto dal regolamento evito di partecipare a più contest.. non so mi sembra più carino indirizzarlo ad uno soltanto ma siccome, non voglio peccare di presunzione, ma era davvero soffice e buone e siccome me lo chiedi e Kiara da regolamento (sono andata a rileggere= lo concede e anche per voi va bene allora... arrivoooo :-)))

      Elimina
    2. Grazie Simona per aver regalato anche al nostro contest questa bellissima ricetta, baci!

      Elimina
    3. Grazie a te veramente.. :-) baci!

      Elimina
  6. carissimaaaaaaaaa mi piace troppo l'idea dell'intreccio!! credo che settimana prossima provero' questa meraviglia, grazie per aver condiviso... buona serata con il mio abbraccio stretto stretto!!! :))

    RispondiElimina
  7. Wow! Che dire? Una colazione da sogno .. in tutti i sensi per me.
    Buona serata.
    Marina

    RispondiElimina
  8. Un panbrioche da manuale...sei bravissima con i lievitati (come anche con tutto il resto) Bravissima!

    RispondiElimina
  9. una paio di fette le rubo per la colazione di domattina !

    RispondiElimina
  10. Simona, grazie per aver commentato il mio post sulle coste, e scusa per la malinconia che ti ho creato!
    Buono il tuo pan brioche.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma tesoro..tu no c'entri.. che tenera sei! smack!

      Elimina
  11. Ma è meraviglioso!!!!! t'è venuto perfetto.. Chissà che buono e sofficioso che è.. :-D baci e buon w.e.

    RispondiElimina
  12. Complimenti Simo, ha un aspetto incantevole e non stento a credere che anche il sapore sia ottimo, complimenti e felice we <3

    RispondiElimina
  13. Risposte
    1. Io l'ho appena assaggiato... grrrrrr.. uffa!

      Elimina
  14. Grazie a tutte, ragazze! un abbraccio collettivo e....buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  15. Ti faccio i miei migliori complimenti per il tuo panbrioches:ha un aspetto davvero perfetto e bellissimo,settimane fa ne avevo provato uno ed ero rimasta molto soddisfatta:una volta freddo l'ho tagliato a fette e congelato,separando le stesse con un foglio di carta forno all'interno di un sacchetto per freezer.Una volta scongelate tornano come appena fatte!Vorrei provare anche il tuo non appena il caldo dà un po' di tregua...volevo solo sapere se le germe di grano e il malto d'orzo sono tassativi..grazie mille e in anticipo per la risposta:)).
    Un bacione e ancora tantissimi complimenti:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Rosy, amica mia...
      no, certo, non sono tassativi ma ti consiglio caldamente di aggiungerli, ti spiego perchè: il malto d'orzo (ma anche quello di mais liquido ad esempio * io preferisco in polvere) conferisce a tutti i lievitati sia dolci che salati, quindi pane, che neutri, colore caldo all'impasto, nutre il lievito lo rende più forte in modo che se ne possa usare di meno come quantità. Lo trovi facilmente nei negozi di alimenti biologici che ormai spopolano - forse anche negli ipermercati. Il germe di grano (idem dove comprarlo) è praticamente nient'altro che il cuore del glutine (per chi ovviamente non è intollerante) arricchisce il lievitato (buono a cucchiaiate dentro lo yogurt ad esempio o un cucchiaio nell'impasto delle tue torte) questo però, a mio avviso è proprio un "di più" puoi ometterlo, ma il malto se riesci usalo. Considera che c'è anche il limoncello che da un buonissimo aroma, ma l'alcool nei lievitati con lievito di birra e l.madre.. rallenta e inficia un pochino la lievitazione (come il sale che non va a contatto col lievito al contrario dello zucchero - malto in questo caso, che aiuta la lievitazione, come detto) spero proprio di esserti stata utile e soprattutto di non aver detto baggianate, questo è quanto ho appreso dalla mia esperienza personale, i tanti tentavi falliti in cucina e di qualche dritta che mi hanno fornito i fornai coi quali ho collaborato in passato, avendo un negozio. .. solo quello! bacioni grandi e grazie dei tuoi complimenti. sempre gentilissima!

      Elimina
    2. Carissima Simona sono io che ti ringrazio per la risposta completa ,dettagliata esaustiva:))).Ti confesso che avevo adocchiato in varie ricette la presenza del malto d'orzo,immaginavo che potesse avere un ruolo importante nella lievitazione e quindi nella consistenza finale degli impasti ma le tue spiegazioni ancora più precise hanno chiarito proprio tutto!Grazie mille anche per tutti i consigli e le dritte,sicuramente mi saranno di grande aiuto:)).Spero di riuscire a trovare il malto d'orzo anche se non nel paese dove risiedo(mi sembra difficile..ma provo ugualmente,non si sa mai!)ma nella città più vicina dove trovo ipermercati e negozi del tipo da te indicato;).
      Tanti bacioni anche a te e grazie ancora per tutto:))
      Rosy

      Elimina
    3. per me è un piacere Rosy, davvero! se non lo trovi nemmeno nella città vicina (ma io credo di si) lo trovi in internet, ormai i vari molini vendono anche on line, certo non puoi comprare solo un barattolino di malto altrimenti ti costa un patrimonio di spedizione non conviene...

      Elimina
  16. o caspita, ma cos'è questa treccia???Una dolcissima visione :)
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  17. Che meraviglia...intrecciato poi, ancora più bello!

    RispondiElimina
  18. Il tuo panbrioche ha un aspetto che, da solo, fa venire l'acquolina! È proprio vero che, oltre a manualità passione e fantasia, è la pazienza una delle componenti per una buona riuscita in cucina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Sonty! assolutamente la pazienza è un ingrediente fondamentale, hai proprio ragione :-)

      Elimina
  19. E' bellissimo Simona, molto goloso ed esteticamente perfetto. Sei bravissima! :*

    RispondiElimina
  20. Che gola !!!
    Ciao Cara, buon pomeriggio
    Mandi

    RispondiElimina
  21. Complimenti per questa meraviglia che hai voluto condividere con noi. Ti capisco quando dici che spesso assaggi soltanto, succede anche a me. Ma è questo che pretendo quando cucino per la mia famiglia. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  22. Ciao Simona, complimenti per la vittoria e per la meraviglia che hai preparato! ;) Fa una gran gola questo tuo panbrioche, oltre ad essere molto bello da vedere sono certa che è anche buonissimo da mangiare. Mi unisco con piacere ai tuoi lettori in modo da non perdere le tue prossime ricette. Ti auguro una buona continuazione di settimana, a presto.
    Valentina di Raggio di Sole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina, ma che carina che sei..grazie! :-) piacere di conoscerti

      Elimina
  23. Ma bravaaaaa!!!! Bellissima ricetta, una trecciona soffice soffice e profumata...da provare...quando scende la temperatura..ancora complimenti
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  24. Bellissimo e morbissimo! Perfetto per la colazione brava!
    Un abbraccio!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
  25. Bello e buono! :)

    http://blog.giallozafferano.it/dolcisalatidielisabetta/

    http://ilblogdielisabettas.blogspot.it

    RispondiElimina
  26. meravigliosa brioche!! perfetta alveolatura e bellissima forma!! brava!!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a a trovarmi!
E grazie per i tuoi commenti che mi aiuteranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog, o profilo pubblico non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Visite

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Lettori fissi

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...