Partecipate al nostro contest!

Partecipate al nostro contest!
Scade il 28-01-2018

Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
domenica 29 maggio 2016
A mia nonna, come a me, piaceva molto preparare dolci, le piaceva cucinare in generale infatti io conservo gelosamente gli opuscoli che lei diligentemente, e con tanta pazienza, aveva comprato e conservato in anni e anni di uscite all'edicola (credo avesse speso un patrimonio....) anche se ad onor del vero usava (come tutte le donne piemontesi di quell'epoca - nate intorno gli anni '20) molto ma molto-molto burro, molto zucchero, molto di tutto. Sarà stata una reazione post guerra magari, anche se a detta di mia madre a casa loro non è mai mancato nulla, nè il pane bianco, nè la carne e tanto meno la verdura dato che avevano l'orto, insomma erano fortunati e quindi io rielaboro le ricette togliendo, limando e limitando le calorie, la quantità soprattutto dei grassi.

Lei preparava quei due o tre dolci rigorosamente della tradizione piemontese, il suo pan di spagna altissimo e profumatissimo, cotto nel forno a legna, mia madre lo ricorda benissimo ancora oggi. (e mica c'erano le fruste elettriche.. andava di forchetta e di olio di gomito) Ed il crème caramèl? E... il bonet? LA (non una ... ma "LA") torta di mele e la polentina dolce? E le pesche ripiene?

Devo dire che non era la classica nonnina delle fiabe, dolce, tenera e premurosa. Manco per niente... era dura, severa, rigida, comandava a bacchetta tutto e tutti, compreso e soprattutto mio nonno poverino... che invece era la dolcezza fatta uomo, era lei la padrona indiscussa di tutto e tutti, inclemente e fredda.. caratteristica del dna nordico del ramo materno (beh ho: mamma piemontese doc, papà mezzo siciliano - mezzo toscano, ma nato in Sicilia e poi trasferitosi per lavoro a Torino e qui ha vissuto, quindi... Io come sono? dipende dai casi ...un casino insomma .. eh..  per forza!)

... tuttavia in cucina diventava più umana, meno robocop.  Ogni volta che cucinava qualche dolce o qualche pietanza, a suo parere speciale (ma non è proprio così...)  ce ne portava sempre un pezzo. Io gradivo naturalmente, mia madre no. Devo ancora capirne il motivo (che poi lei non cucina dolci ma le piace moltissimo mangiarli..eccome se le piace!) bah...sono quelle cose che uno strizzacervelli ci andrebbe a nozze. Lasuma perdi. (tradotto: "lasciamo correre....")

E quindi...il semolino fa parte del paniere culinario piemontese: vedi la frittura di semolini dolci (anche presente nel mio blog cliccando qui) o il semolino cotto nel latte e zucchero, gli gnocchi di semolino, il semolino in brodo, i biscotti ecc. ecc. ma veniamo a questo budino di semolino e ricotta fantastico! Tanto facile, tanto confortante e coccoloso. Da proprio la sensazione della fanciullezza, dello stare sotto le coperte nei giorni di pioggia a consolarsi tra le braccia di qualcuno che ci ama e che ci porta una fettina di dolce :-)

Cosa serve:

500 ml. latte intero
100 ml. panna liquida
50 g. cioccolato bianco
125 g. zucchero semolato
125 g. semolino
scorza di limone naturale
i semi di mezza bacca di vaniglia
100 g. ricotta morbida
2 uova medie intere

Per guarnire:

Confettura di prugne q.b. (per me home made)



Fare bollire latte e panna con 80 g. di zucchero, due falde di scorza di limone e la vaniglia. Dare una mescolata in modo che non si formi la pellicina in superficie. Spegnere al primo bollore e tenere da parte.

In una ciotola mescolare, con una frusta o un cucchiaio di legno, le uova intere col restante zucchero fino ad amalgamare lo zucchero, unire poi la ricotta e mescolare bene affinchè non ci siano più grumi (caso mai dare una frullata col minipimer).

Togliere le due falde della scorza del limone, rimettere sul fuoco il latte e versare, a pioggia, il semolino continuando a mescolare con la frusta.Tenere il fuoco basso e far cuocere senza smettere mai di mescolare, per 5-6 minuti. Unire il cioccolato tritato, mescolare fino a farlo sciogliere completamente.

Togliere dal fuoco.


Accendere il forno a 170° statico.

Imburrare uno stampo per budini che possa andare in forno.
Quando il composto di semolino si sarà intiepidito, unire, poco alla volta, le uova e ricotta. Mescolare molto bene e versare il tutto nello stampo imburrato.


Cuocere in forno per 50 minuti.

Sfornare, lasciare raffreddare a temperatura ambiente e poi in frigo.
Buonissimo tiepido e ottimo freddo!




Volendo si può riscaldare qualche cucchiaio di marmellata di prugne - per me home made (o albicocche o a piacere) con poca acqua, versandola sul budino ormai tolto dallo stampo





.... e per l'occasione, per rendere omaggio fino in fondo,  ho tirato fuori tovaglietta ricamata, stampo, le porcellane e cucchiaini del servizio della nonna! :-)






38 commenti:

  1. Adoro i dolci al cucchiaio...questo budino golosissimo lo mangerei tutto da sola!!! Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco Cris, se vieni a mangiarne un po' mi fai un favore ci dividiamo le calorie e e chiacchiere :-) (anche se in effetti non è molto calorico vero?)

      Elimina
  2. Che buono che è. Io poi adoro in modo particolare tutte i piatti delle nostre nonne. Un patrimonio per le generazioni future che andrebbe valorizzato sempre. Complimenti a te e a tua nonna per questa bellissima ricetta che sa tanto di tradizione. Buona serata Fabiola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero cara Fabiola, spero che anche i miei possano conservare le nostre tradizioni e ricordi al naso, al cuore, al palato :-) di sicuro uno dei due figli sì, l'altro ci sto lavorando :-)
      Mia nonna sarebbe felice dei tuoi complimenti, ormai non c'è più da moltissimo tempo, ma avrebbe senza dubbio gongolato (non facendolo vedere però ahahhah) buona serata a te!

      Elimina
  3. Interessante questo budino. E' così fine, deve essere molto delicato. Bellissimo il servizio della nonna. Le nonne una volta erano donne di polso, mandavano avanti tutta la famiglia, lavoravano duro, avevano 5-6-7 figli. La vita era molto dura.
    Buona serata Simo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no-no Natascia... quella era mia bisnonna. 12 figli vita dura. ma mia nonna di figli ne ha avuti due e una vita decisamente agiata.. era proprio dura lei mia cara... smack!

      Elimina
  4. Dolcissimo il tuo racconto della nonna... e comprendo l'uso eccessivo di burro zucchero e latte :) la provero' questa torta perche' ne sento gia' l'odore ma dovro' cercare il semolino ora, sperando di non dover far di nuovo su e giu' per le colline (senza benzina!) :)
    Ciao cara e buona serata.....

    RispondiElimina
  5. La tua nonna sembra la fotocopia caratteriale di mia suocera!....solo che mia suocera odiava cucinare, men che meno i dolci.
    Ma vogliamo parlare di quel budino? Deve essere una squisitezza ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. acc... una suocera come mia nonna.. apriti cielo.. non l'augurerei (quasi) a nessuno...

      Elimina
  6. mmmmmh...che buono che deve essere questo budini e la cucchiaiata di marmellata di prugne? Ci sta d'incanto :)
    Si vede che mi pace? Non abbastanza? Allora arrivo con il cucchiaio in mano ahahahah
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) mi hai fatto davvero ridere! dai apro la porta .....

      Elimina
  7. wow, invitante questo budino...dopotutto le ricette delle nostre tradizioni sono le migliori.
    Ho anche io tanti ricordi delle ricette delle nonne....peccato non averle scritte tutte

    RispondiElimina
  8. bella idea golosa questa di fare il budino con il semolino!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. Che spettacolo!!! ha una bellissima consistenza. e immagino il sapore!! E' da provare.. non ho mai assaggiato un budino di semolino.. baci e buona settimana :-*

    RispondiElimina
  10. Anche dalle nostre parti si usava il semolino, i dolci al semolino mi riportano indietro a morbidezze e dolcezze, più che passate, da quanto tempo non ne faccio uno.

    Che bella nonna tosta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e dai prova la mia ricetta Guntherino... (magari ometti il cioccolato bianco se non ti va)
      Tosta? eufemismo.. noi nipoti la chiamavamo con un appellativo che non posso dire..

      Elimina
  11. Benchè io non adori i budini, dalla foto questo mi sembra del tutto diverso dal classico budino.
    Dovrò provarlo.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Manu qui non c'è colla di pesce.. anche io non amo i budini gelatinosi, un abbraccio a te!

      Elimina
  12. Hai scritto un bellissimo post condividendo i tuoi ricordi e questa deliziosa ricetta, io non ho mai visto le miei nonne ai fornelli, a me non hanno mai preparato dolci e devo ammettere che sono un po' invidiosa!
    Baci e buona settimana!

    RispondiElimina
  13. CHE DELIZIA, MA SAI QUANTO TEMPO E' CHE NON LO MANGIO PIU'???DA QUANDO NNO C'E' PIU' MIA NONNA, QUINDI ALMENO UNA QUINDICINA DI ANNI!!!!STRA DELIZIOSO, GRAZIE PER LA PARTECIPAZIONE AL CONTEST.BACI SABRY

    RispondiElimina
  14. I dolci con il semolino sono lontani dalla mia cultura culinaria ma mi hanno sempre incuriosita, questa tua storia è così interessante e il risultato meraviglioso.. voglio assolutamente provarlo!

    RispondiElimina
  15. Guarda Batù mia quando mi verrai a trovare questo dolce al semolino me lo devi per forza portare( faccio anche le rime questa sera..ma il semolino mi ha sempre ispirato)
    Lo adoro anche nella vostra frittura mista meravigliosa dove regna sovrano fritto insieme alle duecento qualità di carni...
    Che goduria!
    Baciottone golosissimo ed evviva la nonna....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. però potresti anche venire tu eh? conosco un posto dove cucinano il GRAN fritto misto piemontese (250 portate) in modo sublime, perfettamente asciutto e digeribile (poi per due giorni successivi possiamo cibarci di centrifugati di frutta e verdura)

      Elimina
  16. Che belle le ricette della nonna :-) Profumano di casa e di ricordi..tu hai davvero un bel tesoro con tutti quegli opuscoli ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente si. Li ho fatti rilegare e li conservo gelosamente :-)

      Elimina
  17. adorabile questa ricetta che rievoca ricordi e atosfere familiari. Adoro il semolino, così versatile e mi annoto questa delizia!! bacioni

    RispondiElimina
  18. davvero delizioso!!! adoro i budini, lo scorso anno con il dente del giudizio ne ho mangiati di tutti i tipi.. questo mi manca però :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mamma come sei giovane.. dente del giudizio.. no aspetta.. sono io che sono vecchia :-(

      Elimina
  19. Mi piace questo budino!!!! Bravissima

    RispondiElimina
  20. Che acquolina Simo...davvero una bella ricetta, originale e diversa dal solito! Voglio provare!
    un bacionissimo!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
  21. se non è troppo calorico e' perfetto per lo scambio ,
    vieni quando vuoi!!
    baci

    RispondiElimina
  22. finalmente riesco a commentare...dall'ufficio è imposssibile...
    non sai quante volte passo e poi devo rinunciare...
    ma stasera mi sono ricordata!
    cHE BUono questo budino e bello il post
    ciao cara Simo e ...viva le nonne!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piace leggere i tuoi commenti perchè mi mettono sempre di buon umore carissima omonima :-) ... grazie!

      Elimina
  23. Indubbiamente buono. Buona serata

    RispondiElimina
  24. sarei curiosissima di assaggiarlo, deve essere ottimo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...