Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

Partecipo alla rubrica "al Km 0"

Partecipo alla rubrica "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
giovedì 17 dicembre 2015
In questo periodo nei supermercati si vedono scaffali zeppi di pancarrè. Si sa sotto le feste è comune preparare canapè e tramezzini, ma perchè usare quel pane confezionato intriso di alcool etilico e conservanti quando è così semplice farlo in casa con enormi soddisfazioni e guadagnandoci sotto sul punto sia del portafoglio, ma soprattutto della salute? Se si prepara spesso, durante l'anno (ottimo per i panini naturalmente.., per i toast, per le merende da dare ai bambini a scuola, da portare al lavoro e chi più ne ha più ne metta...) vale la pena di spendere il denaro per acquistare, come ho fatto io, lo stampo apposito, ma si può usare uno stampo grande per plum-cake, non si otterrà la classica forma squadrata, sarà a cupola, come un normale pan-bauletto ma vabbè...

Io ho usato anche della farina 0 macinata a pietra per avere un pane un po' più rustico e saporito, (che lo preferisco) va detto che generalmente il pane a cassetta si fa con farina bianca 280W per avere la mollica bianca-bianca.

Cosa serve per uno stampo col coperchio che misura cm. 30x10

400 g. farina 00
300 g farina 0
350 circa di latte intero a temperatura ambiente
30 g. burro fuso
1 cucchiaio di olio evo
15 g. sale fino
1 cucchiaino raso di zucchero
1 cucchiaino di malto liquido di mais
5 g. lievito di birra fresco
15 g. lievito madre secco

Setacciare le farine e metterle nella ciotola della planetaria (o ciotola capiente se il pane è fatto a mano, proseguire mescolando prima con una forchetta e poi, quando non è più possibile, travasare l'impasto su una spianatoia e continuare impastando a mano), unire subito il lievito di birra sbriciolato (NON farlo sciogliere nel liquido altrimenti una parte di esso, che è già molto poco, si disperderebbe nel bicchiere), poi quello madre secco. Aggiungere sopra i lieviti lo zucchero ed il malto.



Azionare la planetaria a velocità minima.
Unire, poco alla volta, il latte (considerando che può non bastare o, al contrario essere troppo, dipende dalla farina utilizzata, il suo grado di assorbimento: il risultato finale deve essere quello di un impasto compatto ma assolutamente non asciutto, liscio e non appiccico) e intanto, mentre si aggiunge il latte, nel mezzo unire anche il burro fuso.
Per ultimo unire il sale.

Far impastare a velocità più sostenuta per una decina di minuti.


Trasferire l'impasto su una spianatoia e stendere con un mattarello l'impasto per ottenere un rettangolo lungo quanto lo stampo.

Poi arrotolarlo, schiacciare le estremità in modo da ottenere un pacchettino rettangolare regolare e metterlo dentro lo stampo DOPO averlo ben imburrato di burro fuso. Imburrare bene il fondo, i bordi e anche il coperchio.



Ora, con le nocche delle dita, schiacciare bene il "salamino" di pasta e chiudere il coperchio lasciando una fessura aperta di circa 1 cm. per consentire una migliore areazione e dunque lievitazione.



Mettere a lievitare in forno preriscaldato a 50° (poi spento ovviamente...) fino a che l'impasto arriva al bordo dello stampo, fino a che proprio fuoriesce (così si avrà un pane a cassetta perfettamente compatto), quindi delicatamente ripiegare verso l'interno ciò che è fuoriuscito, e chiudere bene il coperchio; l'impasto si vede anche uscire dai buchini dello stampo a cassetta. Bisogna proprio fare attenzione in questo passaggio e non lasciare lo stampo con la pasta a lievitare "dimenticandosene", occorre controllare ogni tanto.


Quindi preriscaldare il forno a 200° (se avete, come me, uno forno con l'opzione cottura pane e pizza, usatelo. E' una sorta di ventilazione maggiore sul fondo. Altrimenti usate il ventilato normale.)

Infornare per 50 minuti.

Togliere lo stampo dal forno, togliere subito, ancora caldo, il pane dallo stampo (se si è ben imburrato basta capovolgerlo e si stacca subito), metterlo su una gratella a raffreddare.
Si può tranquillamente tagliare a fette e congelarlo.



17 commenti:

  1. brava, hai fatto bene a prepararlo, anche io la penso proprio come te!! Ti è venuto perfetto, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. Complimenti ha proprio un bell'aspetto... E' bellissimo aprire il tuo blog e trovare una ricetta come questa!!!
    Grazie per averla condivisa
    Flora

    RispondiElimina
  3. Ciao Simo, bello il tuo pancarré e sopratutto molto salutare. Sai che non ho mai visto questo stampo, o forse non lo messo in conto ? Non ho mai pensato che fosse uno stampo specifico, ma buono a sapere. Complimenti e un abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non è facilissimo da trovare Claudia nei negozi di casalinghi se non sono molto riforniti, io l'avevo preso a Torino, ma in internet lo trovi cara!

      Elimina
  4. Mi trovi perfettamente in sintonia con il tuo pensiero! Molto meglio farselo in casa e risparmia su grassi saturi e materie prima di dubbia qualità! Il sapore sarà sicuramente migliore e la soddisfazione di portare in tavola un prodotto homemade non ha prezzo!
    Bravissima!! ..e stupendo quello stampo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. detto da te che sei una panificatrice compulsiva :-) sopafffina ... è un gran bel complimento!

      Elimina
  5. Che bello il tuo blog in veste Natalizia!
    Noi usiamo molto il pancarrè. Ti è venuto perfetto. Si vede che è morbidissimo. Brava Simo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Natascia cara :-) sia per il blog che ho cercato di rendere festoso senza eccessi e ....si onestamente il pancarrè è venuto davvero soffice!

      Elimina
  6. Mi segno la ricetta, anch'io non sopporto quel terribile odore di alcool dei pancarrè confezionati, complimenti il tuo è perfetto!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero? ma anche tostato si sente! qua la mano Laura!

      Elimina
  7. DAVVERO MERAVIGLIOSO, NE VALE LA PENA SI' PREPARARSELO DA SOLI!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più semplice di quel che sembra, poi lo stampo aiuta cara Sabry! bacioni a te

      Elimina
  8. Che maga che sei Batù Simo mia,io non riuscirei assolutamente , getto la spugna e sto all'angolo..
    Poi come mi piace il pan carrè integrale, una favola...
    Un bacio delicato per non svegliarti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che ci riusciresti :-) tengo stretto quel bacio, grazie di cuore Nella cara! smack!

      Elimina
    2. Bella la mia Batù Simo vengo ad informarti di non preoccuparti se non vedrai più i followers nel mio blog. Se ne andavano come le rondini a fine estate e abbiamo deciso per ora di toglierli. Ci sono anche altre anomalie, ma il blog ancora resiste....
      Io sono presente come sempre e vi voglio bene.
      Scusami.
      Bacissimo notturno...

      Elimina
  9. Che brava sai fare anche il pan carrè, certo farlo a casa un altra cosa

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...