Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
lunedì 14 novembre 2016
Questo pane l'ho voluto fare per dimostrare cosa si può ottenere utilizzando pochissimo lievito di birra fresco! (inorridisco quando leggo 25 grammi per mezzo chilo di farina)  ho usato 8 grammi di lievito per quasi 1 kg. di farina, lunga lievitazione e grandissima digeribilità, un pane leggerissimo, croccante e molto saporito. Impastato a mano. Ho voluto prepararlo anche per dare un'idea da sfornare alle amiche e amici non sono avvezzi al lievito madre che di solito utilizzo e preferisco.

Spero di avere fatto cosa gradita :-)

Cosa serve per due pagnotte da 800 g. l'una:

Per il lievitino:

8 g. lievito fresco di birra
150 g. farina 0
150 ml. acqua temperatura ambiente

Per il secondo impasto:

Il lievitino precedente
400 g. farina di farro bianca bio
400 g. farina 0 W 280-300
600 g.di zucca cruda con la buccia (ovvero 400 g. polpa di zucca cotta)
2 cucchiaini di sale marino integrale fine
1 cucchiaino colmo di malto d'orzo (se proprio non si ha in casa, sostituirlo con miele ma non è la stessa cosa..)
2 cucchiai di olio evo grezzo
acqua a temperatura ambiente q.b. (circa 180 - 200 ml.) dipende da quanto è rimasta acquosa la polpa della zucca e dipende dalla farina utilizzata (come sempre..)

Mettere nel forno il pezzo di zucca (con la buccia) a 190° finchè, bucandola con una forchetta, si sente morbidissima.


Fare il lievitino, mescolando con una forchetta, all'interno di una ciotolina gli ingredienti sopra elencati. (il lievito sbriciolato nella farina), come si ottiene una sorta di pastella, coprire con pellicola e mettere a lievitare fino al raddoppio in luogo tiepido. NON sciogliere il lievito nell'acqua riversandola poi nella farina, perchè è poco e in parte rimarrebbe attaccato ad un bicchiere. Io lo sbriciolo direttamente nella farina, molto più pratico e non ci sono sprechi.

Trascorso il tempo (intanto la zucca dovrebbe esser cotta) Prendere una ciotola capiente e inserire nell'ordine:


la farina di farro bianca e quella di frumento setacciate insieme, il lievitino, il malto, l'olio, la polpa di zucca ormai tiepida e frullata con il minipimer. Mescolare con una forchetta, unire, POCA alla volta, acqua q.b. per ottenere un composto che si faccia fatica a mescolare con la forchetta. Unire il sale per ultimo.

Versare l'impasto su una spianatoia leggermente infarinata ed impastare abbastanza da fare amalgamare bene gli ingredienti. Considerare che sarà un impasto morbido (si otterrà una pagnotta leggera, non dico come una ciabatta, ma sicuramente non compatta e pesante come un pane di campagna) quindi rimarrà in ogni caso appiccicaticcio.

Formare una palla e metterla in una capiente ciotola unta per bene, coprire con pellicola e lasciare lievitare ad una temperatura di circa 18°- 19°  per 14/15 ore. (se l'ambiente è più caldo, consiglio di metterlo in frigo.. SI FRIGO!) e tirarlo fuori 4 ore prima di lavorarlo nuovamente.  Questo è un impasto con pochissimo lievito e lunga maturazione. Ne conseguirà un'ottima digeribilità e ottimo sapore.

esempio: io ho finito di impastare e quindi messo a lievitare alle 18,30 e ripreso la mattina successiva alle 09,30


Dunque trascorso il tempo di lievitazione, riprendere l'impasto (sarà molliccio) e riversarlo delicatamente sulla spianatoia leggermente infarinata.

Impastare brevemente senza sbattere l'impasto! (altrimenti si perderà la lievitazione...) formare per due o tre volte delle pieghe a libro ed ogni volta coprirlo ed attendere 20 minuti di riposo, poi proseguire dividendo l'impasto in due parti (pesarlo, altrimenti si rischia in cottura che uno rimanga crudo, l'altro bruciato se non è uguale) se si toglie/aggiunge un pezzetto di impasto, non fa niente.. lo si incorpora alla metà più piccola tranquillamente..

arrotolarlo prima da un lato, poi dall'altro, in modo da formare delle pagnotte oblunghe, spolverizzarle di farina e rimetterle a lievitare (sulla placca rivestita da carta da forno), distanziandole il più possibile. Non importa se poi in cottura si attaccheranno.

Con un coltellino affilato ed infarinato, praticare due o tre tagli sulle pagnotte. (se si desidera che siano meno evidenti, praticare i tagli solo prima della messa in forno)

Coprire il pane con un canovaccio pulito e asciutto da cucina e fare lievitare ancora (l'ultima volta!) per circa 3 ore.



Quindi ore 9,30 > ore 12,30 messa in forno.


Accendere il forno a 240° statico mettendo sul fondo un pentolino d'acqua per creare un po' di umidità nel forno
Quando è a temperatura, non prima, infornare.

Lasciare cuocere 20 minuti, poi togliere dal forno il pentolino d'acqua (a questo punto non serve più, anzi il pane deve acquisire croccantezza) ed abbassare la temperatura a 190° statico, continuare la cottura per altri 35 minuti (ma controllare.. il pane deve risultare ben dorato sia sopra che sotto, dipende dal forno, possono volerci 5-10 minuti in più)

Togliere dal forno e mettere le pagnotte su una gratella a raffreddare


Un pane fragrante, colorato, leggerissimo e molto gustoso! si presta molto bene ad essere congelato.


Questa ricetta non l'ho copiata ma l'ho elaborata secondo la mia fantasia ed il mio gusto, dunque se la replicherete mi fa molto piacere ma, per cortesia, inserite il link di riferimento di proprietà al mio sito.
 Grazie 😉

58 commenti:

  1. No no io non lo congelo!!! Troppo buono! Me lo mangio tutto :))
    Una gran bel pane, bravissima.
    Un bacio e buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  2. Troppo buono il pane con la zucca!!!! :-* baci baci

    RispondiElimina
  3. Mamma che meraviglia! Sembra di essere in una forneria ^_^

    RispondiElimina
  4. Che brava! Ti è venuto benissimo! Dev'essere troppo buono!

    RispondiElimina
  5. Che bel colore!!!!
    Sarà buonissimo!
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia il pane con la zucca, il tuo è venuto davvero bene, bravissima. E sono d'accordo con te sulla dose di lievito. Un super abbraccio cara Simo

    RispondiElimina
  7. Ma tu sei una maestra in questo campo, da te c'è solo da imparare, spero col tempo di arrivare ai tuoi livelli, bravissima. Un bacione e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai ... 😊 .. veramente la forma è bruttina 😂 Pazienza! Guardiamo la sostanza..

      Elimina
  8. Cara Simona, un pane così bello e buonissimo lo mangio subito!!!
    Ciao e buona serata cara amica, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Bravissima Simo! Questo pane è meraviglioso sia per gli ingredienti che per la spiegazione molto accurata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Flora! Ci provo sempre a dire qualcosa di utile 😉

      Elimina
  10. Per quanto mi riguarda hai fatto cosa graditissima :-) Non mi stancherei mai di sperimentare impasti diversi e questo alla zucca è tra i miei preferiti..che bellissimo colore che ha mantenuto!! Bravissima Simo e felice inizio settimana <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te poi ... 😘 Buona settimana a te!

      Elimina
  11. Fantastici i tuoi lievitati, sei davvero una maestra!!! Bravissima!

    RispondiElimina
  12. Complimenti che meravigliose pagnotte, belle da vedere così morbide e colorate e buonissime da mangiare!!!
    Baci

    RispondiElimina
  13. E' un pane incantevole, con la zucca, farina di farro e a lunga lievitazione dev'essere di una bontà infinita.
    Approvo l'idea di congelarlo per farlo assaggiare ai nostri ospiti magari improvvisi.
    Buona giornata ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Gabry la zucca e il sapore del farro "ci stanno" proprio bene! Grazie mille!

      Elimina
  14. Adoro il pane alla zucca, è così morbido e profumato!

    RispondiElimina
  15. Hai fatto cosa gradita di sicuro! Questo pane deve essere buonissimo e tutte le indicazioni sull'uso del lievito sono preziose, bacione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contentissima se posso essere utile 😉 Smmmmack

      Elimina
  16. ...e certo, se tu mi fai mangiare queste squisitezze che sforni... il fisico adieu adieuuuuuuuuuuu!!!!!!! :))
    ciao cara...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti io cucino ma mangiare ... 😭😩 mica tanto ...

      Elimina
  17. Devo dire che mi ha fatto venire voglia di rifarlo il pane alla zucca ... lo avevo fatto anche io in passato e sottoscrivo tutti i tuoi pensieri sulle quantità di lievito di birra. Brava, ottimo risultato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te che coi lievitati sei bravissima.. 😁🤗

      Elimina
  18. Un gran bel pane che sorpresa la farina Rieper non sapevo si poteva trovare fuori dall'Alto Adige sono delle ottime farina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò non mi ricordo se l'ho comprata in Italia ma pendo divdi visto che c'è scritto anche FARINA, quasi sempre o la compro alle biobotteghe (quella non locale, sennò direttamente ai molini). Ricordo però una volta di avere messo in valigia un pacco di farina e poi averlo visto anche qui 🙄 Che sia proprio questo? 🤔 Boh

      Elimina
  19. Bravissima, anch'io uso pochi grammi di lievito di birra, il prodotto finale è più digeribile e leggero! Buona serata :)

    RispondiElimina
  20. Hai fatto cosa graditissima!!! Mi piace un sacco la zucca e chissà che buono deve essere questo pane! E poi non solo buono... anche bello! Super! ♥♥♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivy cara! 😃 Eccoti finalmente 😘 Avere te a tavola è gratificante, ti piace tutto smack

      Elimina
  21. stupendo questo pane!! basta il profumo a mettere di buon umore!! bravissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Mimma! Il guaio è che mette anche appetito 😁

      Elimina
  22. Dev'essere davvero buono, come la farina che hai usato. Pensa che purtroppo non trovo più nessun tipo di questa farina,nella mia città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No che peccato veramente? Compra in internet cara Dani. Ci sono molti produttori ormai che spediscono. Beh certo per amortizzare il costo di spedizione temo dovresti comprane molta

      Elimina
  23. Mi piace tantissimo questo abbinamento e poi stavo proprio cercando la ricetta giusta per utilizzare la farina di farro. Ho già in mente degli stuzzichini molto originali e sfiziosi per le feste natalizie! Grazie per la ricetta :-D

    RispondiElimina
  24. L'altro giorno ho voluto commentare da cellulare ma non sono riuscita, ero fuori. Poi, il tempo è volato ma non mi sono dimenticata del tuo pane meraviglioso, bravissima Simo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sei ritornata apposta? Che cara che sei Claudia! 🤗 Grazie!

      Elimina
  25. devo trovare il coraggio di cominciare a panificare , non ho il lievito madre attivo ma ho trovato il lievito madre secco, dovrebbe andar bene...Guardo il tuo pane e mi viene voglia di provare !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che va bene! Diciamo che non è la stessa cosa di quello fresco ma si avvicina 😉 Se posso consigliarti, usane di meno rispetto a quel che consigliano sulle confezioni, perché alcuni produttori (quasi tutti) aggiungono una percentuale di lievito di birra, quindi leggi l'etichetta 🤗

      Elimina
  26. ma wooow!! simo questo pane sembra davvero appetitosissimo!!!
    Bravissimo davvero

    RispondiElimina
  27. Ma che interessante oltre che bellissimo questo pane ! complimenti !!!

    RispondiElimina
  28. Buonissimo questo pane alla zucca, proverò il tuo procedimento, grazie! Buona serata, baci!

    RispondiElimina
  29. Concordo, anch'io resto basita quando leggo una quantità spropositata di lievito di birra, che peraltro fa male. Il tuo pane è perfetto, brava!

    RispondiElimina
  30. Caspita che bel pane soffice e profumato, conosco molto bene le farine della Rieper, sono eccezionali! Un bacio

    RispondiElimina
  31. Carissima Simona concordo pienamente con quanto scrivi: nelle preparazioni in cui è previsto il lievito di birra e' decisamente meglio ridurre le quantità dello stesso aumentando i tempi di lievitazione:anch'io ne utilizzo sempre poco e preferisco attendere più tempo per avere un prodotto migliore,più digeribile e senza quel saporaccio di lievito che inevitabilmente si avverte laddove le quantità dello stesso sono esagerate (tipo come hai scritto tu 25 gr per mezzo chilo di farina...terribile!!!).
    Questo pane e' senza ombra di dubbio favoloso e profumatissimo con la zucca che adoro e che lo rende speciale;)inoltre dalla foto si nota benissimo la sua consistenza interna soffice e lievitata benissimo come piace a me:))la presenza del lievito di birra infine lo rende più 'alla mia porrtata' dal momento che ancora non mi sono cimentata con il lievito madre;).
    Grazie infinite per la condivisione Simona e i miei migliori e più sinceri complimenti,bravissima come sempre:)).
    Un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre cara e affettuosa cara Rosy, grazie infinite, bacioni 😘

      Elimina
  32. Che bei panini, complimenti! Hai ragione, in molte ricette il lievito di birra è davvero troppo. A volte serve, con alcune farine o preparazioni pesanti, ma spesso..no!

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò cara Monica .. non serve nemmeno li, se l'impasto ha uova e burro occorre usare la farina giusta 😉

      Elimina
  33. Mi ha divertito molto inizio del post sul lievito, io non so dosare il lievito e ammetto di fidarmi ciecamente delle ricette, imparerò a essere più attento, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Carmine, fai attenzione, oppure vai a mangiare a casa delle tue college blogger 😂🤗

      Elimina
  34. Anche io preferisco usare poco lievito di birra fresco abbinato ad una lunga lievitazione. Purtroppo non riesco a far ripartire il lievito madre, ci provo da circa 20giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non demordere mai, Grazia! Certo se il tuo intento è farlo ripartire per sfornare il panettone quest'anno la vedo un po' dura.. ma per la colomba sei abbondantemente in tempo! 😉 Dai coraggio!

      Elimina
  35. Bellissimo questo pane, mi segno la ricetta, perché avei proprio voglia di assaggiarlo!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a a trovarmi!
E grazie per i tuoi commenti che mi aiuteranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog, o profilo pubblico non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Visite

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Lettori fissi

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...