Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
sabato 14 dicembre 2013

Lo stollen è un tipico dolce Natalizio tedesco. Originario di Dresden per la precisione. In Germania si trova praticamente ovunque e di ogni dimensione, anche maestosa!!! 

Qui un'immagine del Dresden Stollen Festival del 7 dicembre 2013 




E' un dolce poco zuccherato ma molto speziato, dunque piacerà sicuramente a chi ama le spezie.

La forma dovrebbe rappresentare il Bambin Gesù avvolto in fascia. (parlo al condizionale riferito al mio stollen :-))


Mio figlio che ha vissuto in Sassonia per un anno, e vive tuttora in Germania, (anche se in un'altra regione) ne è goloso così ho voluto prepararglielo, o almeno... ho tentato... 


Non ho avuto la fortuna di gustare l'originale fresco di pasticceria, devo rimediare facendomene portare uno, ma nel frattempo ho voluto ugualmente cimentarmi facendomi inviare da lui qualche ricetta recuperata il loco. Beh.. ovviamente il testo me l'ha tradotto lui io il tedesco non lo conosco :-)


Ho fatto poi un po' di testa mia a dirla tutta... nel senso che non sono attrezzata per niente, non ho la planetaria, devo usare olio di gomito e la ricetta che ho scelto era per quantità importanti, inoltre era richiesto maggior quantità di lievito, invece io preferisco usarne molto meno per qualunque ricetta occorra lievito e faccio lievitare più a lungo gli impasti e c'era una maggior quantità di noce moscata, io l'ho ridimensionata un pochino, quindi l'ho adattata a me insomma.


Beh.. che dire: a noi tutti e ai miei invitati è piaciuto, mio figlio che ha fatto scorpacciate di stollen di pasticceria a Dresda, ha commentato che l'originale è molto meglio. Evviva la sincerità! ... ci mancherebbe! ehehhe :-)


Questo è il mio stollen:

Cosa serve per la biga:

250 g. farina 00
130 g. acqua tiepida
8 g. di lievito fresco

Cosa serve per l'impasto finale:

40 g. malto (si trova nei negozi di alimenti biologici)
80 g. zucchero di canna chiaro
120 g. latte tiepido
90 g. di burro morbido
i semi di 1/2 bacca di vaniglia
3 bacche di cardamomo
3 chiodi di garofano
1/4 di cucchiaino di noce moscata
1/4 di cucchiaino di cannella
100 g. di uvetta sultanina
50 g. di arancia candita
100 g. di mandorle tritate finemente
se la trovate aggiungete anche 1 mandorla amara (o qualche goccia di essenza di mandorla amara)
2 tuorli + 1 uovo intero
1/2 cucchiaino di sale
250 g. farina 00
50 g. farina manitoba
la scorza grattugiata di 1 limone bio
1 bustina (8 g.) di zucchero vanigliato
rhum q.b.
burro q.b. per spennellare
zucchero a velo q.b.




Per prima cosa preparare la biga che dovrà lievitare poi tutta la notte.
Ho usato pochissimo lievito, questo non è un dolce molto lievitato, la consistenza deve essere compatta e, usando poco lievito prolungando la lievitazione, si otterrà un dolce che si conserverà più a lungo e non avrà nemmeno l'ombra di retrogusto di lievito che è fastidioso.

Preparare gli ingredienti per la biga facendo sciogliere il lievito in una parte d'acqua tiepida. Lasciare schiumare un quarto d'ora circa e poi, in una boule, mescolarlo insieme alla restante farina e la restante acqua. Non occorre impastare molto a lungo. 

Formare una palla, praticare la classica croce, coprire con pellicola e lasciare in luogo tiepido a lievitare tutta la notte. Va bene il forno preriscaldato e 40/50° poi spento, poi attendere che si raffreddi un pochino ed inserire la boule con l'impasto.(io ho preparato la biga verso le 21.30) Tirare fuori dal frigo le uova, la mattina successiva dovranno essere a temperatura ambiente.

Mettere l'uvetta ed il canditi in una scodellina e coprire con parte di rhum e parte di acqua tiepida. Lasciare in ammollo a lungo, anche 2 o 3 ore, poi strizzarle, coprirle con pellicola. Saranno già pronte per l'uso la mattina seguente.

La mattina successiva, disporre a fontana su una spianatoia, le farine setacciate, unire il sale, dare una mescolata; unire poi la biga al centro del buco, iniziare ad amalgamare, unire poco alla volta il latte tiepido, di seguito le uova leggermente sbattute e lo zucchero. Poi unire il malto e tutti gli altri ingredienti. Per ultimi l'uvetta ed i canditi.


Impastare a lungo finchè si otterrà un impasto liscio.
Formare una palla e metterlo di nuovo a lievitare per circa 2 ore.

Riprendere l'impasto e, delicatamente, rovesciarlo sulla spianatoia.
Col mattarello ricavare un rettangolo. Chiudere a "libro" cercando di dare una forma leggermente cilindrica più larga da un'estremità.



(dovrebbe rievocare il Bambin Gesù avvolto nella fascia)

Spostare lo stollen su carta forno e poi sulla placca, coprire e lasciare lievitare ancora almeno 2 ore


Intanto preriscaldare il forno a 200° (statico)

Infornare quindi il dolce e, dopo 20 minuti, molto-molto velocemente aprire il forno e coprirlo con carta di alluminio. Lasciare ancora cuocere per 10 minuti e poi abbassare il forno a 170°. Lasciare ancora cuocere per altri 10 minuti.
(naturalmente dipende dal forno).

Quando sarà cotto sfornarlo, metterlo su una gratella e spennellarlo ancora caldo con burro fuso.

Lasciare raffreddare molto bene, almeno 12 ore prima di mangiarlo.
(Conservarlo in un sacchetto come quello per il panettone)

Al momento di servirlo, cospargere lo stollen con abbondante zucchero a velo.















16 commenti:

  1. Ciao,
    a vedersi è bellissimo e proprio come dev'essere.. cmq consolati ci vogliono anni e anni di sperimenti per farlo bene, io tutt'ora nn riesco!
    Lo inserisco nel contest,
    Paola

    RispondiElimina
  2. Ne vorrei una fetta ... Deve essere buonissimo, e mi consolerebbe all'istante dal raffreddore :-P

    RispondiElimina
  3. Adoro i dolci speziati son così buoni!!Questa fa per me ;)

    RispondiElimina
  4. Complimenti Batù un dolce squisito! Buona domenica a presto

    RispondiElimina
  5. A quanto pare ci piace lo stesso dolce. L'ho messo quest'anno e l'anno passato da ricetta di mia cognata che è di Dresda ed anche il video della festa dedicata a questo Stollen il cui ricavato va ogni anno a beneficenze varie. Buona la tua versione. Avevo anche la forma di dove viene cotto ma purtroppi in un trasloco andata perduta me la devo far rimandare. Se hai piacere ho messo dei vide di come lo fanno loro . Buona domenica e buona mangiata di Stollen - sehr sehr gut.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh ma certo che vengo a vedere Edvige! grazie! e grazie a tutte :-)

      Elimina
    2. PS. Ho visto il commento che hai lasciato grazie a te ma i video per come farlo sono nel post intermezzo domenicale n.42 semprechè ti possa interessare. Bacione

      Elimina
  6. Che buono! Adoro questo tipo di lievitati dolci!
    Un bacione cara

    RispondiElimina
  7. Aggiunto!!! Mi piacerebbe mettere il tuo vero nome nell'elenco. Per ora ho messo Batù, ma appena me lo comunichi correggo. ;)

    RispondiElimina
  8. ma sei bravissima, mi hai letteralmente conquistata con questa tua preparazione. i dolci speziati e il natale sono proprio il connubio perfetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh Artù cara.. bravissima mi sembra davvero troppo :-)) ma grazie sei troppo buona!

      Elimina
  9. è un buonissimo stollen, tranquilla e tanti auguri di buone feste

    RispondiElimina
  10. Io adoro lo stollen ed il tuo mi sembra perfetto! Devo proprio provare a farlo!

    RispondiElimina
  11. dev'essere davvero molto buono :) mi piacerebbe provare la ricetta! e poi che carino è il contest sui dolci della tradizione natalizia!!.. te ne segnalo un altro che riguarda invece i dolci di san valentino, si chiama "i dolci del cuore", è sul sito di saporie.com...dato che poi mi piace prendere spunto dalle tue creazioni :D

    RispondiElimina
  12. Quanto mi manca Dredsdaaaaaaaaaaaaaaa e che buono lo stollen. Lo abbiamo comprato proprio poco tempo fa, quello originale. Vhe bello, quanti ricordi :-)

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...