Risotto allo zafferano

Cosa serve:

320 g. di riso carnaroli o arborio 
qualche pistillo di zafferano + 1 bustina di zafferano
brodo di carne di vitellone/manzo q.b.
abbondante parmigiano grattugiato e a scaglie per guarnire
1 cipolla media bianca
50 g. burro
un filo di olio evo
1 bicchiere e 1/2 di vino bianco secco

Far per prima cosa il brodo. 

In una capiente casseruola far sciogliere metà del burro col un filo l'dolio evo, unire la cipolla tritata e, a fuoco basso, farla stufare. (non deve abbrustolire), unire il riso e, sempre mescolando, farlo tostare. 
Unire il vino, alzare la fiamma e farlo evaporare, sempre mescolando.
Abbassare la fiamma che dovrà essere media per tutto il tempo della cottura del riso e unire, pochi mestoli per volta il brodo bollente filtrato dalle impurità (meglio farlo il giorno precedente, poi farlo raffreddare, ed eliminare tutto lo strato di grasso depositato in superficie); occorre mantenerlo sul fuoco al caldo per tutto il tempo della preparazione. Per un buon risotto occorre mescolare quasi continuativamente in modo che i chicchi si separino bene e cuociano uniformemente.

Dopo 10 minuti far sciogliere lo zafferano (pistilli e polvere) in un mestolo di brodo ed unire al risotto. 

Unire poi ancora brodo, sempre poco alla volta, (il risotto deve risultare morbido, non asciutto) e portare a cottura (giusta! non al dente e non scotto). Spegnere ed unire, per mantecare, il restante burro e abbondante formaggio grattugiato (grana padano o parmigiano).

Lasciare dunque riposare qualche minuto (se si vuole servire "in forma" utilizzare un coppapasta e lasciarlo riposare un paio di minuti in più, anche se andrebbe servito all'onda e bello bollente - anche se meno "scenico"), servire volendo guarnendo il piatto con scaglie di altro parmigiano.




Simona

  1. Bel risottino con un bel colore e anche molto gustoso !

    RispondiElimina
  2. In assoluto uno dei miei preferiti!!

    RispondiElimina
  3. sai quanto amo i risotti, questo e' meraviglioso!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  4. Direi un risotto quasi alla milanese manca il midollo. Buono e buona fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti ho accuratamente evitato di nominarlo "alla milanese" altrimenti (giustamente) i milanesi mi avrebbero sbranata viva! e poi appunto l'onda è d'obbligo :-)

      Elimina
    2. E senza quell'indigesta foglia d'oro alla Gualtiero Marchesi di cui non ho mai capito il senso!!

      Elimina
  5. un classico che mette sempre tutti d'accordo!
    baci e buon we
    Alice

    RispondiElimina
  6. E' una vita che non passo da te!!!
    SEmpre in gamba vedo con le tue belle ricette!!

    RispondiElimina
  7. La bontà dei piatti di tradizione che tu hai presentato con grandissima eleganza!!!!

    RispondiElimina
  8. Adoro il risotto allo zafferano, quasi quasi :)
    Un bacione cara!!!

    RispondiElimina
  9. Una bella rivisitazione di un classico che piace sempre, specie a me grande amante di risotti all'onda e no!!!
    Baci

    RispondiElimina
  10. ma va benissimo così anche senza midollo :-))

    RispondiElimina
  11. La foto di questo risotto e superinvitante! Sono le 15.30 e mi hai fatto venire fameeeeeeeeeeeeeeeee :\ :P :P ;D

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!