Frittelline di carnevale all'arancia e uvetta

Queste frittelline, ottime per Carnevale ma vanno benissimo tutto il resto dell'anno, mi riportano indietro nel tempo e precisamente inizio degli anni '80! Ho ritrovato, molti anni fa, (lo conservavo in un mio libro di cucina) un foglietto ingiallito, sgualcito nelle pieghe, con una calligrafia inconfondibilmente da giovane signora di quegli anni. Sì perchè la calligrafia col tempo è cambiata! (anche io sono una ehm.... giovane signora ma non scrivo così!) Eccome se è cambiata! La ricetta in questione era stata scritta di suo pugno dalla mamma di mio marito.

Ricordo ancora quando faceva quelle frittelline, le adagiava su un'alzatina di vetro (ora tanto in voga e ritornata di moda, ma per moltissimi anni bistrattata) e ce le portava in camera dove io e quello che era il mio ragazzo (poi mio marito),passavamo la domenica appiccicati


Sono frittelline semplici e sfiziose, veloci da preparare, piccoline una tira l'altra

Cosa serve:

3 uova intere
50 g. burro 
8 cucchiai di zucchero semolato + q.b. per spolverizzare le frittelline
succo e scorza di 1 arancia naturale bio qualità "vaniglia"
1/2 bustina di lievito vanigliato per dolci
farina q.b.
1 pizzico di sale
50 g. uvetta sultanina
rum bianco q.b.
olio di arachidi per friggere

Lavare l'uvetta in acqua tiepida e poi metterla a macerare (la quantità è a piacere) nel rum (volendo mescolato ad acqua tiepida per avere un sapore più delicato) per mezz'ora ora circa, poi strizzarla.

Se le frittelle le fate per i bambini, ammollate l'uvetta solo nell'acqua.

Sbattere le uova intere in una terrina, aggiungere il burro sciolto a bagno maria o nel microonde (deve essere appena-appena fuso), aggiungere 8 cucchiai di zucchero semolato. Unire poi il succo e la scorza di 1 arancia  unire poi, a pioggia, utilizzando una frusta rigida, la farina quanto basta per ottenere una pastella morbida (tipo quelle per le crèpe).
Aggiungere l'uvetta e per ultimo, la mezza bustina di lievito.

Lasciare riposare la pastella a temperatura ambiente un'oretta in una ciotola coperta da un canovaccio.

Passato il tempo di riposo mettere sul fuoco una padella larga con abbondante olio che deve essere ben caldo ma non fumante. La pastella è delicata, se l'olio fosse troppo caldo le frittelline si brucerebbero subito.

Con l'aiuto di un cucchiaino (se volete frittelle grandi usate un cucchiaio, ma le frittelline sono più graziose) mettete nell'olio gruppetti di pastella e fate friggere, girandole delicatamente non appena coloriscono.


Farle scolare su carta assorbente da cucina e poi passarle nello zucchero semolato.




Simona

  1. La cosa che più mi emoziona è quel vecchio foglio di carta con la ricetta scritta a mano..non sai quanto siano preziose queste cose :-)
    Splendide frittelle..non possono che essere anche golosissime :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me emoziona tanto, ma proprio tanto, soprattutto in questo periodo...

      Elimina
  2. Mmmmmm super golose le tue frittelle! Ciao e buona serata

    RispondiElimina
  3. ADORO I DOLCETTI DI CARNEVALE, SOLO CHE PER QUEST'ANNO NIENTE FRITTO, NON POSSO MANGIARLO!!!!ME L'APPUNTO PER L'ANNO PROSSIMO!!!CHE SACRIFICIO!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  4. Super golose. Facevo anche io con il cucchiaio, ma un pò diverse. Comunque sono tutte buoni, basta non esagerare nel mangiare !

    RispondiElimina
  5. gradisco, gradisco, gradisco molto :-)) il profumo delle arance fa venire meno il senso di colpa

    RispondiElimina
  6. Arancia e uvetta, che coccola golosa queste frittelle, brava Batù!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao,
    anche io adoro questo tipo di frittelline :-)
    Mia zia invece le fa così (salate o dolci):
    http://creativapergiocoeperpassione.blogspot.it/2012/02/sfingi.html
    E anche io adoro trovare le ricette scritte a mano..... fanno tanto sapore di buono!
    Baci,
    Sara

    RispondiElimina
  8. SLURPPPPPPPPP!!!! Ma tu la vedi quella bava che sto perdendo dal bordo della bocca???

    RispondiElimina
  9. Le frittelline devono essere deliziose, ma ancor più bello è stato partecipare a questo tuo ricordo così caro... hai fatto rivivere chi ami, donandoci la possibilità di farne parte ♥♥♥
    Un abbraccio super

    RispondiElimina
  10. Che tenerezza i ricordi...e che tenere golisità queste fritelline!!!

    RispondiElimina
  11. Sembrano quelle che fa la mia mamma!!! O meglio, che faceva quando ero piccina. Che dolci ricordi!!!

    RispondiElimina
  12. Anche io conservo questi foglietti di quaderno piccolo, ora solo quadernoni...meno poetici, con qualche macchia di olio e con tanti ricordi!

    RispondiElimina
  13. Che buone queste frittelle e che bello il ricordo legato a questa ricetta!
    A proposito bel blog, mi sono unita ai tuoi lettori fissi, spero vorrai ricambiare da me. Intanto vado a leggermi qualche altra tua ricetta :)
    My Tester Mania

    RispondiElimina
  14. Che bello vedere la ricette scritte su vecchi fogli, che meraviglia queste frittelle

    RispondiElimina
  15. Che ricetta fantastica e super golosa!!! :-)

    RispondiElimina
  16. sono proprio una tira l'altra, ricordo ricordo eccome quelli anni

    RispondiElimina
  17. Nel tempo in cui il computer era un'utopia, scrivere le ricette sui quadernini era la dimostrazione dell'amore per la cucina e per i propri cari. Conservo anch'io una ricetta simile a queste frittelline super golose.

    RispondiElimina
  18. Che bontà! Ancora fino a martedì qualche fritto ci scappa

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!