Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

Partecipo alla rubrica "al Km 0"

Partecipo alla rubrica "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
domenica 3 giugno 2012
Essì... il bonet classico è quello al cioccolato ed è una squisitezza, uno di quei dolci al cucchiaio piemontesi che piacciono a tutti (o quasi).. beh! per quei pochi ai quali non piacciono gli amaretti, per gli amanti del caffè, per i golosi in generale.. oggi vi propongo un'altra versione. Non è meno buona, anzi..

Attenzione: non è da confondere con la panna cotta al caffè, altro dolce godurioso, perchè, come ben sapete, quest'ultima si prepara con colla di pesce e zero uova, mentre questo è proprio un bonet senza colla di pesce ma ricchissimo di uova, seppur senza amaretti.


E' una ricetta vecchissima ma sempre attuale e spero la gradirete. Aggiungo che il bonet, il suo nome,  deriva da un antico recipiente di cottura: uno stampo in rame.

Cosa serve per otto porzioni:

400 ml. di panna liquida
8 uova
1 bicchiere grande di latte intero
4 tazzine di caffè
14 cucchiai di zucchero


Sbattere le uova con 8 cucchiai di zucchero il tempo di amalgamare bene gli ingredienti
Aggiungere la panna, il caffè raffreddato a temperatura ambiente e mescolare delicatamente 

Accendere il forno a 220°
Fare caramellare il restante zucchero con due cucchiai di acqua a fuoco dolce in un pentolino antiaderente.
NON  girare mai lo zucchero. semplicemente muovete il pentolino finchè si sarà formato un caramello dorato.

Versare il caramello in uno stampo circolare a ciambella (il classico per il bonet) oppure in stampini singoli.
Versare, poi, il composto e fare cuocere in forno caldo a bagnomaria per 30/35 minuti a 220°

Fare raffreddare a temperatura ambiente, poi mettere in frigo 3-4 ore e servire



27 commenti:

  1. nessun pasticcio, anzi, un dolce buonissimo!!

    RispondiElimina
  2. io non l'ho mai assaggiato ma mi ispira molto!!
    Buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  3. Ma che bella idea!!! Bravissima!!

    RispondiElimina
  4. questo è un dolce che non ho mai preparato e che mi incuriosisce molto. Il tuo è bellissimo! Ti faccio i complimenti! a presto, baci!

    RispondiElimina
  5. Il bonet io lo amo, anche quello classico, ma questo è una meravigliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!
    Ma sono io che non vedo , o hai dimenticato di dire quante uova ci vanno???
    Aspetto di sapere se devo andare dall'oculista o se sono solo cotta, hihihihihihih, oggi ho cucinato tutto il giorno.
    Buone we

    RispondiElimina
  6. e da leccarsi i baffi ,complimenti ,baci

    RispondiElimina
  7. questa cosa mi sembra molto interessante!
    grazie a voi per la visita,
    ho trovato da voi molte cose interessanti!
    quando volete ritornare da noi in Umbria sarei felice di conoscervi!
    un bacio
    Marisa

    RispondiElimina
  8. ne ho fatto scorpacciate a più non posso ora che ero in Piemonte, è una bontà infinita. baci!!

    RispondiElimina
  9. wow! buono non l'ho mai provato , mi piacerebbe sicuro ...c'e' il caffe'^_^ ti e' venuto proprio bene bravissima.Un abbracci Maria buona serata

    RispondiElimina
  10. No Carla non sei tu cotta, sono io ad essere fusa.. grazie mille di avermelo fatto notare! Ho aggiunto la quantità. (parecchie eh?bello sostanzioso)

    RispondiElimina
  11. Mai assaggiato..però se si potesse con un mega cucchiaio farei un'incursione!!!E me lo papperei...buona serata babà e bignè

    RispondiElimina
  12. Wow, meno male, credevo proprio di dover andare dall'oculista!!! Le uova in effetti non sono poche, ma dalla foto mi sembra che il dolce non sia piccolino, quindi ne prendo un bel pezzetto, così ci dividiamo la "sostanza"!!! Ciao

    RispondiElimina
  13. Quante nuove ricette!!!
    E... quante uova... Devo sempre fare la spesa, così!
    Ciao Batù, sei troppo brava... :)

    RispondiElimina
  14. Non l'ho mai mangiato ma deve essere buonissimo! Grazie per gli auguri, Laura

    RispondiElimina
  15. Veramente lo preferisco al caffè!! Ma complimenti è stupendo!! Bravissima e buona domenica I cuochi di Lucullo

    RispondiElimina
  16. Buono ma sai che non ho ancora provato a farlo? devo sbrigarmi:-9 bacioni

    RispondiElimina
  17. ciao grazie per aver partecipato. Deve essere veramente delizioso!!
    In bocca al lupo!!

    RispondiElimina
  18. Ciao cara! La ricetta è perfetta per il mio contest, bravissima! un bacio!

    RispondiElimina
  19. ciaooooo, come stai? finalmente risco a passare e lasciarti un messaggino :) questo dolce è buonissimo!! a presto, Valentina

    RispondiElimina
  20. non ho mai mangiato il bonet... mi sa che è una cosa molto buona!! questo al caffè poi mi ispira molto! sono una caffeinomane!

    RispondiElimina
  21. Mi scuso per la mia ignoranza ma io non conoscevo questo meraviglioso dolce, il bonet!! :-)
    Sicuramente, comunque, la tua versione mi piace di più perchè una delle poche cose che non amo sono proprio gli amaretti!! :-)
    Ma sai che sono proprio curiosa di assaggiarlo??!!!

    RispondiElimina
  22. questo me l'ero perso!! (sto recuperando un po' di cose che mi son persa- per motivi di lavoro e salute- in questi mesi sui vari blog eheheh!) però ti devo tirare le orecchie!!!
    Tolti gli amaretti, tolto il cacao... non chiamarlo più bonet!! Questo è un ottimo flan! ;-)

    RispondiElimina
  23. io ormai ho rinunciato ad andare a leggere gli altri blog come potevo fare prima, e ci pensavo proprio un po' di tempo fa che non ti avevo più "vista" mah .. che periodaccio, almeno per quanto mi riguarda, spero la situazione cambi.
    per quel che riguarda il bonet... Norma che vuoi che ti dica? c'è chi fa la bagna senza aglio e la chiama bagna lo stesso ad esempio, (vattelapesca chi se ne importa, a me non ne frega un piffero) a casa mia, in famiglia d'origine intendo, si è sempre chiamato bonet anche questa verisone, seppur senza amaretti ed io riporto fedelmente :-)

    RispondiElimina
  24. non avevo visto la risposta, scusa..
    quando uno utilizza il nome di una ricetta tipica tradizionale per poi illustrarne un'altra, dà cmq un'informazione errata a chi gugolando cerca la tradizione il più possibile corretta... e non è giusto il tuo "non me ne frega" e i vattelapesca vari, perché parlando di tradizione si può parlare di varianti famigliari, o geografiche, ma alcuni punti fermi restano punti fermi, altrimenti non sarebbe neppure più possibile parlare di ricette tipiche tradizionali.
    E' solo questione di rpecisione, e di fare informazione corretta con un blog, senza dare l'impressione appunto, del chi se ne frega e vattelapesca style.
    Poi tu puoi anche pensare che passo qui solo per criticare... (almeno io, tra una difficoltà e l'altra, passo)... ma non è così. I miei consigli sui contenuti ti interessavano, ora non più, pazienza... la gratitudine e il risetto per me sono ormai un optional.. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda che anch'io passavo da te ma visto che mi ignoravi.. ho smesso, com'è lecito che sia. I rapporti per me devono essere paritari, ho quasi 50 anni come sai.... tu dai una cosa a me, io ne do una a te. Io ti do un consiglio, tu lo dai a me.
      Per quanto riguarda le ricette ognuno la pensa come vuole. Rispetto il tuo punto di vista e tu rispetta il mio che è meno integralista, meno severo. Non sono nemmeno anarchica ma in questo caso un bel "vivi e lascia vivere" ritengo sia la cosa migliore, almeno per quel che mi riguarda, questa è la politica del mio blog. Detto questo .. "amiche" come prima. Detesto ogni forma di polemica e aggressività inutile, malumori senza significato alcuno, per carattere se mi incazzo lo faccio per bene, molto molto bene e con un motivo valido. Non è questo il caso di sprecare tempo ed energia, infatti la chiudo qui.

      Elimina
  25. da mesi ignoro quasi tutti, il mio blog compreso, l'ho anche scritto, che ho alcuni motivi per non trovare il tempo (e a volte le energie) per fare visita.
    Però coloro che han creduto comunque in un rapporto di amicizia mi hanno cercata via mail, o su facebook chi ce l'ha. Se a te non è venuto nemmeno in mente che potessi essere assente per dei motivi seri, allora hai fatto bene a mettere "amiche" tra virgolette.
    Sul "paritario" se intendi il ricambiare puntualmente il complimentino all'ultima ricetta o addirittura andare a farlo sperando nei ritorni allora non hai mai capito granché di come sono, perché non è mai stata la mia politica. Sono diversa dalla "foodblogger" tipo, e sono orgogliosa della mia diversità, anche se mi rendo conto che non è capita dalla gran parte. No, non incazzarti con me, non ne vale davvero la pena. Ciao :-)

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...