Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
sabato 25 giugno 2016
I biscotti savoiardi sono un must in pasticceria in Piemonte e sono una vera golosità da mangiare da soli o accompagnati da un buon caffè o un ottimo the, e costituiscono la base di tantissimi dessert al cucchiaio, io credo ci sia un abisso tra quelli freschi artigianali, e quelli dell'industria, secchi. Non c'è davvero paragone. 

Cosa serve: (n.b. non ho citato due volte lo zucchero per sbaglio, ma è voluto :-))

150 g. tuorli (6 medi)
75 g. zucchero semolato
225 g. albumi (8 medi)
90 g. zucchero semolato
la polpa di una bacca di vaniglia
90 g. farina 00
75 g. fecola di patate

Poi serve:

zucchero semolato q.b. (io ho usato lo zucchero a velo)



Preriscaldare il forno a 210° ventilato. Deve essere ben caldo al momento di infornare.

Usare uova a temperatura ambiente.

Montare gli albumi con i 90 g. di zucchero (io ho aggiunto un pizzico di sale). Aggiungo che credo di averli montati troppo, erano a neve fermissima, la prossima volta li monto sì a neve ma non fino ad ottenere un composto solido da tagliare col coltello ancora un po'.. poichè poi in cottura non cresce più, infatti ho ottenuto savoiardi buoni da cappottarsi (da mangiarne uno dopo l'altro come Poldo fa con i sandwich) ma bassi.


Mettere la massa montata degli albumi in una grande ciotola e tenere da parte. Montare i tuorli con i 75 g. di zucchero e la polpa della vaniglia fino ad ottenere un composto biancastro e schiumoso.

Setacciare la farina con la fecola.

Mescolare gli albumi al composto di tuorli delicatamente, con un movimento dal basso all'alto. Unire, a pioggia e in tre o quattro trance, (quini non tutta in una volta) farina e fecola. Mescolare sempre dal basso verso l'altro giusto il tempo di far incorporare le polveri, non mescolare a lungo per non smontare il composto.


In una sac-a-poche inserire il composto, mettere o la punta liscia di diametro 12, oppure come ho fatto io, semplicemente tagliare la punta al sacchetto usa e getta.
Poi: Knam la fa facile.. lui prepara strisce di savoiardi e plaf ...le gira velocemente su una placca contenente zucchero semolato, con un movimento rapidissimo li rigira e i biscotti, come d'incanto, si ritrovano con lo zucchero in superficie, il giusto: nè troppo, nè troppo poco. Ok! L'ho fatto.. mi si sono spiattellati e spiaccicati ben bene..... (avete visto, tempo fa, la puntata di Bake Off Junior dove ragazzini di dieci-dodici anni fanno .... quest'operazione? .. mmmm io qualche dubbio ce l'ho. Tutti piccoli fenomeni? nessuno che lontano dalle telecamere li aiuta? Maddai!!!!

Comunque.. ho recuperato l'impasto, rimescolato e rimesso nella sac-a-poche, rifatto i bastoncini lunghi circa 8-10 cm. larghi circa 1 - 1,5 e poi ho spolverizzato con zucchero a velo, che mi piace anche di più.


La ricetta di Knam prevede 5 minuti di cottura a 210° ventilato. (credo, non lo specifica) Io penso che i pasticceri professionisti abbiano forni ovviamente diversi, ma credo sia diversa anche la temperatura.


A me ce ne son voluti 7-8 minuti e, in tutta onestà, la prossima volta li lascio ancora un minutino.
Si sporca tutta la cucina, non sono così veloci nè facili da farli bene ma.. ne vale la pena sono veramente buonissimi, a mio avviso, a mio gusto ... un pochino di zucchero in meno. Proverò altre versioni di altri pasticceri in futuro e vi dirò la mia.



35 commenti:

  1. Sai che ho sempre voluto provare a farli in casa??? mi segno la ricetta e alla prima occasione non me li lascio sfuggire :-)
    Grazie Simo e felice serata <3

    RispondiElimina
  2. Simo che belli e immagino quanto siano buoni!!
    Devo prenotarmi un paio d'ore con me stessa per avere il tempo di farli... son sicura piaceranno a tutti!! Bravissima......
    ps. ti ho risposto nel mio blog :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. arrivo Grace... aspetta che col cellulare la connessione è lentina..

      Elimina
  3. Sai che anche da noi sono un classico, i così detti "pistokkus"..quanti ne avrò mangiato...e ancora ne mangio, da soli o per fare la zuppa iglese ed il tiramisù...
    Buon fine settimana!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente! li conosco benissimo li compro praticamente sempre, devo trovare una ricetta affidabile per provare a farli, anzi ti dirò.. sono meno ricchi di uova quelli sardi per cui più leggeri, io li ho usati nel mio tiramisù alla frutta guarda qui... http://www.batuffolando-ricette.com/2011/09/tiramisu-alla-frutta.html prendendo spunto da un tiramisù mangiato pochi anni fa proprio in sardegna :-) durante una vacanza bellissima che abbiamo fatto io e mio marito

      Elimina
  4. Bellissimi e perfetti complimenti!

    RispondiElimina
  5. Io li compro già fatti per il tiramisù. Ma come dici tu preparati in casa è un'altra cosa, complimenti perchè devono essere buonissimi. Buona domenica Fabiola

    RispondiElimina
  6. Che delizia Simona, io non ci provo neanche a farli in casa, mi accontento di godermi i tuoi.
    Bravissima!!
    Felice domenica.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma figurati un po'.. se ci riesco io ci riesci anche tu che sei bravissima :-) bacioni cara Marina

      Elimina
    2. Non è proprio così semplice, ma ti ringrazio per la fiducia :D
      Un bacione.

      Elimina
  7. Ciao ti farò sorridere....se è una cosa che non farò ne mangerò mai sono i Savoiardi. Mi chiamo Savoia e da quando sono andata a scuola mi hanno sempre presa in giro chiamandomi savoiardo quindi li odio :D :D
    Ciaoooo buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannò povera Edvige dai... sfida la perfidia dei bambini (e poi dicono l'innocenza.. ma col cavolo.. il periodo scolastico, soprattutto elementari e medie è quello più difficile) e per riscatto mangiati degli ottimi savoiardi di pasticceria dai.. guarda, peccato non ce ne siano più, altrimenti te ne spedivo un pò :-)

      Elimina
  8. Adoro i savoiardi ma non mi sono mai cimentata nella loro realizzazione.. I tuoi, realizzati con tutte le accortezze necessarie per ottenere un risultato perfetto, immagino siano senza ombra di dubbio buonissimi e adatti a qualsiasi momento della giornata..quando il tempo rinfrescherà (vale adire verso Novembre se tutto va bene!)li devo provare assolutamente, grazie infinite per la bellissima ricetta Simona:)).
    Un bacione e buona domenica:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si infatti ora accendere il forno è da pazzi scatenati, hai ragione :-)

      Elimina
  9. Ciao Simo! Sai che non ho mai provato a fare i savoiardi? Fatti in casa devono essere tutta un'altra cosa e i tuoi sembrano deliziosi! Mi segno la ricetta, grazie!! Buona domenica e buon inizio settimana ^_^
    Sy

    RispondiElimina
  10. ciao Simona, grazie di essere passata, e grazie per i savoiardi, devono essere una nuvola! Ci sono anche io fra i tuoi amici ora....un caro saluto.
    Giuliana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Gliuliana, che piacere averti qui! accomodati, spero sarai a tuo agio, un caro saluto a te

      Elimina
  11. Veramente buoni, Simo, è vero che non c'è paragone a farli in casa! Un bacione a presto (e sul cazzeggio hai ragione, stiamo procedendo alla grande e certo che si può dire...)

    RispondiElimina
  12. Ciao Simo...che meraviglia i tuoi savoiardi...li rifaccio subito, è la ricetta giusta, con te so di non sbagliare, sono proprio bellissimi...un bacio!

    RispondiElimina
  13. la ricetta di Knam è perfetta e tu bravissima ad ingolosirci !

    RispondiElimina
  14. Ma che brava, devono essere buonissimi!!!!

    RispondiElimina
  15. Che brava Simo...e che pazienza! Non so se potrei fare altrettanto, anche perchè ultimamente sono diventata molto pigra in cucina.
    I tuoi savoiardi casalinghi hanno un aspetto golosissimo: ti credo sulla parola quando dici che a mangiarli c'è da cappottarsi!

    RispondiElimina
  16. bellissimi e buonissimi!!! e neanche tanto facili...ma tu sei proprio bravissima!!! un bacione!!

    RispondiElimina
  17. Sei stata bravissima nonostante gli spiaccicamenti...e sai dopo tutti i tuoi consigli credo proprio che ci proverò anch'io, i tuoi savoiardi sono molto invitanti...!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio vero il detto: "sbagliando s'impara" :-)))

      Elimina
  18. Non sarei mai capace, ricetta fantastica e cuoca sopraffina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si che saresti capace.. grazie per il complimento sto gongolando :-)

      Elimina
  19. Sei bravissima! Io non li ho mai fatti! Ps sta volta hai dato un titolo cortissimo dai... :-) :-) :-) In compenso il titolone l'ho fatto io! Ahahahahah grazie cara, mi hai fatto ridere!
    Un bacione!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tra me e te a titoli.. ce la giochiamo bene eh! aahhaahah

      Elimina
  20. Ci abituiamo talmente tanto a quelli industriali che poi quando si provano quelli artigianali veramente si scopre che a volte sono molto diversi, ma esageratamente meglio :-)

    Fabio

    RispondiElimina
  21. Perfetti cara Simona proverò anch'io. Grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
  22. Che brava che sei stata, io non li ho mai fatti in casa, ma c'è sempre la prima volta. Sicuramente un giorno li proverò anche io !

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a a trovarmi!
E grazie per i tuoi commenti che mi aiuteranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog, o profilo pubblico non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Visite

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Lettori fissi

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...