Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
lunedì 8 maggio 2017
Questa è una delle tante ricette lasciate nel dimenticatoio in archivio, ancora da pubblicare; vuoi perchè magari non mi piacevano le foto, vuoi perchè in quel dato momento avevo altro da pubblicare, mah. Ogni tanto le vado a ripescare, d'altronde se le ho conservate sono senza dubbio degne di nota.

La ricetta ricordo d'averla presa su una enciclopedia (da museo) che avevo, quattro o cinque lustri fa, sgraffignato a mia nonna (in un rarissimo momento di pulizie di "primavera") e che poi i miei figli, anni dopo,  hanno fatto rilegare in tre giganteschi volumi e me ne hanno fatto dono. Stranamente mia nonna aveva acconsentito al maltolto. Lei era una donna dura, fredda, gelosa delle sue cose e poco generosa, quindi dal momento in cui aveva concesso che io mi appropriassi della sua raccolta per me preziosa (durata anni ed anni di uscite in opuscoli in edicola negli anni '70-'80) a cura del famoso (all'epoca) chef Luigi Carnacina.. beh.. ho preso il malloppo e di corsa sono uscita da casa sua. Ricordo che poi, pentita, me l' avesse chiesti indietro.... si.. col cavolo! Un regalo  è un regalo!

In ogni caso non so se davvero in Ticino si cucina il coniglio in questo modo...aspetto qualche ticinese che venga a confortarmi o a disilludermi :-) in ogni caso, naturalmente, declino ogni responsabilità!

Cosa serve per due persone:

1/2 coniglio tagliato a pezzi non troppo piccoli, sgrassato, lavato ed asciugato
olio evo q.b.
1 grande scalogno
1 ciuffo di salvia, 1 rametto di timo, qualche foglia di basilico, 1 foglia di alloro
2 bacche di ginepro
sale e pepe q.b.
1/4 di bicchiere di vino bianco secco
1/4 di bicchiere di marsala secco
3 pomodori san marzano
poca acqua

In una casseruola dal fondo spesso fare insaporire lo scalogno affettato in poco olio evo, unire coniglio ed aromi, salare e pepare, rosolare in ogni parte.
Intanto in una pentolina con acqua in ebollizione, tuffare i pomodori per due minuti, scolarli e sbucciarli.
Unire il vino ed il marsala al coniglio e fare evaporare, aggiungere i pomodori tagliati a pezzettoni, regolare di sale, aggiungere un mestolino d'acqua, mettere il coperchio e portare a cottura a fuoco dolce. In tutto calcolare un'oretta.



27 commenti:

  1. Cara Simona, mi pare che questo piatto stuzzichi veramente l'appetito!!!
    Ciao e buona settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Sei bravissima!!!! Bellissima anche questa ricetta

    RispondiElimina
  3. Preparo spesso il coniglio, lo preferisco alla carne rossa!Mi piace questa tua versione con il marsala, sembra sugoso e sicuramente profumato! Buona serata, baci!

    RispondiElimina
  4. Carissima Simona ho presente il genere di cui parli perché mia madre ha a casa tante opere simili risalenti allo stesso periodo!Pensa, addirittura un'enciclopedia denominata'I mille menù 'datata 1973 in tre grossissimi volumi e con un numero enorme di ricette suddivise all'interno di menù specifici per ogni occasione!Nel leggerle vedo comunque un modo di cucinare,di utilizzare condimenti e tipi di grassi assai lontano dalle ricette di oggi proposte da riviste,tv e dallo stesso web..del resto ai tempi si ignorava che certi ingredienti non erano salubri e l'impostazione era davvero differente!Questi tre volumi sono ancora presenti nel mobile sotto il televisore e mi piace anche sfogliarli quando capita di andare a trovare i miei perché si parla non solo di ricette ma di curiosità gastronomiche,occasioni in cui ai tempi si organizzava un pranzo a casa con gli ospiti(ora non più in uso)..si percepisce tanta spensieratezza e non vi sono le paranoie legate a mode alimentari e al timore che'questo fa male...'certo,e' indubbio che vi fosse una certa dose di incoscienza ma penso che in ogni caso il danno si ha quando vi e' abuso e consumo sistematico di certi ingredienti,non certo se questo e' saltuario!:).
    Scusa per la parentesi,spero di non avere annoiata!:).
    La ricetta che proponi e' davvero ottima:io adoro il coniglio e sono solita consumarlo in tanti modi soprattutto in preparazioni che prevedono la cottura con l'aggiunta di liquidi e quindi in umido!:).
    La tua ricetta,con il Marsala,il vino bianco e tutti quegli aromi dev'essere senza ombra di dubbio buonissima e molto profumata,ne terrò senz'altro conto,grazie mille per averla condivisa!;).
    Un bacione e buona settimana:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione, è questione di abuso, ora l'onda di pensiero volge diametralmente all'oppsto, generando altri tipi di problemi, occorrerebbe buon senso. Tutto qui. Un carissimo saluto a te cara 😘

      Elimina
  5. Molto appetitoso cucinato in questo modo :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. Ciao Simo, mia nonna lo chiamava semplicemente coniglio in umido e io lo adoro ancora oggi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😁 adoro la semplicità nei nomi dei piatti!

      Elimina
  7. Un coniglio molto saporito, ti copio la ricetta.

    RispondiElimina
  8. Ticinese o no deve essere comunque molto buono!
    Ormai la raccolta è tua e c'è poco da fare :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sicuro anche perché sono passati tanti anni e mia nonna ormai non
      C'è più da molto 😉

      Elimina
  9. Mi pare di vederti scappare da casa di nonna con il tuo preziosissimo regalo! Ha ragione Rosy comunque, i nostri nonni stavano bene perché erano i cibi della festa e non di tutti i giorni. E comunque 'sto coniglio deve essere proprio buono!!! Bacioni a presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però anche alla ligure ...😋 Che buono ... a presto!!!

      Elimina
  10. Mi sa che non mangio più coniglio da quando ho Sophie a casa...che è una coniglietta nana! e cioè ormai ben 8 anni! però lo dico a bassa voce così lei non mi sente...il coniglio a me piace! ahahah!! bella ricetta!

    RispondiElimina
  11. Mi sembra ottimo preparato in questo modo, bel piatto, complimenti!

    RispondiElimina
  12. Diciamo che allora si tratta di una ricetta vintage!!!!
    Però mica male,deve essere deliziosa!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'altronde anche io lo sono 😁 (Vintage)

      Elimina
  13. Ingredienti ben accoppiati, brava.
    Mandi

    RispondiElimina
  14. Che piattino prelibato cara Simo :) Le tue manine d'oro creano sempre ricette perfette!

    RispondiElimina
  15. Ho proprio un coniglio in freezer che aspetta di essere cucinato ! Grazie della ricetta !!!

    RispondiElimina
  16. Buono, buonissimo!!! Simo, la prossima volta chiama prima, che faccio da prova assaggio a nome di tutti :P

    RispondiElimina
  17. Non so sei sia ticinese ma è interessante con una bella foto un piatto molto invitante

    RispondiElimina
  18. è raro trovare delle buone ricette con il coniglio, carne chissà perchè quasi ignorata...Grazie , la segno subito !

    RispondiElimina
  19. Sino nel cantone ticino solo da qualche anno ma non ho mai mangiato il coniglio fatto cosi non l'ho mai visto nemmeno fare a dire il vero, molte ricette copiano ricette italiane, mi hanno detto che che si è persa negli anni la tradizione culinaria, si va più a mangiare fuori che a casa, magari una volta si faceva ora forse non più. Quando si pensa alla cucina tradizionale si pensa alla polenta con formaggio e alle ricette di patate.
    Ciò non toglie che sia una buona ricetta realizzata molto bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confesso che aspettavo il tuo commento 😉 MAh chi lo sa Günther, magari è una vecchia ricetta o magari Carnacina, come tutti gli chef dell'epoca, replicavano qui un piatto gustato altrove a loro discrezione; d'altronde non c'erano mezzi per noi di verificare. Comunque chi se ne frega era buono 🤣

      Elimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...