Lettori fissi

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine
Powered by Calendar Labs

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Condividi

Commenti Recenti

Post Casuali

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
giovedì 22 febbraio 2018
Oggi per la rubrica " al Km 0" cuciniamo mettendo le mani nei sacchi di farina, ebbene sì... il mio regno :-) perché parliamo di farine del proprio territorio. Chi mi segue e mi conosce sa quanto io sia appassionata di farine, soprattutto quelle biologiche macinate a pietra, a chilometro zero, ma amo provare tutte le farine, anche quelle che arrivano da altre regioni e da altri Paesi. Mi piace toccare con mano altri prodotti, in generale, non solo le farine.  Lo dico spesso: mi annoio a morte usare e mangiare sempre gli stessi alimenti, magari cucinati nello stesso modo, quindi anche lo stesso pane e magari con lo stesso formato, eppure conosco persone che tutta la vita mangiano le stesse cose, io mi scoccerei  che barba!  Sono curiosa e mi piace impastare farine diverse, e vi assicuro: sono diverse l'una dall'altra! E lo dimostro con le mie ricette di pani diversi l'uno dall'altro.
Oggi però, rispettando il senso della rubrica, ho dedicato la mia ricetta a tuttotondo al Piemonte, ho pensato di fare una doppietta, ovvero ho preparato pane regionale, cioè le stiratine con il lievito madre (che sono simili alle biove, la ricetta la trovate cliccando qui) ed ho utilizzato una farina tipo 1 macinata a pietra (inutile fotografarla, è confezionata in un sacchetto anonimo bianco, l'ho già fatta vedere altre volte, in altri post) che proviene dal consorzio. Come sempre vi offro il passo-passo della ricetta sperando di fare cosa gradita. Questo è un pane allungato, croccante fuori ma con una mollica soffice internamente, non si taglia a fette col coltello ma si spezza rigorosamente con le mani (a meno che dobbiate farcirlo a panino, allora è consentito :-)) 

Cosa serve:
60 g. lievito madre già rinfrescato
250 g. farina bio tipo 1 piemontese macinata a pietra W 280
180 g. acqua a t. ambiente
1 cucchiaino raso di sale fino marino integrale
1 cucchiaino di malto d'orzo bio in polvere
1 cucchiaio olio evo grezzo
(orari indicativi: quelli che ho usato io)

Ore 10,00
Rinfrescare il lievito madre e prelevarne l'occorrente indicato nella ricetta, metterlo in una ciotolina, coprirlo con pellicola e tenerlo a temperatura ambiente,  l'altro metterlo in frigo per la successiva panificazione (in un barattolo a chiusura ermetica)

Ore 18,30
Mettere nella ciotola della planetaria la farina e metà dell'acqua, dare qualche giro e lasciare riposare per 30 minuti coperto. Poi unire il lievito madre a pezzi, il malto e l'olio, iniziare ad amalgamare con il gancio velocità 1. (Se si fa a mano idem in una ciotola capiente usando, naturalmente, le mani) unire poco la restante acqua (aumentando un po’ la velocità)  a temperatura ambiente, unire il sale.
Formare una palla e mettere a lievitare in una ciotola unta in luogo tiepido (forno spento con luce accesa o avvolgere la ciotola con una copertina se è inverno) per 12-14 ore.


La mattina successiva:
Riprendere l’impasto, dare una serie di pieghe per dare forza alla lievitazione in cottura, stendere la pasta con il mattarello e arrotolarla, formando un filone, coprirlo con pellicola e lasciare riposare per mezz'ora. Riprendere l'impasto e formare poi le pezzature, tagliare con una raschia/tarocco 4 pezzi.

 

 

Con il palmo della mano schiacciare leggermente le pezzature, nella parte centrale del taglio, una alla volta, poi  mettere le pagnotte una vicino all’altra divise da un canovaccio infarinato abbondantemente, (mettere dei pesi – pacchi di farina o zucchero - in modo che si mantengano schiacciati e crescano in altezza e non in larghezza) far lievitare due-tre ore ben coperti da pellicola o dal canovaccio.

 
Riprendere le pezzature e, con un tarocco, tagliarle a metà per il lungo, poi voltarle, cospargere con farina fine (va bene quella rimacinata di grano duro)  ed incidere con una lama affilata nel centro della pagnotta e fare “puntare” cioè riposare ancora una ventina di minuti le stiratine, coperte bene da un panno.
Lasciare riposare ancora una ventina di minuti le stiratine, coperte bene da un panno.

 


 

Preriscaldare il forno a 220° e cuocere 30 minuti, poi abbassare a 150°, aprire il forno a fessura e lasciare ancora le stiratine per 5 minuti, poi togliere dal forno e fare raffreddare su una gratella.


 

Se replichi la mia ricetta, per cortesia, inserisci il link di provenienza al mio sito, grazie!

48 commenti:

  1. Ma che deliziose che sono!!!!! Simo, complimenti davvero!!!!
    Il tuo passo passo è perfetto, ma nonostante ciò, non riuscirei proprio ad ottenere questi risultati!!
    Però proverò, promesso ^_*
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che ci riusciresti 😂 certo... impastare insieme sarebbe davvero bello! Bacioni a te e buona giornata Sabri! 💖

      Elimina
  2. Cara Simona, questo pane, non lo conosco, ma della foto credo sia buono.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso devi venire in Piemonte e vedrai quanti tipi di pane piccolo abbiamo! È più sfizioso del pane grosso vero? Magari con qualche fetta di nuovo salame dentro 😋

      Elimina
  3. Sono bellissimi questi panini, Simo, sei proprio a fare il pane. Io sono un po' negata, ma ci compensiamo benissimo. Se ti trasferissi dalle mie parti sarebbe il top....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok io faccio il pane tu focacce e torte salate 🙌 bacioni

      Elimina
  4. questi pani con la mollica soffice ed elastica e la crosta scrocchiarella sono una bontà, mannaggia perchè non ho mai tempo di panificare.
    Grazie per la spiega dettagliata, saluti golosi, il cat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao!!! Eh si, il tempo per panificare è davvero prezioso perché me occorre tanto per sfornare un prodotto digeribile e ben lievitato 😉 buona serata!

      Elimina
  5. Che bei panini complimenti:)
    In questo periodo mi dedico ai primi piatti e pizze che sono la mia specialità:) buona giornata

    RispondiElimina
  6. Simo lo devo proprio dire...con la farina sei una vera maestra!!!!
    Bravissima come sempre, le tue panificazioni sono davvero particolari e fatte a regola d'arte!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma che complimentone! Ti ringrazio di cuore Cara Gwendy! Per le spiegazioni beh ci provo, spero siano utili 😘

      Elimina
  7. Sai che io ammiro chi panifica e mangerei volentieri se fossi vicina ma... non mi resta che augurarti una buona giornata un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pane è proprio un alimento che avvicina vero? Buona serata a te Edvige 🤗

      Elimina
  8. Stupendi panini Simona sei veramente bravissima,anch'io me ne mangerei uno anche senza niente dentro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io 😭... che barba diversi limitare, buona serata Dani 😘

      Elimina
  9. Dai sii sincera e dicci la verità...Lavori in una panetteria! Sei troppo brava, ogni volta in cui vedo il pane che fai penso che sembra sia uscito da un forno :) Bravissima Simona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😂😁 bellissimo complimento Luna, grazie 😘. Ti rispondo: purtroppo no. Lo rivendevo moltissimi anni fa, già appassionata allora. Ma insomma... farlo e rivenderlo è tutt’altra cosa, come dire... progettare un’auto e rivenderla 🙈 però è stata un’esperienza molto utile, toccare con mano, da curiosi poi... serve. Facevo sire tante domande e ricordo ancora le risposte 😉

      Elimina
  10. Ma che bel lavoro che hai fatto, l'ultima foto la dice tutta.C'è voglia di addentare qualcuno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu le nostre stiratine le conosci 🙌 bacioni Claudia

      Elimina
  11. Sempre più brava, foto, spiegazioni passo e passo e il risultato davvero invidiabile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe perdonabile un salame o della bella pancetta coppata da abbinare vero? (Volevo dire anche qualche fetta di lardo di Arnard ma non ho osato ...😄)

      Elimina
  12. Questi panini sono spettacolariiiiii!!!! che forma deliziosa, non avevo mai visto dei panini fatti così. Concordo, queste vanno spezzate rigorosamente a mano ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non saprei dirti se preferisco il pane piccolo o quello grande da affettare. Sembra strano ma dipende dall’umore e da cosa c’è come companatico 🤗 grazie Eleniccia e buona giornata!

      Elimina
  13. Anche da te con i lievitati non si scherza....che meraviglia e cosa c'è di più bello che rompere e mangiare del buon pane con le mani!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero! È un gesto atavico che ha il sapore di famiglia, di tavolate e condivisione 😉

      Elimina
  14. Sei veramente super....fantastiche queste stiratine...caspiterina...su un punteggio da 1 a 10 ti meriti 11...brava, brava, brava!! Baci!

    RispondiElimina
  15. E io adesso cosa scelgo? Pensavo di andare dalla Consu a mangiare pane e olio e poi vengo qua e mi vengono gli occhi a cuoricino.....senti mi fermo e tu rubo una stiratina e la mangio con il salume :)
    Che pane stupendo.....
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😄 Visto che brave? Diamo anche la scelta: pane grande o pane piccolo 💪 serviti pure Dani

      Elimina
  16. Ciao Simona come te sono curiosa e mi piace sperimentare e mangiare cose diverse. Magari utilizzo la stessa ricetta del pane, ma cambio le farine e la forma a sentimento :). Non conosco questo tipo di pane regionale ma anche se non ho la pasta madre mi sembra interessante da provare ;). Grazie per il tuo bel commento ;). Buona serata baci Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Luisa puoi assolutamente farlo con il lievito di birra. Anzi ti dirò ... il pane piccolo è più facile da fare col lievito compresso, ha anche una resa migliore. Se guardi la ricetta delle biove puoi Farti un’idea e prendere spunti. 😉

      Elimina
  17. Che dire, splendidi panini . Sarò anche ripetitiva, ma ti ammiro da morire . Un abbraccio cara simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io gongolo se sei ripetitiva 😁 grazie mille Lisa 💖

      Elimina
  18. realizzare a casa dei pani cos belli è davvero un atto d'amore!! bravissima mia cara!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: ci vuole tanta passione e amore 😘

      Elimina
  19. Sono veramente perfette queste stiratine, sei bravissima e spieghi anche molto bene i vari step per realizzare questi pani meravigliosi. Bacioni e buon weekend.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che qualcuno replichi e mi dia soddisfazione 😁😘

      Elimina
  20. Cavolo che belli, e anche buoni direi! Ritorna a trovarmi, i commenti ci fanno tanto piacere!

    RispondiElimina
  21. che profumo,è arrivato fin qui,brava,uno è mio con salame e verdurine,buon we

    RispondiElimina
  22. Il tuo cestino di stirate è davvero invitante! Bravissima Simo e grazie x avermi fatto conoscere questo formato di pane tipico della tua regione :-)
    Felice we <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se riuscirò per la rubrica ma mi piacerebbe farne altri formati regionali, peccato non poterli fare assaggiare 🤗😉 buon w.e. A voi!

      Elimina
  23. c'è sempre qualcosa di buono qui da te ! Guardo ed ammiro la tua bravura, complimenti ! Un bacione cara Simona, passa un sereno we, qui è gelido....

    RispondiElimina
  24. Ma che bella ricetta!!!!la salvo che la voglio provare..baci e buon lunedì :-*

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio, semifreddi, gelati

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...