Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
lunedì 14 ottobre 2013
Ormai chi mi segue sa che a casa mia si sfiora il fanatismo e la dipendenza da orto :-) infatti nella foto vedete le manone di mio marito ...eh sì! L'ho messo "sotto" a svuotare i peperoncini piccanti. Sì li ho contati...

Cosa serve per 120 peperoncini che corrispondono a circa Kg. 2,300/2,500

* = nota bene

n. 120 peperoncini piccanti tondi rossi 
1 lt.* vino bianco secco 
1 lt.* aceto di vino bianco bianco o di mele
4 scatolette di tonno sott'olio da 160 gr. l'una
200 gr. acciughe sotto sale (peso lordo - acciughe da pulire)
4 cucchiai di capperini di Pantelleria sotto sale
16 olive verdi denocciolate
alcuni rametti di prezzemolo fresco
2 lt. circa o comunque q.b. di olio evo dolce 
sale grosso q.b.

* si può dimezzare la quantità di aceto e di mele facendo cuocere i peperoncini in più riprese

Lavare i peperoncini, eliminare il picciuolo, togliere con molta delicatezza (con un coltello dalla punta arrotondata per non rischiare di bucare i peperoncini) la parte bianca interna e i semi.



Portare a bollore il vino con l'aceto e 1 cucchiaio circa di sale grosso (se si è dimezzato il liquido dimezzare anche il sale). Quando bolle unire i peperoncini e cuocerli solo 1 minuto. Scolarli con la schiumarola. Ripetere nel caso si sia usato metà vino/aceto.

Metterli capovolti su una grata a sua volta su un vassoio per raccogliere eventuale liquido e farli asciugare come minimo per 2 ore. Devono risultare asciutti.



Nel frattempo preparare il ripieno:

Dissalare le acciughe, dissalare i capperini e mettere il tutto in un robot da cucina, unire gli altri ingredienti (tranne l'olio) e tritare non molto finemente. Coprire con pellicola e mettere in frigo a prendere sapore.



Quando i peperoncini sono asciutti, riprendere la farcia e riempirli con le mani avendo l'accortezza di non riempirli troppo e di usare guanti di lattice. Sistemarli riempiti nei vasetti prescelti (consiglio la pezzatura da 250 g. o 400 g. o 500 g. non di più, non di meno), occorre cercare di lasciar meno spazio possibile ma non bisogna nemmeno pressarli, quindi usare molta pazienza e delicatezza.

Coprirli con l'olio fino a 1 cm. dal bordo (i peperoncini devono essere immersi nell'olio completamente). Coprire con un canovaccio da cucina per 5-6 ore (anche tutta la notte) rabboccare con l'olio se è sceso il livello e chiudere ermeticamente con capsule nuove.

Mettere i vasetti in una grande e capiente pentola (il livello dell'acqua deve coprire i vasetti di tre dita) e far sterilizzare facendo bollire per 25/30 minuti dal bollore (proprio da quando si vedono bolle grosse non calcolare il tempo prima!). Far raffreddare i vasetti nell'acqua. Si sentirà ogni tanto il rumore della capsula che fa "tac" molto bene! Significa che si è attivato il sottovuoto.

Etichettare i vasetti con scritta del contenuto e la data e mettere in cantina al fresco per conservarli. Attendere almeno un mese prima di consumare.



Ho avuto l'onore, con questa ricetta, di essere ospite sulla Rivista Mensile Alice Cucina del mese di Agosto 2015.
Grazie alle redazione!!!





14 commenti:

  1. Io li adoro!!!Però ho provato a farli solo una volta, rischiando la vita perchè avendoli fatti dentro casa al chiuso, l'aria era diventata irrespirabile!Quest'anno non ci ho riprovato xche sto traslocando ma l'anno prossimo non mi sfuggiranno, sono un must per stuzzicare prima di cena :)

    RispondiElimina
  2. Buonissimi, anche in Calabria si fanno così! Bravo anche al tuo validissimo aiutante!

    RispondiElimina
  3. Un lavoro certosino, la pulizia dei peperoncini da noi tocca al mio papà....però che soddisfazione vedere tutti quei barattoli nello scaffale in cantina....vero???

    RispondiElimina
  4. Caspita che spettacolo, grazie mielle per le chiarissime spiegazioni!!

    RispondiElimina
  5. Sì quanto mi piaccionoooo!! Li ho fatti anche io poco tempo fa, ma soltanto un barattolo.
    Un abbraccio cara!

    RispondiElimina
  6. Grazie per questa meraviglia! adoro i peperoncini piccanti! li fa spesso mia madre, lascio a lei la rottura della pulitura dei peperoncini :P grazie mille ^_^

    RispondiElimina
  7. Manco i guanti ha messo poverino immagino dopo come stava hahahaahaah,ottimi tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh pensa che gliel'ho detto, l'ho avvisato ma lui non ha voluto e il resto lascio spazio all'immaginazione :-)))

      Elimina
  8. Ci piacciono da impazzire a me e a Luca, fatti in casa sono il meglio!!! Mi armerò di pazienza, è da tanto che dico che voglio farli.
    Baciotti da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  9. Sai che ti dico? Ora scendo in cantina e prendo il vasetto che hai preparato tu e ce lo mangiamo :-D

    RispondiElimina
  10. Eccomi!!! Ma dai, li ha svuotati dei semi senza usare i guanti!!! Un uomo di ferro... ricordo che una volta l'ha fatto anche mia mamma, ma ha passato la notte con le mani nella celletta freezer del frigorifero. :-)
    Grazie per questa ricetta, davvero molto gradita... per di più è anche piccante!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti io gli avevo consigliato di infilare i guanti, gliel'ho anche sventolati quelli di lattice davanti al naso, lui, uomo di ferro, non ha voluto dicendo che tanto poi le mani le avrebbe lavate. Già.. le ha lavate ma il pizzicore è rimasto ed è implicito che prima o poi si sarebbe toccato da qualche parte ..... :-) così impara a non ascoltare la moglie! :-)))

      Elimina
  11. complimenti per la ricetta e le foto ma soprattutto per essere riuscita ad entrare in una rivista!! Un abbraccio. Lisa..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quanto sei dolce !!! grazie di cuore

      Elimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...