Zuppa rustica di farro, orzo e lenticchie

Questa è una zuppa facilissima e abbastanza rapida da fare ma veramente buona! Come si usa dire in questo periodo... un vero comfort food per le serate fredde e uggiose come queste in piemonte e un po' ovunque nel nord Italia! 

Se lo trovate consiglio vivamente di utilizzare il lardo d'Arnard - tipico della Valle d'Aosta - si scioglie in bocca.


Cosa serve:

100 g. lenticchie piccole

75 g. farro
75 g. orzo perlato
2 patate
1 costa di sedano
1 piccola carota
olio evo q.b.
50 g. lardo d'Arnard
1 piccola cipolla
1 rametto rosmarino
1 rametto di maggiorana
1 foglia alloro
brodo vegetale q.b.
sale e pepe q.b.
parmigiano grattugiato
pane casereccio toscano
aglio (facoltativo)

Mettere in ammollo in acqua fredda, separatamente,  le lenticchie, il farro e l'orzo per un paio d'ore. Buttare ciò che è rimasto a galla. Sciacquare sotto acqua corrente e scolare bene.

(C'è chi dice che non è necessario l'ammollo io preferisco farlo)

Preparare del brodo vegetale (2 lt. circa).

Far soffriggere leggermente la cipolla con il sedano, la cipolla ed il lardo tritato finemente, aggiungere le patate sbucciate e tagliate  a dadi grandi, lasciare insaporire ed aggiungere gli altri aromi, le lenticchie, l'orzo ed il farro.
Regolare il sale, il pepe ed aggiungere brodo tanto quanto basta per coprire il tutto (4 dita circa), mettere il coperchio e lasciare sobbollire piano-piano per circa 40 minuti. Controllare sempre la quantità di brodo ed aggiungere man mano che si asciuga. 

Deve rimanere una zuppa  densa, ma secondo i gusti personali, se piace più brodosa, aggiungerne ancora.

A cottura ultimata, condire con un filo d'olio evo.

Aggiungere poi singolarmente nei piatti, mezza fetta di pane casereccio toscano fatto leggermente abbrustolire nel forno o sopra una piastra. Se piace strofinarlo con aglio.



Servire, a parte, parmigiano grattugiato.



Simona

  1. Farro, lenticchie e orzo, tutto assieme. Un vero tripudio!! Ha un aspetto così invitante che sarebbe davvero di conforto trovarla stasera sulla tavola al mio rientro a casa.
    Grazie anche per questa ricetta che hai "regalato" al nostro contest.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  2. Mmmmm le zuppe sono la mia passione, peccato che il lardo che indichi nella ricetta da me non si trova, lo sostituirò con il nostro!

    RispondiElimina
  3. ho apprezzato anche io il lardo d'Arnad perchè mi fu mandato da un'azienda, buona la tua zuppa, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  4. buono quello d'arnaud, lo vedo a prendere alla fiera dell'orso oppure appena passo in zona, da un ottimo sapore alle zuppe, ne basta poco per dare un profumo incredibile

    RispondiElimina
  5. ma che buona anche la tua zuppa, ok, accetto lo scambio :))
    baci

    RispondiElimina
  6. Buonissima…mi attira come le api sul miele ^_^
    Brava e buona serata <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
  7. Ecco questa zuppa sarebbe stata perfetta per la cena di stasera. Se c'è una cosa che mi fa piacere l'inverno è proprio la possibità di preparare zuppe e minestre coccolose :)
    Un abbraccione

    RispondiElimina
  8. La preparerò a giorni, la trovo squisita, adoriamo le zuppe a cena, l'unica modifica che apporterò sarà eliminare il lardo, io proprio non lo digerisco, userò della pancetta per dare sapore ulteriore.
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  9. Che bella questa ricetta, tipica autunnale poi la particolarità del lardo la rende la zuppa più corposa e saporita. penso proprio che ti ruberò l'idea. ciao

    RispondiElimina

I commenti sono moderati per poter selezionare lo spam quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi non sono graditi e non verranno pubblicati.
Navigando e scrivendo commenti si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito, confermando di aver letto ed accettato il regolamento nella sezione preposta su questa home page "Privacy policy"

Buona giornata!