Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

Partecipo alla rubrica "al Km 0"

Partecipo alla rubrica "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
mercoledì 5 luglio 2017
Premessa: qui in Piemonte non esiste pasticceria che non venda, estate ed inverno, grandissime meringhe con la panna, io so che la meringa deve asciugare, non deve cuocere per cui temperature basse e tempi lunghi in forno, deve rimanere friabilissima esternamente e morbida dentro in modo che si scioglierà in bocca. Non deve caramellare altrimenti risulterà gommosa e collosa. Quindi io decisamente sconsiglio una temperatura più alta che va bene per le torte con poca meringa in superficie, e vanno passate in forno alto (o addirittura grill) pochi istanti. 

Io ho voluto optare per una leggera variante, ovvero ho sostituito parte dello zucchero con miele di acacia (che rimane fluido e non cristallizza) sia nella meringa che nella crema. Un delicato ed aromatico risultato :-) 

Cosa serve per DUE Pavlova al miele monoporzione  (o una piccola Pavlova per 2-3 persone)

Per la meringa francese al miele serve:

2 albumi (da uovo medio)
80 g. zucchero semolato
1 cucchiaio di miele di acacia mielizia
20 g. zucchero a velo vanigliato
1 pizzico sale
alcune gocce di succo di limone (7-8)
la punta di un cucchiaino di maizena

Per la crema chantilly al miele serve:

150 ml. panna fresca da montare
35 g. miele di acacia mielizia
zucchero a velo vanigliato per spolverizzare la frutta
frutta q.b. (consigliabile acidula)

Tenere gli albumi a temperatura ambiente per alcune ore prima dell'utilizzo.
Preriscaldare il forno a 80° - Massimo 90°


Mettere gli albumi in una ciotola e scaldarli a bagnomaria per alcuni minuti in modo che si intiepidiscano appena. Poi toglierli dal bagnomaria e trasferirli nel boccale della planetaria (o usare una ciotola che sia alta e montare con le fruste elettriche), unire il pizzico di sale e le gocce di limone. C'è chi usa l'aceto di mele, ma poichè ovviamente oltre che lucidare la meringa serve per dare aroma, preferisco il limone.
Montare a massima velocità. Quando il composto inizia a gonfiare aggiungere, un po' per volta, lo zucchero semolato mescolato allo zucchero a velo vanigliato. Unire poi, a filo, il miele. Si deve montare finchè si ottiene un composto a neve fermissima.


Adagiare sulla leccarda un foglio di carta da forno.
Trasferire la meringa in una tasca da pasticcere e, usando un beccuccio grande, formare due dischi da 10D (volendo fare un disegno sulla carta da forno, io l'ho fatto a mano libera ad occhio) partendo dal centro, formare una sorta di chiocciola, poi formare tre strati in altezza.


Mettere le due mini palvova al miele in forno ad asciugare per 2 ore. Ogni tanto (diciamo ogni 20-30 minuti) aprire per qualche istante il forno in modo che evapori il vapore che man-mano si forma.
Intanto che la meringa è in forno, mettere nel frigo il contenitore che si userà per montare la panna e le relative fruste elettriche.

                                                                            da cuocere

Trascorse le due ore, spegnere il forno, aprire a fessura e lasciare ancora la meringa in forno dieci minuti, poi toglierle dalla leccarda con una spatola e delicatamente trasferirle su ua gratella a raffreddare del tutto.
Si possono preparare anche il giorno precedente ma andranno farcite solo al momento di servirle (o al massimo una mezz'oretta prima)

                                                                            cotta

Montare la panna che deve essere ben fredda aggiungendo, poco alla volta e a filo, il miele.
Attenzione: la panna deve essere ben montata ma senza esagerare, altrimenti avrà un retrogusto fastidioso di grasso, di burro.
Non occorre usare la tasca da pasticcere per farcire. Anzi.. in questo caso, avendone poca, è senza dubbio consigliabile usare una spatola - un cucchiaio, in modo da non sprecarne nemmeno un grammo.

Riempire delicatamente i due gusci di meringa e farcire con frutta tagliata a pezzetti.
Spolverizzare la frutta con poco zucchero e velo vanigliato e servire.



Con questa ricetta partecipo al Contest di Ale di dolcemente inventando "Summer Mielizia"
#mielizia #summermielizia

42 commenti:

  1. Cara Simona, ma sono veramente invitanti, da assaggiare subito.
    Ciao e buona giornata con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Sono splendide! Due delicati, candidi scrigni pieni di delizie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero deliziose e per niente stucchevoli, ti avrei offerto volentieri di condividere la mia parte, una cara Sandra 😘

      Elimina
  3. Brava brava Simo! Fatte a regola d'arte. Io ne avevo fatta una molto scenografica per il compleanno di mia cognata. L'aggiunta del miele mi sembra azzeccata come idea. Da provare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me la ricordo Terry! La tua era una naked cake se ti riferisci a quella meraviglia 😍

      Elimina
    2. Regge mica dimentico le ricette belle delle mie amiche ❤️

      Elimina
    3. "Regge" era un "ehehehe" non so che cavolo di parola sia venuta fuori 🙈

      Elimina
  4. ma che splendore cara la mia Simona! grazie e complimenti, corro subito ad inserirti.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero felice ti piacciano 😘 Ale

      Elimina
  5. Eccomi finalmente!!! Son giornate incredibili queste per me, ma mi sono imposta di passare da te e venir a scoprire questa incredibile bontà!!!!
    Mi piace Simo!!!! Ma non hai idea di quanto!! Perché siam così lontane??
    Quando riusciremo ad incontrarci, dovrai munirti di un bel cestino e farmi provare tutte queste meraviglie che crei con quelle manine!!!!
    Un bacione grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero tanto Sabri! Un giorno dobbiamo organizzare un bel meeting 😘

      Elimina
  6. Bellissime, sono senza parole!
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. complimenti Simo ti sono venute benissimo. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il passaggio meno semplice è stato montare il giusto al momento giusto sia nella meringa che nella crema. Quello più difficile smettere di mangiare 🙈

      Elimina
  8. Cosa non darei per averne qui una subito!!!
    Bravissima Simo e la variante con il miele la voglio provare!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Laura! Sono convinta che ne rimarrai soddisfatta 😘

      Elimina
  9. Sono un sogno...adoro la Pavlova...monoporzione ancora più belle, complimentisono magnifiche, barva Simo!

    RispondiElimina
  10. Ti dico in tutta sincerità che non ho mai cucinato le meringhe in vita mia! Comunque le tue mini pavlova sono davvero bellissime (e sicuramente buonissime). :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanna! Ma è facile, davvero, preoatatevle meringhe. Occorrono due o tre accorgimenti et voilà! 💪

      Elimina
  11. Ma sono dei cestini bellissimi!!! anche se devo dirti, l'ho scoperto da poco anche io, che il miele perde molte sostanze nutritive quando è esposto ad alte temperature, quindi un po' è un peccato...ad ogni modo sono strepitose e riempite di frutta sono un ottimo dessert, farebbero un figurone su una bella tavola all'aperto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È verissimo Silvia, infatti ad esempio nel torrone di proprietà non ce n'è più l'ombra. In questo caso invece le mantengono tutte 😉

      Elimina
  12. Ciao Simona non ho mai fatto la pavlova ma è un dolce che mi affascina molto, davvero bello da vedere e delizioso da mangiare. Complimenti per la tua realizzazione. Buona serata luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio è davvero golosa! Baci

      Elimina
  13. Le avevo viste in anteprima e adesso me le gusto nella loro completezza!
    Meraviglia al cubo, complimenti Simo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero!!! L ha apprezzata anche mia madre che notoriamente mangia meringhe della sua pasticceria preferita, che invece a me nauseano ... dolcissime.

      Elimina
  14. Caspiterina cosa sono queste pavlove.......tu pensa che io non le ho mai fatte proprio perchè la meringa non è così semplice semplice, come hai detto tu ci sono tanti accorgimenti da seguire per farle venire a regola d'arte, proprio come le tue!
    Bravissima!
    Sono in vacanza, con poca anzi quasi niente connessione. Ogni tanto riesco a far visita a un'amica :)
    Un bacione grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non è difficile Dani, credimi. Io odio euro dolcì con 150 passaggi e consistenze, quindi credimi 😉 Buona vacanza tesoro goditela!

      Elimina
  15. si resta a bocca aperta, troppo carina questa tua pavlova !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta Chiara.. ti "allungo" un cucchiaino 🤗

      Elimina
  16. Chre meraviglia tesoro questi cestini sono una vera goduria e poi io amoooo le merenga in tutte le versioni ma le pavlove sono la mia passione!!Un bacione,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si riesce a smetter di mangiarle vero?

      Elimina
  17. Una bella idea questi cestini fatti di meringa,e ancora più bella l'idea di riempirli con panna e frutta.
    Un dolce perfetto per l'estate!!!!
    Bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche secondo me è in dolce che monoporzione è più grazioso 😘

      Elimina
  18. Anche per il fatto che ho sempre albumi che stazionano nel frigo, le meringhe sono forse il dolce che ho realizzato più spesso. Ma mai con il miele, non ci avevo mai pensato. Farò sicuramente !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quindi mi darai ragione che non c'è alcuna difficoltà 😘

      Elimina
  19. Bellissime... buonissime... favolose... che dire, complimenti!! Da provare, assolutamente!!

    RispondiElimina
  20. Che goduria Simo, una vera tentazione per gli occhi e per il palato !

    RispondiElimina
  21. La crema chantilly al miele deve essere una favola, poi per farcire una pavlova è proprio il top.

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...