Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
lunedì 10 aprile 2017
Cosa serve:

150 g. lievito madre già rinfrescato
400 g. farina bio tipo 0 macinata a pietra W 180-200
100 g. farina bio di farro integrale macinata a pietra
280 g. latte di soia al naturale bio a temperatura ambiente
2 cucchiaini rasi di sale fino marino integrale
1 cucchiaino di malto d'orzo bio in polvere
2 cucchiai olio evo grezzo

Poi serve:

semi di sesamo e semi di lino q.b.

(orari indicativi: quelli che ho usato io)

Ore 10,00
Rinfrescare il lievito madre.

Quello che serve per fare il pane metterlo in una tazza, coprirlo con pellicola, l'altro metterlo nel solito barattolo a chiusura ermetica e riporlo in frigorifero per le altre panificazioni.

Ore 17,00
Setacciare le farine per arieggiarle e mescolarle.
Nella ciotola della planetaria (o ciotola capiente se si impasta a mano) mettere il latte e le farine ,mescolare con una forchetta, coprire con un canovaccio e lasciare riposare 30 minuti.



Unire il lievito madre, l'olio evo, il malto d'orzo ed azionare la macchina lentamente, velocità 1 per 5 minuti, unire il sale ed aumentare a velocità 2 fino a quando si stacca dalle pareti, se si impasta a mano, fino a quando l'impasto non è più appiccicoso.

Ore 18,00
Mettere l'impasto in una capiente ciotola leggermente oliata e coprirla con pellicola e con un canovaccio pulito.  Eventualmente anche con una copertina.


Lasciare lievitare in modo naturale a temperatura ambiente (18°- 20°) fino alla mattina successiva, dunque per
14-16 ore.
--------------

Ore 8,30
Prendere l'impasto ben lievitato, riversarlo molto delicatamente sul piano da lavoro leggermente infarinato (l'impasto non sarà comunque appiccicoso, sarà soffice e vellutato) e iniziare a fare le solite pieghe di cui parlo spesso. Quindi farle per tre volte.
Ogni volta lasciare "puntare", cioè riposare coperto da un panno, sul piano per 20 minuti.

Quindi:

1) piega > coprire e attendere 20 minuti
2) piega > coprire e attendere 20 minuti
3) piega > coprire e attendere 20 minuti

Riprendere l'impasto. Pesarlo, sarà sui 900 g.
Porzionare ottenendo 6 panetti.
Devono essere uguali. Se le pezzature hanno peso differente, prelevare un pochino di impasto da quella più grande ed incorporarlo in quella più piccola.

A questo punto arrotolare ed allungare con un movimento dal centro verso l'esterno, la pasta. fino a formare 6 cordoni lunghi 50 cm. Si faticherà. Il panbiscotto è costituito da farina con fattore glutinico basso (quindi farina adatta per frolle, pasta brisèe ecc.) dunque non elastica, tutt'altro tende a rompersi.
Coprire i cordoni ma mano che si arrotolano e si formano le girandole per evitare che asciughino, cercare di essere rapidi.
Poi proseguire come segue



Accavallare i lembi formando una sorta di "goccia" tenendo un capo del cordone più lungo. Fare passare di sotto quest'ultimo.
Poi fare passare quello più corto di sopra.


Poi riprendere quello lungo, capovolgere la girandola ed accavallare chiudendo il cerchio.
Non bisogna stringere, al contrario lasciare morbidi gli intrecci. La pasta deve lievitare.



Coprire con canovaccio pulito ed asciutto. Se la temperatura è sotto i 20° coprire anche con una copertina leggera (di peso, ma calda) per 2 ore o comunque fino al raddoppio.
Qui, come sempre, entra in gioco il fattore lievito. Il mio è decisamente forte e maturo. Se si ha un lievito madre giovane, occorrerà più tempo. Anche usando farina adatta per crostate e non per pane, la lievitazione sarà completa e completata. Non si otterrà (volutamente) il panino gonfio e soffice, bensì una sorta di pastadura ferrarese ma più croccante (giusto per intenderci)



Quindi: quando manca mezz'ora alla completa lievitazione, preriscaldare forno statico a 230° Con dentro la leccarda in modo che diventi caldissima e pentolino d'acqua bollente sul fondo.
Aspettare ancora 10 minuti da quando si spegne la lucina che indica forno a temperatura.
Quando il forno è pronto, inumidirsi bene le mani con acqua, passare delicatamente le mani sulla superficie delle pagnotte, mettere un paio di cucchiai di semi di sesamo e di lino in un piatto, mescolarli bene, capovolgere le girandole sui semi per farli aderire (senza premere!).



Trasferire velocemente, ma sempre delicatamente, le girandole sulla leccarda appena tirata fuori dal forno e rivestita da carta da forno, facendo ben attenzione perchè ustiona! Togliere subito il pentolino d'acqua.
Infornare per 18 minuti. Ripiano non centrale bensì la misura sottostante.
Serpentina sia sotto che sopra. Forno statico. Togliere le girandole e farle raffreddare.
Nel frattempo abbassare la temperatura a 120° e infornare nuovamente il panbiscotto per altri 10 minuti, poi spegnere il forno, aprirlo del tutto e lasciare ancora le girandole di panbiscotto all'interno fino a quando sono raffreddate.
Per conservarle, utilizzare un sacchetto di polipropilene (acquistabile nei negozi di vendita carta alimentare)





Questa ricetta non l'ho copiata ma l'ho elaborata secondo la mia fantasia ed il mio gusto, dunque se la replicherete mi fa molto piacere ma, per cortesia, inserite il link di riferimento di proprietà al mio sito. Grazie

26 commenti:

  1. Cara Simona, gustiamoci un po queste belle e buone girandole!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Sono veramente deliziose queste girandole di panbiscotto, mi sa che una tira l'altro. Un bacione e buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ... ti dirò che saziano quindi se ne mangia di meno in verità 😊

      Elimina
  3. Belli questi panini! A parte il latte di soia che proprio non sopporto potrei anche replicarli, mi piacciono. Brava brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti l ho usato per il pane perché nature non è nelle mie corde ma nel pane (come dice giustamente Consu qua sotto) è perfetto! Deve essere naturale però senza alcun aroma. Provare per credere! 😉

      Elimina
  4. Ma che carinissima idea Simo!!! Poi il latte di soia (che non amo particolarmente bevuto "nature") è perfetto per questi impasti proprio grazie alla sua ricchezza di lecitina ^_^ non stento a credere quanto siano gustosi!!
    Buona settimana <3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti tesorino proprio così! Quello naturale ha un retrogusto di nocciola tra l'altro è ci sta benissimo nel pane. Bevuto no non piace nemmeno a me ...

      Elimina
  5. sempre stupendi i tuoi lievitati, guardo ed ammiro !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci provo Chiara, ci provo sempre a migliorare 😊

      Elimina
  6. E arrivo io che il latte di soia lo utilizzo senza problemi e acchiapperei volentieri una girandolina :)
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E farcirla con la pancetta strepitosa che c'è dalle tue parti non sarebbe niente male

      Elimina
  7. Bene due girandole me le prenoto per la colazione!!!!!
    Un abbraccio e buona giornata Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! Una colazione salata, perché no?!

      Elimina
  8. Un'idea originale Simona! sono anche molto carine e adatte per i pranzi di Pasqua e pasquetta! tempo permettendo e pic-nic pure...da me pare che pioverà...come al solito! auguri in anticipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Sono versatili anche secondo me.,grazie Cara baci

      Elimina
  9. Ciao Simo, che belle queste girandoline, e con le immagini non si può sbagliare!!! A presto un bacione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male Carla... anche perché è complicatissimo fare giri mentre si impasta 🙈

      Elimina
  10. Carissima Simona come sempre rimango incantata dalla tua bravura e dalla perfezione delle tue creazioni:queste girandole di panbiscotto hanno un aspetto veramente magnifico e perfetto a dir poco!Ne immagino tutto il profumo e la bontà e non immagini quanto li vorrei assaggiare!Con il lievito madre poi il risultato è come sempre sublime e senza eguali,bravissima come sempre!!:)).
    Un bacione:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando sono ispirata devo approfittarne 😅 Poi tra poco il forno chi lo accende più? Baci Rosy

      Elimina
  11. assolutamente deliziosi..... prendo uno grazie :)

    RispondiElimina
  12. Simo, è davvero una prelibatezza!!!!
    Oltre ad essere perfette e bellissime a vedersi, sono sicuramente buonissime!!!!
    Un bacione grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un compromesso tra pane e grissini cicciosi 😀

      Elimina
  13. Ma che belle che sono e con tutti quei semini sopra.... quanto mi piacciono. Bravissima !!������

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...