Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

Calendario

Powered by Calendar Labs

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
lunedì 7 novembre 2016
Per questa ricetta ho unito sapori utilizzando prodotti eccellenti  appartenenti a questi territori:


  • Piemonte: (la mia regione) noci e miele di rododendro bio di alpeggio di Rorà (TO) poco distante da casa mia, una mezz'oretta di auto. Melissa del mio giardino :-) 
  • Trentino - Lombardia - Veneto: Tra montagne e lago: Olio evo del Garda
  • Valle d'Aosta: Olio di noce spremuto a freddo
  • Sardegna: Agnello

Cosa serve per DUE persone:

ossibuchi di agnello sardo q.b. (3 se grossi o 4 se piccoli)
1 bicchierino di grappa secca
1 chiodo di garofano
alcuni rametti di timo e rosmarino (del mio giardino)
sale marino integrale e pepe nero macinato fresco q.b.
alcune foglie di melissa (del mio giardino) secca o fresca
brodo vegetale (o acqua)
miele di rododendro artigianale bio d'alpeggio Piemontese q.b. (io quello delle api di un conoscente di famiglia)
un filo d'olio evo del Garda
un goccio d'olio di noce della Valle d'Aosta
il gheriglio di 2 noci


Aromi nel mio giardino: salvia, melissa, timo, maggiorana

Incidere la pellicina esterna in modo che gli ossibuchi non si arriccino in cottura.
In una casseruola antiaderente far rosolare la carne in un filo d'olio evo del Garda, (notoriamente eccellente e delicato) le spezie e gli aromi. (Sarebbe l'ideale creare un sacchettino di garza alimentare in cui racchiuderli, per poi eliminarlo a fine cottura).

Salare e pepare da entrambe le parti, sfumare con la grappa e, quando è evaporata,  coprire con brodo vegetale caldo e mettere il coperchio. Mantenere la fiamma molto dolce. Scuotere il tegame e, di tanto in tanto, rivoltare l'ossobuco; aggiungere brodo o acqua calda se serve.

Cuocere 1 ora e mezza circa.


A fine cottura togliere il chiodo di garofano e gli aromi, (che devono dare sapore, ma il commensale non deve ritrovare tra i denti, ecco perchè il mio consiglio di cui sopra), togliere la carne e tenerla da parte al caldo (ad esempio metterla in una pirofila da forno precedentemente scaldata e poi coprire gli ossibuchi con carta stagnola), unire al fondo di cottura un cucchiaio abbondante di miele di rododendro artigianale bio, le noci ridotte in polvere precedentemente.

Mescolare accuratamente.


Servire gli ossibuchi con la salsina calda e decorare il piatto con un richiamo di miele di rododendro emulsionato con un goccio di olio di noci.

Se si desidera dare croccantezza al piatto lasciare le noci sgusciate e tritate grossolanamente. In questo caso, però, addensare il sughetto facendo sciogliere un cucchiaino di maizena in due dita d'acqua fredda, unirlo al fondo di cottura.


P.s. NON usare l'olio di noce, che è pregiatissimo e molto delicato, in cottura:  va usato esclusivamente a crudo, è un'ottima fonte di Omega-3  / Omega-6, ricco di minerali e vitamine.

Questa ricetta non l'ho copiata ma l'ho elaborata secondo la mia fantasia ed il mio gusto, dunque se la replicherete mi fa molto piacere ma, per cortesia, inserite il link di riferimento di proprietà al mio sito.

 Grazie


36 commenti:

  1. Non ho mai trovato l'ossobuco di agnello.. ma chissà com'è buono! Un bacione e buon lunedì :-D

    RispondiElimina
  2. Che bella ricetta, saporita ed estremamente invitante!!
    Grazie per averla condivisa, un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Cara Simona, ecco un raffinato menù che mi piacerebbe assaggiare.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'apprezzamento Tomaso :-) bacioni caro!

      Elimina
  4. lo confesso non ho mai mangiato l'ossobuco d'agnello ma l'idea mi piace anche per gli ingredienti che hai adoperato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e ti dirò: a dispetto di ciò che si potrebbe pensare.. non è un piatto pesante, tutt'altro.. sai che io non digerisco un ciufolo di niente.. ecco. Poi visto che devo limitare il consumo di pesce azzurro, ora che ho scoperto le proprietà dell'olio di noce, non lo mollo più :-)

      Elimina
  5. che ricetta raffinata, davvero da grande chef, baci Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi fare arrossire Franca.. :-) sono contenta ti sia piaciuta

      Elimina
  6. Piatto veramente invitante, sicuramente da provare bravissima!!!

    RispondiElimina
  7. Una golosa ricetta! L'Osso buco l'ho sempre mangiato cucinato dalla mamma del mio compagno ma magari se mi inviti (faccio la sfacciata!!!!!) vengo volentieri ad assaggiare la tua versione ;) Ogni scusa è buona per pappare!!!!

    RispondiElimina
  8. tutti prodotti eccellenti mia cara ma l'agnello sardo (io non lo mangio eh) ma è decisamente il TOP del TOP .. Buongustaia :D
    Bacioni.

    RispondiElimina
  9. buonissimo! e noi (greci) di agnello ce ne intendiamo e difatti mangiamo più agnello che carne bovina.

    RispondiElimina
  10. Magnifica ricetta. Bravissima Simo!

    RispondiElimina
  11. Ciao Simona nonostante sia a Milano e qui è di casa l'ossobuco di manzo, credo di averlo cucinato solo una volta....mentre quello di agnello mi piace molto e mia mamma ognintanto lo prepara anche fuori stagione pasquale come hai fatto tu. Davvero buono e sicuramente morbidissimo. Interessanti i prodotti che hai usato, l'olio di noci mi incuriosisce molto. Grazie, Buona serata Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie infinite per l'apprezzamento. Morbido e leggero (anche se non si direbbe), credimi :-) un caro saluto!

      Elimina
  12. Mai assaggiato l'ossobuco d'agnello, ma lo trovo interessante.
    Una ricetta molto gustosa.
    Adoro questi piatti che riuniscono alcune delle nostre eccellenze :)
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  13. sarà difficile trovare l'ossobuco d'agnello ma comunque la scelta degli ingredienti mi sembra vincente !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No cara.. non è difficile, credimi, chiedi in macelleria :-)

      Elimina
  14. Cara Simona l'agnello sardo e' un prodotto di eccellenza (quando vado in Sardegna consumo sempre quello da latte le cui carni hanno un sapore delicatissimo:)e questi ossibuchi cucinati con ingredienti speciali quali gli aromi del tuoi orto e prodotti sicuramente di qualità ed eccellenza come quell'olio extravergine delicatissimo più il tocco finale dato da quel miele che sarei curiosissima di assaggiare e il goccio di olio di noce garantiscono indubbiamente un risultato notevole:)).
    Ti faccio i miei migliori complimenti Simona sia per l'ottima ricetta che per la ricerca di una materia prima di qualità,quindi per la gran cura con cui hai realizzato il piatto:))bravissima come sempre:)).
    Un bacione e buona settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai cara Rosy, io l'ho riscoperto quando sono ho messo su famiglia, ovvero mia madre non cucinava mai pietanze che non piacessero a lei (e degli altri chissene...) quindi ho imparato a conoscere, apprezzare ed in ultimo a cucinare tanti alimenti semi-sconosciuti, tra questi la carne di agnello, quando è nato il mio primogenito, allora, nella dispensa del pediatra per lo svezzamento, era in cima alla lista (non l'avrei mai creduto allora.. invece.. è carne altamente digeribile, una volta sgrassata e cucinata come si deve, ma tu tutte queste cose le sai sicuramente :-)) bacioni

      Elimina
  15. Mamma mia che piattino goloso, Simo, e con prodotti supersani! Un bacione a presto :)

    RispondiElimina
  16. Adoro l'ossobuco, è un piatto della mia infanzia. Particolare il tuo di agnello con un condimento molto aromatico. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto più leggero di quello di vitello o manzo, anche della mia adolescenza, ma all'epoca digerivo anche i sassi :-)) Un abbraccio a te!

      Elimina
  17. Tutti ingredienti di prima qualità e poi mi piace molto l'agnello. Cucinat come hai fatto tu è il top, complimenti. Un grosso abbraccio

    RispondiElimina
  18. E'un piatto molto gustoso ed invitante, complimenti per la raffinata ricetta!

    RispondiElimina
  19. Cucina come sempre buona e in questo caso anche originale, io l'olio di noce ogni tanto l'adopero nell'insalata, la tua preparazione merita una giusta attenzione anche per il taglio di carne scelto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per averlo notato Carmine, infatti il taglio e la carne stessa non è casuale :-)

      Elimina
  20. Questo è un piatto per me carne ovina e ossobuchi in genere per marito...zzo NO ma per me siiiiiii ed una volta tanto mi accontento. Grazie cara copiato e buona serata bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che pazienza che hai ad accontentare sempre il marito...zzo :-)

      Elimina
  21. deve essere ottimo!
    buona serata
    simona:)

    RispondiElimina
  22. Mia cara Simo...ma hai fatto proprio una gran bella ricetta: complimenti di cuore, sia per la ricercatezza degli ingredienti (Km 0), sia per come li hai armonizzati felicemente! Brava...e grazie mille per la tua creatività così "boscosa" e interessante! a presto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie! 🤗 Sono molto felice che tu abbia apprezzato, a prescindere dal contest. Un abbraccio

      Elimina
  23. Ricetta molto particolare con ingredienti davvero ricercati. Molto bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jeggy, grazie! Mi fa davvero piacere che apprezzi! Buona giornata 😉

      Elimina

Grazie per essere passato/a a trovarmi!
E grazie per i tuoi commenti che mi aiuteranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog, o profilo pubblico non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Visite

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Lettori fissi

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...