Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

Partecipo alla rubrica "al Km 0"

Partecipo alla rubrica "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
domenica 2 agosto 2015
.... ancora conserve???? ebbene sì. Se non ora: quando! 
Non è proprio semplicissimo preparare perfettamente la frutta sciroppata. Perchè bastano due minuti in più di cottura e la frutta si sgretola, perchè se non è matura al punto giusto, dunque acerba, rimarrà asprigna e non gradevole, se al contrario, è troppo matura, si spappolerà.

Se si mette troppo zucchero, risulterà stucchevole, se se ne mette troppo poco, ne inficia la buona conservazione.. vi ho fatto passare la voglia e state andando a suonare il campanello al Sig. Del Monte? ma no...dove andate!

Io ho provato a preparare lo sciroppo per ricoprire la frutta (quasi tutte le ricette che ho letto sia in rete che nei libri di conserve, prevedeva questo passaggio, beh: secondo il mio modesto parere, non solo non serve,in quando la frutta è già di per se molto acquosa, ma addirittura, per me, si conservano di meno e perdono la polposità

Quindi io, dopo qualche tentativo di metodo, ho fatto così e mi sono trovata bene...


Cosa serve:

1 kg. percoche (preferibilmente perchè più polpose e compatte) o pesche spaccatelle mature al punto giusto (nè troppo, nè troppo poco)
350/400 g. zucchero (peso lordo con buccia e nocciolo dunque) a piacere secondo il gusto personale
succo di 1 limone
facoltativo: pezzettini di cannella o buccia di vaniglia (ecco come riciclare la buccia quando l'interno, la polpa, i semini insomma sono stati utilizzati per dolci vari)

Mettere sul fuoco un pentolone di acqua. Quando bolle, unire le percoche, tenere sempre altissima la fiamma, dopo UN MINUTO, toglierle con la schiumarola e passarle sotto il getto dell'acqua fredda del rubinetto.

Spellarle e tenere da parte, poi dividerle a metà e se sono troppo grandi rispetto al contenitore (ad esempio rispetto ad un vasetto da 250 g, tagliarle anche in quarti)


Sterilizzare i vasetti seguendo le mie indicazioni cliccando qui,

Riempire i vasetti (meglio optare per quelli da 300 g. o 500 g.) con le pesche (inserendole con la pancia rivolta verso l'altro) pigiandole leggermente con delicatezza, cercando quindi di lasciare meno spazi vuoti possibili. Tra uno strato e l'altro, cospargere con abbondante zucchero e una spruzzata di succo di limone. Inserire, facoltativamente, per aromatizzare, pezzettini di cannella o vaniglia, io consiglio di aromatizzarne solo una parte, non so...uno o due vasetti, e gli altri lasciarli al naturale perchè se poi le utilizzerete per altre preparazioni non è detto che il sapore degli aromi sia il più corretto. Terminare con uno strato di zucchero.

Coprire con una griglietta di plastica (in commercio due misure, eventualmente la ritagliate fosse grande) questo serve a fare stare le pesche "sotto" lo sciroppo che si formerà, al contrario verranno a galla. Spolverizzare con un altro po' di zucchero.

Chiudere con i tappi twist off nuovi.

Agitare con energia il barattolo per far sì che lo zucchero possa distribuirsi in ogni dove.
Lasciare riposare due o tre ore, coprendo i vasetti con un canovaccio o pellicola, ri-agitare i barattoli.



Seguire la procedura della sterilizzazione sempre cliccando qui. (sterilizzare 35/40 minuti)

Quando i barattoli sono freddi (ricordarsi di farli raffreddare nel pentolone), controllare che le capsule siano correttamente abbassate, dunque che il prodotto sia sottovuoto, etichettare (contenuto-data di produzione) e riporre in cantina. Aspettare un paio di mesi per consumare.

Si conservano un annetto



10 commenti:

  1. Quest'anno mi piacerebbe riuscire a preparare le pesche sciroppate, che faceva sempre la mia nonna e che da tanti anni non facciamo più in famiglia. Il tuo metodo m'ispira e se troverò il tempo per qualche conserva verrò sicuramente qui per qualche indicazione.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Una ricetta favolosa la conservo per figlia io non posso troppo dolce mi sono interdetti quasi tutti :-((
    Buona serata

    RispondiElimina
  3. Mi sembra proprio una bella idea, io spesso mi sento una formica che mette tutto da parte per l'inverno ... è una ricetta che fa per me ! ciao e complimenti !

    RispondiElimina
  4. Grazie Cara, prendo nota ... in inverno fa sempre comodo mangiare qualche frutto diverso.
    Buona settimana
    Mandi

    RispondiElimina
  5. magnifica idea!!! io le faccio con un altro procedimento ma il risultato non cambia!!! è meraviglioso riempire la dispensa con tante buone e utili conserve che rallegrano l'inverno!! bravissima!!!

    RispondiElimina
  6. Che brava a prepararle in casa. Devono essere divine!

    RispondiElimina
  7. Ecco, seguirò la tua ricetta ho pesche in quantità industriale :)
    Un bacione cara!!!

    RispondiElimina
  8. Chissà che buone fatte in casa O_O bravissima :-)

    RispondiElimina
  9. Quest'anno proprio non se ne parla, ma mi segno la ricetta visto che è ben sperimentata!!!
    Baci

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...