Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina FB della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
martedì 14 ottobre 2014
Cosa serve: (con queste quantità ho ottenuto n. 3 vasetti da 125 g.) In rosso la mia variante rispetto alla ricetta originale ( tra parentesi, in nero, invece, ricetta nel libro)

2 kg. di pomodorini (ciliegino, pachino, datterino a piacere) io, qualità mista e variabile a seconda di cosa ho raccolto nel mio orto (nel libro: pomodori da sugo)
1 testa d'aglio fresco (6-8 spicchi) (nel libro: 20 spicchi)
1 cipolla media (nella ricetta originale non c'è)
peperoncini piccanti q.b. (a piacere, secondo i gusti e secondo la piccantezza del peperoncino usato), io ne ho usati 5-6 della qualità arlecchino, ne avevo parlato qui (nella ricetta originale al posto del peperoncino c'è 1/2 cucchiaino di fieno greco)
la punta di un cucchiaino di zenzero in polvere (nel libro: 2 cucchiai di radice fresca di zenzero)
la punta di un cucchiaino di cumino
la punta di un cucchiaino di semi di finocchio
200 g. zucchero di canna (nel libro: zucchero bianco)
200 ml. aceto di mele (il mio fatto in casa, quando farò il post inserirò il link) (nel libro: aceto di vino  bianco)
la scorza ed il succo di mezzo limone naturale
1/2 cucchiaio di sale fino

Consiglio di utilizzare vasetti molto piccoli (io ho usato quelli da 125 g.) perchè il chutney, una volta aperto, va conservato in frigorifero ed utilizzato entro 15 giorni)



Togliere il picciuolo ai pomodorini e lavarli sotto acqua fredda corrente. Metterli, interi, dentro ad una pentola d'acciaio dal fondo spesso. Metterla sul fuoco, non forte, e mescolare spesso in modo che non si attacchino bruciandosi. Lasciarli spurgare l'acqua per una ventina di minuti, poi schiacciarli con l'aiuto di una forchetta e buttare via l'acqua.

Passare i pomodorini con il passaverdura (non va bene frullarli, occorre proprio passarli per eliminare le bucce) e rimettere il passato di pomodoro nella pentola.


Tritare molto finemente (va bene un tritino o un robot con il cutter) la cipolla e l'aglio, unire il trito alla passata di pomodorini.
Unire poi tutti gli altri ingredienti e rimettere sul fuoco la pentola. Il composto deve sobbollire NON bollire forte (come si fa per fare una marmellata) e si deve mescolare molto spesso, alla fine quasi continuamente, non deve attaccare al fondo della pentola.

Lasciare raddensare almeno un paio di ore (dipende molto da quanta acqua avranno tirato fuori i pomodorini anche dopo aver tolto la prima).



Verso la fine della cottura, mettere i vasetti (che saranno già stati lavati il giorno precedente e saranno stati messi ad asciugare bene) nel forno, accendere a 100° e, quando è arrivato a temperatura, spegnere e lasciarli ancora dentro per 5/10 minuti. (questo passaggio serve a sterilizzare i vasetti).

Riempire i vasetti con il chutney bollente facendo attenzione a non sporcare il bordo (in questo caso occorre pulirlo bene con carta da cucina), chiudere con capsule nuove e sterilizzare i vasetti per 15 minuti da quando l'acqua bolle. Lasciarli poi raffreddare completamente nell'acqua, etichettare e riporre in cantina.

Aspettare almeno un mese (meglio due) prima di consumare.
Proprio buono! Io l'ho assaggiato adesso, appena fatto, ma deve riposare un paio di mesi e, sono certa, darà il meglio di sè!
Da servire con arrosti, bolliti, stufati ma anche formaggi di alpeggio e stagionati! 




19 commenti:

  1. p.s: adorabile la tua cucina!!!Davvero molto molto bella!

    RispondiElimina
  2. Mi piacciono un sacco queste preparazioni, coi pomodorini...mmmhh mi viene l'acquolina. Grazie per questa deliziosa ricetta che farò senz'altro. Baci, ciao!

    RispondiElimina
  3. BENTORNATA, CARA!!!TI ASPETTAVO CON ANSIA E ORA TI RITROVO CON QUESTA MERAVIGLIOSA RICETTA!!!!ADORO LE SALSINE PICCANTI, MI HAI TENTATO, CREDO CHE LA PROVERO'!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabri cara... grazie sei un tesoro ma bentornata da dove? :-) non mi sono mai mossa di qui Magari!!! smack

      Elimina
  4. Ottima ricetta...a me è capitato di fare un chutney con le mele, ma questo mi sembra davvero interessante, anch'io sono in fase d'invasamento..
    A presto!!

    RispondiElimina
  5. Bellissima, anche io adoro le conserve, e in poche parole ne sono quasi obbligata, per la produzione di ortaggi e frutta del mio stesso orto, questa salsina è fenomenale, adoro il piccante e appena raccolgo i prossimi pomodori la farò sicuramente.
    Grazie mille a presto

    RispondiElimina
  6. Molto intrigante questa ricetta..da provare ^_^
    Buona domenica cara <3

    RispondiElimina
  7. Non conoscevo i chutney ma per essere la prima volta che l'ho sentito ne hai fatta una versione che mi attira molto! Adoro il peperoncino piccante e la tua ricetta é perfetta! Brava :)

    RispondiElimina
  8. non conoscevo questa salsa ma la trovo molto interessante visto che adoro la cucina piccante!

    RispondiElimina
  9. Deve essere una squisitezza anche solo spalmata sul pane!!! :D

    RispondiElimina
  10. una gran bella salsa per insaporire i piatti e le pietanze invernali

    RispondiElimina
  11. Ciao Batù, molto buono questo chutney! Buon ferragosto, un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Ho anch'io quel libro, lo trovo molto utile per avere idee per le conserve. Questo chutney non l'ho ancora provato, ma ora mi hai fatto venire voglia!

    RispondiElimina
  13. Carissima, sono tornata or ora a leggermi la tua ricetta e mi sono accorta che tra i commenti non c'è traccia di quello che ti avevo scritto non appena hai pubblicato il tuo post (si è salvato solo il p.s)! Va bhe...il succo era che sono molto felice di conoscerti e di trovare qui un angolino delizioso, curato, interessante e molto nelle mie corde! Grazie di cuore per la bella ricetta e per il buon libro che mi consigli! Non lo conosco, ma già la copertina è mooolto curiosssa!a presto e scusa ancora i miei pasticci da tecno-imbranatorum!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma vààààà che imbranatorum, ma figurati, sapessi quanti ne faccio io di pasticci informatici :-) ho controllato anche nello spam (ahimè mi arrivano anche 180 commenti di spam al giorno, roba da matti!) ma no, non c'è, guarda io a volte scrivo e poi o cancello col tastino della freccia, o chiudo la pagina il tutto senza volerlo ovviamente :-) grazie-grazie per le tue parole gentili e per tutto!

      Elimina
  14. Interessante davvero questa conserva, adoro i pomodorini :-)

    RispondiElimina
  15. Sfiziosissima ed intrigante. Da assaggiare ^_^
    Aspetto l'aceto di mele ^_^

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo

Consigli dalla A alla Z per fare e mantenere il lievito madre, passo-passo
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...