Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
lunedì 29 luglio 2013
Le cozze o mitili o muscoli o peoci... in qualunque modo si chiamino sono sempre squisite e, almeno a casa mia, fanno "festa".
L'unico aspetto negativo, per me, è pulirle! E' veramente un lavoro rognoso e lungo (sono forse un po' fissata ma mi piace pulirle e raschiarle il più possibile, infatti preferisco prepararmele io che mangiarle al ristorante dove non credo proprio sia possibile dedicarci così tanto tempo...).
Consiglio infatti di comprarle "sporche" di non farle assolutamente pulire con quelle macchine che a volte le pescherie hanno in dotazione:

1) perchè in realtà non puliscono proprio un bel niente. Occorre proprio olio di gomito. In compenso spesso vi potreste ritrovare con i gusci rotti: ergo buttate via le cozze.


2) L'acqua dolce con la quale fareste pulire le cozze farebbe sì inizierebbero a perdere la loro freschezza.


Occorre poi lavarle sotto l'acqua corrente, non bisogna lasciarle a mollo (come invece si fa, anzi si deve fare per le vongole.)


Quando sono cotte bisogna BUTTARE VIA le valve che non si sono aperte, non bisogna forzarle aprendole, perchè questo significa che non erano vive al momento dell'acquisto quindi si rischierebbe, mangiandole, di stare male. Bisogna buttare anche quelle rotte che si trovano ancora crude mentre si raschiano i gusci.


Cosa serve per 4 persone:

2 kg. cozze
2/3 pomodori maturi
2 spicchi d'aglio
abbondante prezzemolo tritato
una bella spolverata di origano secco
mezzo bicchiere di vino bianco secco
pepe nero macinato al momento
olio evo

Mettere in un casseruolino dell'acqua e portarla ad ebollizione. Unire i pomodori lavati, aspettare un minuto scarso e, con una schiumarola, toglierli e metterli ad intiepidire dentro ad un piatto. Poi pelarli, tagliarli in due, schiacciarli leggermente per eliminare l'acqua in eccesso e tagliarli grossolanamente in cubetti abbastanza grandi.

Tenere da parte.

Pulire accuratamente le cozze lavandole sotto l'acqua corrente, tirando, con l'aiuto di un coltello, il filamento che esce dal guscio, poi con una paglietta di acciaio o un coltello seghettato grattare il guscio il più possibile. Metterle in una pentola capiente. (E' un lavoro lungo e rognoso).

Aggiungere alle cozze una bella grattata di pepe, (NON aggiungere assolutamente sale!) i pomodori precedentemente preparati, e gli altri ingredienti.


Mettere il coperchio e, a fiamma vivace, far aprire le valve. quando sono aperte lasciare ancora sul fuoco, un po' più basso, qualche altro minuto mescolando con un cucchiaione. Le cozze devono essere cotte ma non troppo sennò si seccano e diventano stoppose, però devono comunque essere cotte per sicurezza alimentare.

Scolarle dal loro liquido di cottura ma in modo grossolano (si può fare la scarpetta, si può usare il liquido come fondo per altre preparazioni di pesce ecc.), metterle in terrine di coccio o piatti singoli e servire subito.




16 commenti:

  1. Hai ragione, è proprio un lavoraccio pulire le cozze (ma pulire con la P maiuscola, come giustamente dici tu), per questo io ne compro sempre poche, ma poi la parte commestibile è un piccolo boccone e rimpiango che siano finite subito. Buonissime, col pomodoro appena scottato. Ciao, buona giornata.

    RispondiElimina
  2. hai dato degli ottimi consigli, anch'io non mi affido al pescivendolo per la pulizia, meglio il far da se!

    RispondiElimina
  3. Se preparo questo piatto a mio marito mi chiede nuovamente di sposarlo :P io non sono amante delle cozze quindi le cucino pochissimo..ma questa ricetta gliela devo proprio fare..complimenti
    la zia Consu

    RispondiElimina
  4. Le cozze, buone!! ma come te credo che bisogna farci molta attenzione!!!
    buona serata
    Sara

    RispondiElimina
  5. Mi piacciono molto le tue cozze alla marinara, credo che i pomodori ci stiano benissimo!
    Mi sono iscritta ai tuoi lettori fissi, spero vorrai fare un salto anche da me :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Ciao cara anche a me piace pulirle così bene ihihihiihih,sai che le ho fatte anch'io?mamma che buone le adoro!Buona settimana un bacione

    RispondiElimina
  7. mio marito farebbe follie per un piatto così (io non mangio cozze, sob!)...è super!

    RispondiElimina
  8. Un piatto meraviglioso!!!! Complimenti, un abbraccio

    RispondiElimina
  9. a casa mia in questo periodo si vive di cozze..per mia fortuna pero'
    la faticaccia la fa il "burbero"..ed io godo nel mangiarle!!
    baci

    RispondiElimina
  10. sono seocndo me il pesce più gustose e più economico

    RispondiElimina
  11. non si dice mai di no ad un buon piatto di cozze!! mi sa che grazie ai tuoi consigli proverò a prepararle a casa! buon weekend

    RispondiElimina
  12. le cozze a casa mia sono sempre gradite, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  13. Anche per noi pulire le cozze è la cosa più pesante, tanto che a volte tentenniamo a comprarle perchè pensiamo che a pulirle ci vuole un secolo, io poi sono scrupolosissima. Tante volte invece è tanta la voglia di goderci le cozze alla marinara che le compriamo senza indugio. Sono buonissime come le hai cucinate, noi le prepariamo allo stesso modo, solo l'origano non abbiamo mai aggiunto.
    Bacioni e buon fine settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...