Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

Partecipo alla rubrica "al Km 0"

Partecipo alla rubrica "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
giovedì 24 maggio 2012
Devo ammettere che non avevo mai provato prima questa verdura, gentilmente offerta da una mia vicina di casa, che mi ha conquistata. Mi è talmente piaciuta che, giuro, il prossimo anno la semino anch'io nel mio orto!


C'è chi la chiama agretti chi barba di frate, a me è tanto simpatico quest'ultimo termine :-)





Cosa serve:


un mazzo di barba di frate (o agretti) circa 1/2 kg.
4 uova
1/2 bicchiere di aceto di vino bianco
sale e pepe nero
100 g. di pancetta affumicata a cubetti


Pulire e lavare bene la barba di frate, lessarla in acqua (senza sale) per 
7/8 minuti circa. Scolarla bene


In un padellino antiaderente far rosolare la pancetta, unire la barba di frate
e lasciare insaporire qualche minuto.
Siccome la pancetta conferisce molto sapore, non occorre salare la verdura.


Intanto, a parte, mettere sul fuoco una casseruola con un litro circa di acqua.
con l'aceto, quando freme, (un attimo prima del bollore), girare velocemente con
un cucchiaio di legno, come per produrre un vortice.


Sgusciare un uovo per volta in una ciotolina.
Tuffare, con delicatezza, l'uovo nell'acqua + aceto, continuare ad accompagnare
l'albume che si sta rapprendendo, intorno al tuorlo (usando un cucchiaio di legno)
calcolare due minuti/due minuti e mezzo di cottura.


Infine, raccogliere l'uovo in camicia con una schiumarola.
(procedere così per ogni uovo)


Raccogliere la barba del frate con la pancetta in ogni singolo piatto
a "nido" (con una grande forchetta, come si fa con gli spaghetti, arrotolare
la barba del frate su se stessa), adagiare l'uovo in camicia e 
spolverarizzare con poco sale e nero macinato.









21 commenti:

  1. Ma dai.... il nome piace anche a me!!!!!Ma la presentazione poi è bellissima e quell'ovetto adagiato sopra come se fosse nel nido.... una vera goduria!!!!!!!!!!
    Un bacio dolce Batù e spero che vada meglio
    Ti abbraccio forte!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. non li ho mai provati neanche io, la voglia c'è il problema è trovarli freschi;-) ci vuole proprio l'orticello!
    uff

    RispondiElimina
  3. dai Pallina... prova a cercala è davvero buona!
    No, Renatina... no - decisamente.... :-( devo avere moooolta pazienza

    RispondiElimina
  4. Ciao, pensa che siamo sempre stati tentati a provare questa famosa barba di frate. Ora è arrivato il momento e la tua ricetta sembra davvero squisita.

    RispondiElimina
  5. quanto mi piacciono e poi cucinato con queste bontà^-^

    RispondiElimina
  6. Anche io conosco la barba di frate, ma non l'ho mai provata e con questa ricetta mi piacerebbe tanto.Mi spiace sapere che non ti sia rimessa con la salute. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Bella ricetta, brava!!!
    Mi piace molto anche il nuovo look del blog!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  8. neanch'io ho mai mangiato gli agretti, li devo proprio comprare!

    RispondiElimina
  9. meravigliosooooo davvero da provare

    RispondiElimina
  10. E'una bellissima ricetta, un piatto unico saporito e salutare! non sono certa di riuscire nella cottura delle uova in camicia.. tu lo spieghi molto bene, un giorno di questi voglio provarci! bacioni!

    RispondiElimina
  11. A me piace molto. Dalle mie parti, infatti, si chiamano agretti.

    RispondiElimina
  12. Mai provati! Barba di frate è simpaticissimo come nome.
    In bocca al lupo per i contest!

    RispondiElimina
  13. Che bella idea, la barba di frate mi piace un sacco!!!!

    RispondiElimina
  14. Neanche io l'ho mai provata, la seminerò!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  15. ciao, io li chiamo agretti, ma di solito li mangio lessate e conditi con olio sale e limone, così tutta un'altra storia, baci

    RispondiElimina
  16. Ciao cara :) come stai? Sei in via di miglioramento? Io non l ho mai fatta la barba di frate pero' se la trovo la provo! Un bacione

    RispondiElimina
  17. anche a me piacciono molto ma non li cucino spesso...dovrò rimediare. Grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  18. Anche a me piacciono moltissimo gli agretti, mai provati con gli spaghetti? ci stanno a pennello proprio per il loro aspetto
    grazie anche per questa ricetta
    Valentina

    RispondiElimina
  19. Non l'ho mai provata questa simpatica verdura, ma ora inizio ad essere molto curiosa!!!

    RispondiElimina
  20. Ahahahahahaha barba di frate, bellissimo questo nome. Sono proprio curiosa!!! Hai sempre delle ottime idee e mi fai conoscere tante cose, brava!!!!!!

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...