Lettori fissi

Contattami

Contattami
Per scrivermi clicca sull'immagine

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"

La nostra rubrica di ricette "al Km 0"
il 2° e 4° venerdì di ogni mese

Tutti i lunedì

Tutti i lunedì
ci sono anche io nel team!

Contest Vinti

Contest a cui partecipo

Preleva il mio Banner

Batuffolando Ricette

Traduttore

English French German Spain Russian Portuguese
Powered by Calendar Labs

Condividi

Post Casuali

Commenti Recenti

Sono su Alice Cucina di agosto 2015

Sono su Alice Cucina di agosto 2015
Con la mia ricetta: peperoncini ripieni alla piemontese

Sono Su Il Giornale.it

Sono Su Il Giornale.it
Con la mia ricetta: risotto allo zafferano con salsiccia e toma piemontese

La mia collaborazione con LionsHome

Faccio parte di

Faccio parte di

Lena

Lena
..snob..io?

Jighen & Seng

Jighen & Seng
L'ora della pappa....

Jerry Lee & Zanna Bianca

Jerry Lee & Zanna Bianca
... sempre insieme

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

"Chi abbandona gli animali è un vigliacco"

Comunika food

Welcome!

Welcome!
sabato 21 settembre 2013
Sacòcia, in piemontese, significa tasca.
Ed è così che noi chiamiamo questo secondo di carne.


Occorre far tagliare, dal macellaio, un pezzo di carne possibilmente il petto del vitello in modo da formare una tasca, che verrà riempita e poi cucita con spago da cucina.


Generalmente uso gli spinaci, ma in primavera vado a raccogliere nei prati, vicino casa, una verdurina tenerissima molto saporita, che ricorda gli spinaci. Qui in piemonte, dove abito io, la chiamiamo cujet. In altre zone del piemonte so che la chiamano scuscet. Il termine corretto  è silene vulgaris.



Per 6 persone:

Un pezzo di punta di vitello da 600 g.
1/2 carota
1 uovo sodo
1 uovo crudo
un pugnetto di spinaci già bolliti e strizzati (io ho usato i cujet)
un pugnetto di mollica di pane raffermo
poco latte
una gratta di noce moscata
un pugnetto di parmigiano grattugiato
sale e pepe
100 g. carne di vitello macinata
100 g. polpa di salsiccia di maiale

Facoltativa (io la servo solo d'estate)
salsa bearnese.

Cosa serve per la salsa:

250 g. burro
3 tuorli
poco scalogno e aglio tritati molto finemente
1 bicchiere di vino bianco secco o aceto di vino bianco
1/2 cucchiaino di farina 00
prezzemolo tritato
sale e pepe.

PREPARARE LA CARNE:
Far tagliare dal macellaio il pezzo di carne (è lo stesso pezzo che si usa per fare le rolate) in modo da ottenere una tasca.
Far rassodare l'uovo e tritare grossolanamente la carota.
Mettere il pane ad ammollare nel latte e poi strizzarlo e tritarlo.
Amalgamare la carne macinata con la polpa della salsiccia con l'uovo crudo, la mollica di pane, sale e pepe. Aggiungere il parmigiano grattugiato, la grattata di noce moscata e la verdura ben strizzata e tritata grossolanamente, unire la carota.

Amalgamare con una forchetta o con le mani e con questo composto, riempire la sacòcia per metà, inserire l'uovo sodo e terminare con la farcia rimasta facendo in modo che l'uovo sodo rimanga avvolto dal composto.

Fare attenzione a non riempirla troppo, altrimenti in cottura "scoppierà".


Con spago da cucina e ago da maglia, sterilizzato, cucire l'estremità della sacòcia.
In una casseruola antiaderente scaldare olio e.v.o e rosolare bene la carne da entrambi i lati. Salare leggermente, abbassare la fiamma, mettere il coperchio e cuocere per due ore a fiamma dolcissima.

Bagnare ogni tanto con poca acqua.

A cottura ultimata, fare raffreddare bene, eliminare la striscia di carne cucita e tagliare a fettine.
E' essenziale che la carne sia fredda, altrimenti la fetta si romperà.
Rimettere le fette nella casseruola riscaldare e servire.


Buona anche fredda. Soprattutto d'estate accompagnata con salsa bearnese.

PER FARE LA SALSA BEARNESE:

Mettere in un pentolino il vino bianco (o aceto bianco se preferite), a fiamma viva, con lo scalogno e un'idea di aglio tritati insieme. Lasciare evaporare completamente.

Al composto freddo aggiungere i tuorli d'uovo, il mezzo cucchiaino raso di farina, due cucchiaiate di acqua, sale, pepe.

Mettere a bagnomaria in un casseruolino un po' più grande, in acqua non bollente ma sfrigolante, e aggiungere il burro. Mescolare in continuazione e cuocere per circa 10 minuti. Spegnere. La salsa deve avere la consistenza di una maionese.
Per ultimo, aggiungere il prezzemolo tritato.



37 commenti:

  1. Strepitoso questo secondo, considerando che sono una fan delle erbe spontanee, devo proprio prendermi nota e realizzarlo!

    RispondiElimina
  2. Ma è una favola questo secondo piatto.. invitantisskmo

    RispondiElimina
  3. Adoro le tasche ripiene voglio provare la tua versione al più presto!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  4. Ricetta interessante, un buo abbinamento di carne e verdura. Colgo l'occasione per farti i complimenti per il tuo blog. A mio avviso evoca sapori e profumi di una volta. Ancora brava.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Un piatto davvero delizioso, in bocca al lupo per il contest. Laura

    RispondiElimina
  7. Che bontà cara Batù, quasi quasi prendo il cestino e vado per prati!
    ciao cara e buon pomeriggio ::)))

    RispondiElimina
  8. Oh Batù che bella e golosa tasca...
    Proprio una tentazione la foto della fetta e che gustoso il ripieno ....Insomma ragazza una ricetta meravigliosa poi con la salsa immagino il sapore....
    BRAVISSIMA!!!!!!!!!!!
    Ti abbraccio forte
    Ciao

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia! Mi piacciono un sacco le tasche e non so perché non ci penso mai...
    Un bacione cara ^^

    RispondiElimina
  10. ...che delizia questo piatto...adoro le tasche ripiene! Ti ho aggiunta, ricordati di mettere nel post anche il link ad Enjoy, come da regolamento!
    Buona serata

    RispondiElimina
  11. wow wow.. che robetta questa!! devo pensare a qualcosa per il tuo contest.. sono in elaborazione eh?!!' baci

    RispondiElimina
  12. questa tasca oltre ad esser molto buona è anche fantastica da guardare!!
    Spero tanto di riuscire a partecipare al tuo contest Batù!!! :-(

    RispondiElimina
  13. E' da un po' che voglio provare anche io a fare una tasca farcita la tua e' buonissima! Ma lo sai che credo che quell' erbette qua in veneto in dialetto venga chiamata schioppet a me piace un sacco!!!! Baci

    RispondiElimina
  14. Che bella la tua tasca (anche da noi è sacocia). Questa erbetta invece non la conosco. Bravissima anche la salsa Bearnese... devo proprio provare a farla. Bacioni

    RispondiElimina
  15. Ciao passa qui c'è una cosa x te:
    http://cucinaefimo77.blogspot.it/2012/04/mille-grazie-mony.html
    bacioni

    RispondiElimina
  16. Oh mamma, Batucciaaaaaaaaaaa è bellissima questa tasca!!!!!!Utilissima questa ricetta!!!!:-)E tu sei...BRAVISSIMAAAAAAA!!(Così ho usato tutti i superlativi possibili:-)))Un bacioneeeeeee

    RispondiElimina
  17. è una saccoccia bella piena! non conosco questa pianta, non posso immaginare nemmeno il sapore, il ripieno è davvero gustoso! ciao cara!

    RispondiElimina
  18. bella riccetta .... un piatto della festa!!!
    ciao a presto ^_^

    RispondiElimina
  19. Bella questa ricetta, questa verdurina non la conoscevo...

    RispondiElimina
  20. Ciao...finalmente dò un nome a questa verdurina che ho visto in giro. L'ho provata anch'io e la trovo fantastica! Un caro saluto ;-)

    RispondiElimina
  21. http://www.archcook.com/2012/02/and-winner-is-verso-un-nuovo-contest.html?utm_source=BP_recent


    ciao!!!! passavo da qua e curiosando ho pensato di invitarti a partecipare con una rapida e gustosissima insalata!!! apresto!!!

    RispondiElimina
  22. è una magnifica tasca ripiena, comoda che si può preparare anche in anticipo

    RispondiElimina
  23. Che bella preparazione! Non conosco questa verdura e non so se cresca da noi però la ricetta è comunque valida, come dici tu, anche con gli spinaci.
    Complimenti, la fetta è bellissima!
    A presto!

    RispondiElimina
  24. Ragazzi quanti complimenti.. mi fate arrossire.
    Occhio eh per la verdurina? nei campi c'è n'è una simile peccato che sia tossica. Quella cattiva la riconoscete perchè ha la "barba".

    Simo: ok scusa la dimenticanza.. provvedo subito, grazie!

    RispondiElimina
  25. Quest'anno non l'ho ancora fatto.......ma la tua versione è veramente splendida.....

    RispondiElimina
  26. Ciao, piacere di conoscerti, anche a noi piace preparare ricette con erbette spontanee, ti seguiamo con piacere, a presto

    RispondiElimina
  27. esatto le stesse erbette che ho usato io noi li chiamiamo cavolini

    RispondiElimina
  28. Gnam gnam!! Che prelibatezza!!! Bravissima

    RispondiElimina
  29. Buono! Sai che somiglia a quello che noi chiamiamo "aricchi i lepri" ovvero orecchie della lepre, per la loro forma... io le adoro con la frittata... baci

    RispondiElimina
  30. Mamma mia che bontà!!!!
    Aggiungo subito!!
    Grazie tante!!

    P.S. che nome complicato!!! Ma è un piatto italiano?? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) sì sì cara Danita è italianissimo! felice che ti sia piaciuta, Grazie mille!

      Elimina
  31. Mi hai fatto venire voglia di provare come alternativa a farla con i barbabouc (Tragopogon pratensis), i Cujet li adoro specie per le frittate, con quell'inconfondibile fondo di pisellini freschi appena sgusciati, si potrebbero provare anche per agnolottare, essendo dolcini e meno soverchianti, come gusto, di spinaci e biente, che ne pensi?
    Ciao e grazie per l'idea, Giorgio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giorgio che dire? l'idea mi piace moltissimo! i barbabouc ah! mi hai riportata indietro nel tempo e mi hai fatto venire fame :-)

      Elimina
  32. Che ricetta ricca, bella...e sicuramente gustosissima! Adoro le erbe selvatiche, quelle che conoscono in pochi e spesso sono le più saporite. Da me in calabria ci sono gli "sculìmbri" ( non ho idea di quale sia il vero nome, io li ho sempre chiamati così!) che hanno le sembianze di asparagi sottili, ma il sapore dei carciofi. Voglio provare ad usarli per fare la tua tasca! :) Mi aggiungo ai tuoi sostenitori! Passa da me se ti va. A presto!

    RispondiElimina
  33. Ottino piatto della festa nella cultura contadina piemontese.
    con lo stesso metodo di preparazione mi permetto di consigliarlo anche lessato (il brodo che ne deriverà è una prelibatezza per il palato) da mangiare anche freddo.

    RispondiElimina

Grazie per essere mio ospite e per i commenti che scriverai; andranno a migliorare e ad arricchire questo blog.
Si chiede e si ricambia educazione :-)
I commenti sono moderati, per evitare l'antipatico codice captcha ovvero poter scremare lo spam; quindi non saranno immediatamente visibili. I commenti anonimi, di qualunque genere, privi di firma e link di riferimento al proprio sito-blog non sono graditi e non verranno pubblicati

Buona giornata!

Le mie origini?

Le mie origini?
Piemonte & Sicilia

Seguimi su Facebook

Seguimi su Pinterest

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"

La pagina facebook della nostra rubrica "al Km 0"
Clicca sull'immagine

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito

RICETTARIO Per leggere tutte le ricette clicca sulle immagini delle categorie elencate di seguito
Le dosi, se non diversamente specificato, sono da intendersi per 4 persone

Cosa cerchi?

Antipasti e finger food

Pasta fresca fatta in casa

Primi

Secondi

Secondi di pesce

Verdure e contorni

Torte salate & C.

Preparazioni base salate e dolci

Pane e lievitati salati

Brioches e lievitati dolci

Ricette di mio figlio

Dolcetti e Biscotti

Crostate e crostatine

Torte da credenza

Dolci al Cucchiaio

Dolci Fritti

Torte di compleanno e Dolci farciti

Dolci e lievitati per le feste

Conserve di frutta e verdura - liquori

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre

Consigli dalla A alla Z per realizzare la pasta madre
Clicca sull'immagine per leggere

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura

Consigli dalla A alla Z per preparare e sterilizzare conserve di frutta e verdura
Clicca sull'immagine per leggere

Privacy policy cookie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...